In Siria, la Russia guida gli sforzi per reclutare combattenti per l’Ucraina

0
33

Gli analisti affermano che Mosca ha reclutato combattenti siriani attraverso la sua rete di mercenari e gruppi locali.

Le persone si radunano vicino a una statua dell’ex presidente Hafez al-Assad a Damasco, in Siria, mentre tengono le bandiere siriane e russe a sostegno dell’invasione russa dell’Ucraina [File: Yamam al-Shaar/Reuters]

Beirut, Libano – Anche dopo un decennio di guerra civile, i siriani hanno cercato di trovare una via d’uscita dal paese per combattere in un altro.

Mosca attraverso la compagnia mercenaria Wagner Group e gruppi di combattenti siriani supportati hanno reclutato uomini per combattere a fianco delle truppe russe in Ucraina. Secondo quanto riferito, migliaia di persone in tutto il paese dilaniato dalla guerra hanno espresso interesse ad iscriversi.

Un gruppo, soprannominato ISIS Hunters, ha fatto richieste di reclutamento almeno due volte nell’ultimo mese. Gli interessati devono avere un’età compresa tra i 23 ei 43 anni e devono presentare un documento d’identità personale e documenti che dimostrino di avere esperienza militare.

I cacciatori dell’ISIS faranno quindi loro sapere se sono stati reclutati o meno e li convocheranno per il dispiegamento “in un secondo momento, quando necessario”.

Sono strettamente legati al gruppo Wagner e condividono persino un’insegna quasi identica.

“Mosca sta prendendo l’iniziativa con il reclutamento”, ha detto ad Al Jazeera Omar Abu Layla, un attivista siriano con sede in Europa che dirige i media siriani e il gruppo di monitoraggio Deir EzZor 24.

“Se la vedi come una struttura gerarchica, hai la Russia al vertice, poi il Gruppo Wagner, poi le Forze di difesa nazionali”, ha spiegato, essendo quest’ultime una rete di gruppi di combattenti privati ​​filo-governativi.

Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato a marzo che approverà fino a 16.000 combattenti del Medio Oriente da schierare nella regione ucraina del Donbas per sostenere i gruppi ribelli sostenuti dalla Russia.

Il Pentagono degli Stati Uniti ha affermato di aver visto indicatori del fatto che il gruppo Wagner ha reclutato combattenti dalla Siria, dalla Libia e da altri paesi con l’obiettivo di schierare “un migliaio o giù di lì” nella provincia orientale.

Zvezda TV, di proprietà del ministero della Difesa russo, ha trasmesso un video di uomini siriani in abiti militari, che sventolano bandiere siriane e russe, impegnandosi a combattere al fianco delle forze russe in Ucraina.

Centri di reclutamento

Un combattente a Homs con il gruppo Desert Hawks Brigade, recentemente sciolto, sostenuto dalla Russia, ha detto che il suo leader, Mohamad Jaber, ha contattato ex combattenti per riorganizzarsi e sostenere la guerra russa in Ucraina. Ha accettato la richiesta di Jaber.

I Desert Hawks erano considerati uno dei due rami di caccia più significativi e spietati della Siria nell’esercito. Ha preso parte a importanti offensive ad Aleppo, Palmyra, Lattakia e Deraa per mantenere il presidente Bashar al-Assad al potere.

“Altrimenti ti iscrivi al [ISIS] Centro di cacciatori a Homs”, ha detto il combattente, parlando in condizione di anonimato.

Gregory Waters, analista del Counter Extremism Project e membro non residente del Middle East Institute, ha affermato che ci sono più di una dozzina di centri di reclutamento in Siria gestiti da gruppi armati privati ​​filogovernativi sostenuti da Mosca.

Nel frattempo, nella provincia orientale di Deir Az Zor, il gruppo Wagner e le forze alleate siriane hanno iniziato direttamente a reclutare siriani per fare volontariato in Ucraina, ha detto Abu Layla.

Gli stipendi partono da $ 200- $ 300 al mese per i volontari che lavorano come guardie di sicurezza per proteggere le installazioni, ma quelli con una maggiore esperienza militare ricevono tariffe più elevate, superiori a $ 1.000 al mese, ha affermato.

