Il Nepal detiene 122 cinesi per sospetto crimine informatico, frode bancaria

0
60

KATHMANDU – La polizia in Nepal ha arrestato 122 cittadini cinesi nella sua più grande repressione del crimine da parte di stranieri che entrano nel paese con un visto turistico, hanno detto funzionari ieri.

Il capo della polizia nella capitale, Kathmandu, Uttam Subedi, ha detto che 122 uomini e donne cinesi sono stati rastrellati durante i raid lunedì dopo aver saputo che erano impegnati in attività sospette.

I cinesi sono sospettati di aver compiuto crimini informatici e di aver violato i bancomat, ha aggiunto Subedi, aggiungendo che erano detenuti in diverse stazioni di polizia e che i loro passaporti e computer portatili erano stati sequestrati.

"Questa è la prima volta che così tanti stranieri sono stati arrestati per sospette attività criminali", ha detto.

I funzionari dell'ambasciata cinese non sono stati immediatamente disponibili per un commento, ma un altro alto ufficiale di polizia, Hobindra Bogati, ha dichiarato che l'ambasciata era a conoscenza dei raid e aveva sostenuto la detenzione dei sospetti.

I cinesi sono regolarmente detenuti nei paesi asiatici per sospetto di coinvolgimento in varie attività illegali, che spesso implicano frodi in Cina.

La scorsa settimana, le autorità delle Filippine hanno arrestato 342 lavoratori cinesi in un raid per un'operazione di gioco d'azzardo senza licenza.

A settembre, la polizia ha arrestato cinque cittadini cinesi con l'accusa di aver rubato denaro hackerando bancomat. Anche quest'anno i cittadini cinesi sono stati arrestati con oro di contrabbando.

Nepal e Cina hanno firmato un trattato di mutua assistenza in materia penale durante una visita in Nepal del presidente Xi Jinping in ottobre.

Negli ultimi anni la Cina ha aumentato i suoi investimenti in Nepal in aree quali strade, centrali elettriche e ospedali.

Più di 134.000 turisti cinesi hanno visitato il Nepal tra gennaio e ottobre di quest'anno, in crescita del 9,2% rispetto allo stesso periodo del 2018, secondo i dati dell'Ente per il turismo del Nepal.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here