Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi In che modo la terapia tratta e beneficia i bambini e alcuni...

In che modo la terapia tratta e beneficia i bambini e alcuni adulti

0
27

gioca terapia, ragazzo gioca con i giocattoli con un terapista

Che cos'è la terapia del gioco?

La terapia del gioco è una forma di terapia utilizzata principalmente per i bambini. Questo perché i bambini potrebbero non essere in grado di elaborare le proprie emozioni o articolare problemi per genitori o altri adulti.

Mentre può sembrare un normale tempo di gioco, la terapia del gioco può essere molto più di questo.

Un terapista qualificato può usare il tempo di gioco per osservare e ottenere informazioni dettagliate sui problemi di un bambino. Il terapeuta può quindi aiutare il bambino a esplorare le emozioni e affrontare un trauma irrisolto. Attraverso il gioco, i bambini possono imparare nuovi meccanismi di coping e come reindirizzare comportamenti inappropriati.

La terapia del gioco è praticata da una varietà di professionisti della salute mentale autorizzati, come psicologi e psichiatri. È anche praticato da terapisti comportamentali e occupazionali, fisioterapisti e assistenti sociali.

Inoltre, l'Associazione per la terapia del gioco offre programmi di formazione specializzati e credenziali avanzate per professionisti della salute mentale autorizzati, consulenti scolastici e psicologi scolastici.

Vantaggi della terapia del gioco

Secondo l'organizzazione professionale Play Therapy International, fino al 71% dei bambini indirizzati alla terapia del gioco può sperimentare cambiamenti positivi.

Mentre alcuni bambini potrebbero iniziare con qualche esitazione, la fiducia nel terapeuta tende a crescere. Man mano che si sentono più a loro agio e il loro legame si rafforza, il bambino può diventare più creativo o più verbale nel loro gioco.

Alcuni dei potenziali benefici della terapia del gioco sono:

  • assumersi maggiori responsabilità per determinati comportamenti
  • sviluppare strategie di coping e capacità creative di problem solving
  • rispetto per sè stessi
  • empatia e rispetto per gli altri
  • alleviare l'ansia
  • imparare a provare e esprimere pienamente i sentimenti
  • abilità sociali più forti
  • relazioni familiari più forti

La terapia del gioco può anche incoraggiare l'uso del linguaggio o migliorare le capacità motorie fini e grossolane.

Se il tuo bambino ha una malattia mentale o fisica diagnosticata, la terapia del gioco non sostituisce i farmaci o altri trattamenti necessari. La terapia del gioco può essere utilizzata da sola o insieme ad altre terapie.

Quando viene utilizzata la terapia del gioco

Sebbene le persone di tutte le età possano beneficiare della terapia del gioco, viene generalmente utilizzata con bambini di età compresa tra 3 e 12 anni. La terapia del gioco può essere utile in una varietà di circostanze, come ad esempio:

  • di fronte a procedure mediche, malattie croniche o cure palliative
  • ritardo dello sviluppo o difficoltà di apprendimento

  • comportamenti problematici a scuola
  • comportamento aggressivo o arrabbiato
  • problemi familiari, come il divorzio, la separazione o la morte di un familiare stretto
  • catastrofi naturali o eventi traumatici
  • violenza domestica, abuso o abbandono
  • ansia, depressione, dolore

  • disturbi alimentari e sanitari
  • disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)
  • disturbo dello spettro autistico (ASD)

Come funziona la terapia del gioco?

C'è un po 'di lacuna comunicativa tra bambini e adulti. A seconda dell'età e dello stadio di sviluppo, i bambini semplicemente non hanno le competenze linguistiche degli adulti. Potrebbero provare qualcosa, ma in molti casi, o non possono esprimerlo a un adulto o non hanno un adulto di fiducia a cui esprimerlo.

Dall'altro lato, gli adulti possono fraintendere o perdere completamente i segnali verbali e non verbali del bambino.

I bambini imparano a capire il mondo e il loro posto in esso attraverso il gioco. È dove sono liberi di recitare i loro sentimenti interiori e le emozioni più profonde. I giocattoli possono agire come simboli e assumere un significato maggiore, se sai cosa cercare.

Dal momento che il bambino non può esprimersi adeguatamente nel mondo degli adulti, il terapeuta si unisce al bambino nel loro mondo, al loro livello.

Mentre giocano, il bambino può diventare meno sorvegliato e più incline a condividere i propri sentimenti. Ma non sono sotto pressione. Sono autorizzati a farlo nel proprio tempo e con il proprio metodo di comunicazione.

La terapia del gioco differirà a seconda del terapeuta e delle esigenze particolari del bambino. Per iniziare, il terapeuta potrebbe voler osservare il bambino che gioca. Potrebbero anche voler condurre interviste separate con il bambino, i genitori o gli insegnanti.

Dopo una valutazione approfondita, il terapeuta stabilirà alcuni obiettivi terapeutici, deciderà quali limiti potrebbero essere necessari e formulerà un piano per come procedere.

I terapisti del gioco prestano molta attenzione al modo in cui un bambino gestisce la separazione dal genitore, al modo in cui gioca da solo e al modo in cui reagisce quando il genitore ritorna.

Molto può essere rivelato nel modo in cui un bambino interagisce con diversi tipi di giocattoli e in che modo cambia il loro comportamento da una sessione all'altra. Possono usare il gioco per mettere in scena paure e ansie, come un meccanismo rilassante o per guarire e risolvere i problemi.