È una retribuzione interessante in un paese in cui il 90 per cento della popolazione vive in povertà e dove l’accesso a cibo e riscaldamento adeguati sta diventando sempre più fuori portata.

Abu Layla ha detto che molti siriani che fanno volontariato non sono coinvolti solo per i soldi.

“Alcune di queste milizie siriane sperano di ottenere posizioni più alte e credono che potrebbero farlo se mostreranno lealtà alla Russia”, ha spiegato. “Ma con molti altri in Siria che sperano di emigrare in Europa, vedono questo come il loro biglietto d’oro”.

Nel frattempo, i broker che affermano di aiutare ad accelerare il reclutamento per i siriani hanno invaso gruppi di Facebook e altre piattaforme di social media, inclusa una chiamata Opportunità di lavoro con i nostri amici russi.

Decine di siriani, molti dei quali vestiti in mimetica nelle loro foto, sembrano disperati per opportunità all’estero, anche se questo mette a rischio la loro vita.

Molti sulla pagina, incluso il caccia della Desert Hawk Brigades, in attesa di schieramenti li hanno definiti “truffatori”.

“Ci sono così tante persone corrotte che dicono che verrai reclutato immediatamente e inviato in Ucraina se paghi loro un anticipo”, ha detto.

Un reclutatore ha affermato in un post che i volontari schierati in Siria riceveranno uno stipendio mensile di 1.500 euro (1.657 dollari USA), avranno tutte le spese personali coperte e riceveranno una somma forfettaria di 50.000 euro (55.235 dollari USA) al termine del servizio. “Voglio iscrivermi, per favore qualcuno mi aiuti”, ha detto un uomo di mezza età nella sezione commenti.

Tuttavia, un giovane sulla pagina, vestito con abiti militari nella sua foto, ha detto che questo reclutatore era una frode.

Ha pubblicato screenshot di WhatsApp in cui il reclutatore ha chiesto commissioni di intermediazione, ma avrebbe ridotto la commissione se avesse trovato più persone da reclutare. “Questo truffatore dice che ci firmerà per andare in Russia, avvertirà le autorità!” ha detto in un post arrabbiato.

INTERACTIVE_UCRAINA_CONTROL MAP DAY37_Chi controlla cosa

‘Stai lontano’

Alcuni analisti sono scettici sul processo di reclutamento e sul fatto che la Russia schiererà presto siriani armati in Ucraina.

“Devo ancora vedere prove di contratti”, ha detto Waters, descrivendo le promesse come “magnitudo politico”.

Nessun combattente siriano ha ancora raggiunto l’Ucraina. Tuttavia, secondo quanto riferito, alcuni sono arrivati ​​in Russia. L’organizzazione di responsabilità Syrians for Truth and Justice, ha affermato che il gruppo Wagner e una società di sicurezza partner siriana hanno trasportato volontari siriani a Bengasi, in Libia, a Damasco, in Siria e infine in Russia. Un funzionario del governo siriano ha negato questo.

Il caccia della Desert Hawks Brigade è ancora in attesa in Siria e non sa quando sarà chiamato per il dispiegamento. “Non so cosa sta succedendo in questo momento”, ha ammesso. “Una volta che il nostro leader ci dice che stiamo viaggiando, viaggeremo”.

Detto questo, non tutti i siriani sono interessati a combattere una nuova guerra, dopo più di un decennio di conflitto nel proprio Paese che ha ucciso centinaia di migliaia di persone e sfollato milioni di persone. Alcuni dicono che, nonostante il fondamentale sostegno militare della Russia al governo siriano, l’Ucraina non è una guerra da combattere per loro.

Un siriano che ha combattuto con un gruppo di combattenti sostenuto dalla Russia ha detto che rimanere in Siria nonostante la terribile situazione economica è “la cosa onorevole da fare”.

“Al diavolo Russia e Ucraina”, ha detto. “Ecco il mio consiglio, non iscriverti e stai lontano da tutto.”