Il presidente guatemalteco dichiara lo stato di allerta in due comuni

0
71

Un uomo arrestato da agenti della polizia civile nazionale è raffigurato mentre è seduto sul letto di un camion della polizia dopo che il presidente guatemalteco Alejandro Giammattei ha dichiarato lo stato di allerta in due comuni colpiti dalla violenza di gruppo, a Mixco, alla periferia di Città del Guatemala, Guatemala 17 gennaio 2020. REUTERS / Luis Vargas

CITTÀ DI GUATEMALA – Il nuovo presidente guatemalteco Alejandro Giammattei ha dichiarato venerdì uno stato di allerta in due comuni ai margini di Città del Guatemala che sono stati tormentati dalla violenza delle bande, sottolineando il suo impegno a diventare duro con il crimine.

Tre giorni dopo l'entrata in carica, Giammattei diede un ordine televisivo imponendo alcune restrizioni civili ai comuni di Mixco e San Juan Sacatepequez a ovest e nord-ovest della capitale.

"Da oggi in poi, perseguiremo incessantemente, 24 ore al giorno, tutti i criminali che ci hanno messo in ginocchio", ha detto.

Nel suo discorso inaugurale di questa settimana, Giammattei ha promesso di presentare una legge che designava le bande di strada come gruppi terroristici.