I terapisti del gioco usano queste osservazioni come guida per i passi successivi. Ogni bambino è diverso, quindi la terapia sarà adattata alle sue esigenze individuali. Man mano che la terapia avanza, i comportamenti e gli obiettivi possono essere rivalutati.

Ad un certo punto, il terapeuta può coinvolgere i genitori, i fratelli o altri membri della famiglia in terapia. Questo è noto come terapia filiale. Può aiutare a insegnare la risoluzione dei conflitti, promuovere la guarigione e migliorare le dinamiche familiari.

Gioca alle tecniche terapeutiche

Le sessioni durano in genere da 30 minuti a un'ora e si svolgono circa una volta alla settimana. Quante sessioni sono necessarie dipende dal bambino e dalla sua risposta a questo tipo di terapia. La terapia può aver luogo singolarmente o in gruppo.

La terapia del gioco può essere direttiva o non direttiva. Nell'approccio direttiva, il terapeuta assumerà la guida specificando i giocattoli o i giochi che verranno utilizzati nella sessione. Il terapeuta guiderà il gioco con un obiettivo specifico in mente.

L'approccio non direttivo è meno strutturato. Il bambino è in grado di scegliere giocattoli e giochi come meglio crede. Sono liberi di giocare a modo loro con poche istruzioni o interruzioni. Il terapeuta osserverà attentamente e parteciperà come appropriato.

Le sessioni devono svolgersi in un ambiente in cui il bambino si senta al sicuro e in cui vi siano poche limitazioni. Il terapista può utilizzare tecniche che prevedono:

  • visualizzazione creativa
  • narrativa
  • di ruolo
  • telefoni giocattolo
  • burattini, animali di peluche e maschere
  • bambole, personaggi d'azione
  • arti e mestieri
  • giochi d'acqua e sabbia
  • blocchi e giocattoli da costruzione
  • danza e movimento creativo
  • gioco musicale

Esempi di terapia del gioco

A seconda del bambino e della situazione, il terapeuta guiderà il bambino verso determinati metodi di gioco o lascerà che scelgano da soli. Esistono diversi modi in cui il terapista può utilizzare la terapia del gioco per conoscere il bambino e aiutarlo a far fronte ai suoi problemi.

Ad esempio, il terapista potrebbe offrire al bambino una casa delle bambole e alcune bambole, chiedendo loro di mettere in atto alcuni problemi che hanno a casa. Oppure potrebbero incoraggiare il bambino a usare i burattini per ricreare qualcosa che hanno trovato stressante o spaventoso.

Potrebbero chiedere a tuo figlio di raccontare una storia "c'era una volta" per vedere cosa potrebbe portare alla luce. Oppure potrebbero leggere storie che risolvono un problema simile a quello di tuo figlio. Questo è indicato come biblioterapia.

Potrebbe essere semplice come porre domande mentre tuo figlio sta disegnando o dipingendo per cercare di capire meglio il loro processo di pensiero. Oppure gioca a vari giochi con il bambino per incoraggiare la risoluzione dei problemi, la cooperazione e le abilità sociali.

Gioca a terapia per adulti

Il gioco non è solo per i bambini, e nemmeno la terapia del gioco. Anche gli adolescenti e gli adulti possono avere difficoltà a esprimere a parole i loro sentimenti più intimi. Gli adulti che possono beneficiare della terapia del gioco includono quelli affetti da:

  • disabilità intellettuali
  • demenza
  • malattie croniche, cure palliative e cure ospedaliere

  • uso di sostanze
  • trauma e abuso fisico
  • problemi di gestione della rabbia
  • disturbo post traumatico da stress (PTSD)
  • problemi d'infanzia irrisolti

Quando si lavora con gli adulti, un terapeuta può usare un drammatico gioco di ruolo o una terapia con sabbia per aiutarti a entrare in contatto con sentimenti di cui è difficile parlare. Queste terapie possono aiutarti a lavorare su strategie per affrontare scenari particolari.

L'atto stesso di suonare, che si tratti di giochi, arti e mestieri, o musica e danza, può aiutarti a rilassarti e distenderti dallo stress della vita quotidiana.

L'arte terapia, la musicoterapia e il movimento possono aiutare a rivelare traumi nascosti e promuovere la guarigione. Sotto la guida di un terapeuta esperto, il gioco può essere uno strumento prezioso per portarti dove vuoi essere.

La terapia del gioco per adulti può essere utilizzata come complemento ad altri tipi di terapia e farmaci. Come con i bambini, il terapista personalizzerà la terapia del gioco in base alle proprie esigenze specifiche.

Porta via

La terapia del gioco è un metodo di terapia che utilizza il gioco per scoprire e affrontare problemi psicologici. Può essere usato da solo, in particolare con i bambini, o insieme ad altre terapie e farmaci.

Per ottenere il massimo dalla terapia del gioco, cerca un professionista abilitato alla salute mentale con esperienza in questo tipo di terapia. Il pediatra o il medico di base può fare una segnalazione.

Puoi anche scegliere di cercare un terapista del gioco registrato accreditato (RPT) o un supervisore-terapeuta del gioco registrato (RPT-S) attraverso l'Associazione per la terapia del gioco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here