spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoIl nuovo premier britannico Starmer chiede un cessate il fuoco "urgente" a...

    Il nuovo premier britannico Starmer chiede un cessate il fuoco “urgente” a Gaza

    -

    Keir Starmer dice a Netanyahu che il Regno Unito desidera continuare la sua “cooperazione vitale” con Israele.

    Il mio amico Keir Starmer
    In quanto leader dell’opposizione, Starmer era stato accusato di non aver chiesto un cessate il fuoco, adottando la stessa linea del primo ministro conservatore Rishi Sunak. [Suzanne Plunkett/Reuters]

    Il nuovo primo ministro del Regno Unito ha sottolineato la necessità di un cessate il fuoco e di una soluzione a due stati nei colloqui con i leader israeliano e palestinese, poiché Israele non ha mostrato alcuna intenzione di fermare la sua guerra devastante che ha ucciso più di 38.000 persone.

    Keir Starmer ha detto al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di una “chiara e urgente necessità di un cessate il fuoco, del ritorno degli ostaggi e di un immediato aumento del volume degli aiuti umanitari che raggiungono i civili”.

    In quanto leader dell’opposizione, Starmer era stato accusato di non aver chiesto un cessate il fuoco, seguendo la stessa linea del Primo Ministro conservatore Rishi Sunak. Aveva chiesto un cessate il fuoco a febbraio dopo un’intensa pressione pubblica mesi dopo essersi opposto a una risoluzione di cessate il fuoco nel Parlamento del Regno Unito. Era stato anche accusato di aver negato i biglietti ad alcuni membri filo-palestinesi del Partito Laburista, tra cui l’ex capo del partito Jeremy Corbyn.

    Almeno cinque candidati filo-palestinesi, tra cui Corbyn, hanno vinto le elezioni come indipendenti.

    Starmer è stato ampiamente criticato per aver detto che Israele “ha il diritto” di tagliare le forniture di acqua ed elettricità a Gaza in un podcast di LBC lo scorso ottobre. Un portavoce del partito laburista ha negato il blocco giustificato di acqua ed elettricità da parte di Starmer, affermando che il suo commento era in risposta a una domanda sul diritto di Israele a difendersi.

    Oltre 38.000 palestinesi sono stati uccisi, per lo più bambini e donne, nell’offensiva militare israeliana lanciata in seguito agli attacchi del 7 ottobre da parte di gruppi palestinesi contro Israele. Oltre 87.000 persone sono rimaste ferite e migliaia sono disperse.

    Secondo una dichiarazione del nuovo governo britannico, il primo ministro ha aggiunto che “era anche importante garantire che fossero presenti le condizioni a lungo termine per una soluzione a due stati, inclusa la garanzia che l’Autorità Nazionale Palestinese avesse i mezzi finanziari per operare in modo efficace”.

    Starmer ha assicurato a Netanyahu che il Regno Unito desidera continuare la sua “vitale cooperazione per scoraggiare le minacce maligne” con Israele. L’ufficio di Netanyahu non ha rilasciato alcuna dichiarazione dopo la telefonata di domenica.

    Starmer ha parlato anche con il presidente palestinese Mahmoud Abbas per ribadire le stesse priorità.

    “Discutendo l’importanza della riforma e della garanzia della legittimità internazionale per la Palestina, il primo ministro ha affermato che la sua politica di lunga data sul riconoscimento per contribuire al processo di pace non è cambiata, e che si tratta di un diritto innegabile dei palestinesi”, ha detto ai giornalisti un portavoce di Downing Street.

    Secondo l’agenzia di stampa Wafa, Abbas ha sottolineato l’importanza del riconoscimento dello Stato di Palestina da parte del Regno Unito.

    La Palestina è stata riconosciuta come Stato sovrano da oltre 140 Paesi; le ultime nazioni europee a farlo, a fine maggio, sono state Irlanda, Spagna e Norvegia.

    Secondo le Nazioni Unite e le organizzazioni umanitarie globali, l’esercito israeliano continua a limitare significativamente il flusso di aiuti umanitari internazionali diretti all’enclave assediata, provocando una malnutrizione di massa, soprattutto tra i bambini.

    Durante la telefonata con Netanyahu, Starmer ha parlato anche dell’intensificarsi degli scontri al confine tra Israele e Hezbollah del Libano, che rischiano ancora di trasformarsi in una guerra totale.

    Ha detto: “La situazione su [the] Il confine settentrionale di Israele era molto preoccupante ed era fondamentale che tutte le parti agissero con cautela”.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts