Il parlamento turco ha ratificato l'accordo di sicurezza con la Libia: relazione

0
67

ANKARA – Il parlamento turco ha approvato sabato un accordo di sicurezza e cooperazione militare firmato con il governo libico riconosciuto a livello internazionale il mese scorso, secondo i media statali, un accordo che potrebbe aprire la strada all'aiuto militare di Ankara.

FOTO FILE: il presidente russo Vladimir Putin (R) e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (L) partecipano a una conferenza stampa congiunta a seguito di colloqui russo-turchi nella località del Mar Nero di Sochi, in Russia, il 22 ottobre 2019. Sergei Chirikov / Pool via REUTERS / Foto di file

La Turchia ha appoggiato il governo libico guidato da Fayez al-Serraj mentre combatte un'offensiva di un mese da parte delle forze di Khalifa Haftar con base nell'est del paese.

Ankara ha già inviato forniture militari in Libia in violazione dell'embargo sulle armi delle Nazioni Unite, secondo un rapporto degli esperti delle Nazioni Unite visto da Reuters il mese scorso.

Le due parti hanno firmato l'accordo a novembre per rafforzare la cooperazione militare insieme a un accordo separato sui confini marittimi nel Mediterraneo orientale che ha fatto infuriare la Grecia.

L'agenzia di stampa statale Anadolu ha dichiarato sabato che il parlamento turco ha votato 269-125 a favore dell'accordo sulla sicurezza dopo che il governo di Accordo nazionale (GNA) di Serraj l'ha ratificato giovedì.

Il presidente turco Tayyip Erdogan ha affermato che la Turchia potrebbe schierare truppe in Libia a sostegno del GNA, ma non è stata ancora presentata alcuna richiesta. Venerdì ha detto che la Turchia non ha potuto tacere sui mercenari sostenuti dalla Russia a sostegno delle forze di Haftar.

La Russia ha affermato di essere molto preoccupata per la possibilità che la Turchia dispieghi truppe in Libia e che l'accordo di sicurezza abbia sollevato molte domande per Mosca.

Erdogan discuterà del potenziale dispiegamento di truppe di Ankara in Libia con il presidente russo Vladimir Putin durante i colloqui in Turchia il prossimo mese, ha detto il Cremlino martedì.

Parlando sabato, il vicepresidente turco Fuat Oktay ha affermato che gli accordi con la Libia sono storici per la Turchia e ha aggiunto che Ankara è pronta a valutare il possibile dispiegamento di truppe.

Ankara e Tripoli hanno anche ratificato l'accordo sui confini marittimi nel Mediterraneo orientale, una mossa che ha spinto la Grecia ad espellere l'ambasciatore libico ad Atene e ha intensificato le tensioni nella regione. Ankara e Atene sono state in contrasto con le risorse al largo della costa dell'isola divisa di Cipro.

La Grecia afferma che l'accordo viola il diritto internazionale, ma la Turchia ha respinto le accuse, affermando che l'accordo mira a proteggere i suoi diritti nel Mediterraneo orientale. Erdogan ha affermato che l'accordo consentirà a Turchia e Libia di svolgere operazioni congiunte di esplorazione nella regione.

Un alto funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sabato ha descritto l'accordo marittimo tra Ankara e Tripoli come "inutile" e "provocatorio".

"Ora, con i confini marittimi, stai disegnando in Grecia e Cipro … Dal punto di vista degli Stati Uniti, questa è una preoccupazione", ha detto il funzionario. "Non è il momento di provocare una maggiore instabilità nel Mediterraneo".

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here