Il ministro degli Esteri della Bolivia afferma che l'appello del Messico alla Corte internazionale "un errore"

0
71

FOTO FILE: Karen Longaric, ministro degli Esteri della Bolivia, parla durante una conferenza stampa a La Paz, in Bolivia, il 23 dicembre 2019. REUTERS / David Mercado

LA PAZ – Il ministro degli Esteri della Bolivia ha respinto le affermazioni del Messico di aver aumentato la sua presenza di polizia fuori dalla sua ambasciata a La Paz e sta intimidendo i suoi diplomatici, dicendo che il Messico ha chiesto il sostegno della polizia e che non avrebbe mai violato i protocolli internazionali.

Karen Longaric ha affermato che l'appello del Messico alla Corte internazionale di giustizia per salvaguardare le sue strutture diplomatiche in Bolivia è stato un "errore" e un "errore legale", e l'appello dovrebbe essere ritirato.

"Nessuno può sporgere denuncia per fatti non dimostrati, nessuno può essere citato in giudizio per atti che non ha commesso", ha detto ai giornalisti a La Paz.

"Il governo di (Presidente Jeanine) Añez è rispettoso dei trattati internazionali, della Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche e, quindi le forze di sicurezza nazionali non entrerebbero mai in un edificio diplomatico senza previa autorizzazione."

Longaric ha affermato che il Messico ha "espressamente richiesto" due volte alla Bolivia ulteriore protezione della polizia per la sua ambasciata a La Paz il 19 e 29 novembre, in mezzo alle preoccupazioni per le proteste all'esterno.

Il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha dato asilo politico all'ex presidente boliviano Evo Morales dopo le sue dimissioni il 10 novembre, approfondendo le proteste su vasta scala nella nazione andina.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here