spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoIl Giappone cerca colloqui con i dirottatori Houthi della nave del Mar...

    Il Giappone cerca colloqui con i dirottatori Houthi della nave del Mar Rosso legata a Israele

    -

    Il Giappone si è avvicinato ai ribelli yemeniti nel tentativo di ottenere il rilascio del Galaxy Leader, dirottato nel Mar Rosso.

    Leader della Galassia
    I ribelli Houthi dello Yemen hanno sequestrato la Galaxy Leader al largo della costa yemenita del Mar Rosso [Handout/Houthi Media Office via Reuters]

    Il Giappone afferma che si sta “avvicinando direttamente” ai ribelli Houthi che hanno sequestrato una nave mercantile nel Mar Rosso.

    Lunedì Tokyo ha dichiarato che sta anche “comunicando con Israele” nel tentativo di garantire il rilascio del leader della Galassia. La nave è di proprietà di un uomo d’affari israeliano ed è gestita da una società giapponese.

    Il gruppo ribelle yemenita ha attaccato la nave il giorno precedente mentre era diretta in India dalla Turchia in risposta, ha affermato, agli “atti atroci” commessi da Israele a Gaza.

    Il governo giapponese ha “condannato fermamente” il sequestro della nave, gestita dalla Nippon Yusen (NYK Line). Tokyo ha esortato gli altri paesi interessati, tra cui Iran, Arabia Saudita e Oman, a partecipare per persuadere i ribelli a rilasciare presto la nave e gli ostaggi.

    Il ministro degli Esteri Yoko Kamikawa ha affermato che Tokyo “sta comunicando con Israele e, oltre ad avvicinarci direttamente agli Houthi, stiamo anche esortando l’Arabia Saudita, l’Oman, l’Iran e gli altri paesi interessati a sollecitare con forza gli Houthi per il rilascio anticipato della nave e dei membri dell’equipaggio. ”.

    “Il nostro governo continuerà ad adottare le misure necessarie in collaborazione con i paesi interessati, tenendo conto della situazione”, ha aggiunto.

    Conseguenze marittime

    Israele si è affrettato ad accusare l’attacco di un “atto di terrorismo iraniano”, affermando che avrà conseguenze per la sicurezza marittima internazionale.

    Lunedì il portavoce del Ministero degli Affari Esteri, Nasser Kanaani, ha negato il coinvolgimento dell’Iran nel sequestro della nave, che secondo Israele è di proprietà britannica e gestita dai giapponesi.

    Dopo l’attacco, il portavoce militare Houthi Yahya Saree ha postato su X: “Se la comunità internazionale è preoccupata per la sicurezza e la stabilità regionale, invece di espandere il conflitto, dovrebbe porre fine all’aggressione di Israele contro Gaza”.

    Secondo Israele, al momento dell’attacco la nave da trasporto era equipaggiata da un equipaggio internazionale di 25 persone, tra cui ucraini, bulgari, filippini e messicani, ma nessun israeliano.

    L’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu ha affermato che Israele non è coinvolto nella proprietà, nel funzionamento o nella composizione dell’equipaggio internazionale della nave, sebbene la compagnia madre appartenga all’uomo d’affari israeliano Abraham “Rami” Ungar, secondo i registri.

    Gli Houthi hanno lanciato diversi attacchi missilistici e droni contro Israele dal 7 ottobre, quando un attacco di Hamas all’interno di Israele ha provocato un’offensiva terrestre e aerea israeliana su Gaza.

    La settimana scorsa, gli Houthi allineati con l’Iran hanno affermato che potrebbero prendere di mira le navi israeliane nel Mar Rosso e nello stretto di Bab al-Mandeb. Saree ha rinnovato l’avvertimento che qualsiasi nave appartenente a Israele o a coloro che lo sostengono sarà un obiettivo legittimo per le forze Houthi.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts