Il principe William ha deriso le osservazioni sulla crescita della popolazione in Africa

0
109

I critici si rivolgono ai social media per criticare i commenti di Royal sulle pressioni affrontate dalla fauna selvatica.

William, 39 anni, ha tre figli dalla moglie, Kate Middleton [Toby Melville/Pool via Reuters]

Al principe William del Regno Unito è stato detto di “farsi gli affari suoi” dai critici dopo aver suggerito che la crescita della popolazione sta mettendo in pericolo la fauna selvatica in Africa.

Parlando ai Tusk Conservation Awards a Londra martedì sera, William ha affermato che la crescente pressione sulla “fauna selvatica e sugli spazi selvaggi del continente a causa della popolazione umana” rappresenta una “grande sfida per gli ambientalisti, come in tutto il mondo”.

“Ma è imperativo che il mondo naturale sia protetto non solo per il suo contributo alle nostre economie, posti di lavoro e mezzi di sussistenza, ma per la salute, il benessere e il futuro dell’umanità”, ha affermato.

Le osservazioni del 39enne hanno fatto eco ai commenti che aveva fatto nel 2017, quando disse che la “popolazione umana in rapida crescita” dell’Africa stava mettendo la sua fauna selvatica e i suoi habitat sotto “enorme pressione”.

In quel caso, il reale è stato preso di mira per aver fatto le osservazioni mentre aspettava un terzo figlio.

Gli esperti hanno previsto che la popolazione dell’Africa raddoppierà fino a raggiungere i 2,5 miliardi di persone entro il 2050, rendendola potenzialmente la patria di più di un quarto della popolazione mondiale entro la metà di questo secolo.

Mentre alcuni hanno elogiato i commenti del principe come evidenziando il pericolo affrontato dal mondo naturale di fronte alla crescita della popolazione globale, altri si sono rivolti ai social media per criticare le sue osservazioni.

La giornalista Nadine Batchelor-Hunt ha twittato che l’attuale densità di popolazione dell’Africa è notevolmente inferiore a quella dell’Asia e dell’Europa.

Altri hanno suggerito che la maggiore fonte di danni alla fauna nel continente africano fossero i cacciatori europei all’inizio del XX secolo.

“Incolpare i civili africani significa fraintendere totalmente la storia africana”, ha detto un utente di Twitter.

Alcuni sono andati oltre, dicendo che William “non aveva alcuna autorità morale per dire qualcosa sull’Africa o sugli africani e sulle loro vite”.

“Dovrebbe passare il tempo leggendo buoni libri di storia, allevando i suoi numerosi figli e trascorrendo del tempo con la sua grandissima famiglia sparsa in tutto il mondo. La sua opinione sono le acque reflue”, ha detto un utente di Twitter.

Ma Population Matters, un ente di beneficenza britannico che si batte per ridurre la crescita della popolazione e i suoi effetti sull’ambiente, ha accolto con favore le osservazioni del reale, chiedendo anche agli inglesi di avere meno figli

“Il principe attira giustamente l’attenzione sulla popolazione umana come un fattore chiave della perdita di fauna selvatica a livello globale, ma esiste un contesto più ampio, con un alto consumo in paesi ricchi e sviluppati come il Regno Unito che guida anche la distruzione dell’habitat mentre le foreste vengono disboscate per le colture per nutrire il bestiame del Regno Unito e dell’Europa. “, ha dichiarato al quotidiano britannico The Times Robin Maynard, direttore dell’ente benefico.

“Il Regno Unito ha la sfortunata distinzione di essere uno dei paesi più impoveriti dalla natura al mondo. L’azione più efficace che possiamo intraprendere per ridurre i nostri consumi è scegliere famiglie più piccole, una scelta non disponibile per centinaia di milioni di donne altrove”, ha affermato, citando la mancanza di accesso a contraccettivi moderni e sicuri in alcune parti del mondo.