spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoI prigionieri di Guantanamo Bay mostrano segni di "invecchiamento accelerato": CICR

    I prigionieri di Guantanamo Bay mostrano segni di “invecchiamento accelerato”: CICR

    -

    Il campo di prigionia di Guantanamo è diventato il simbolo della brutalità della cosiddetta “guerra al terrore” degli Stati Uniti.

    In questa foto d'archivio del 6 febbraio 2002, un detenuto viene condotto dalla polizia militare per essere interrogato da ufficiali militari a Camp X-Ray presso la base navale degli Stati Uniti a Guantanamo Bay, a Cuba.  Al momento in cui è stata scattata l'immagine c'erano 158 al-Qaida e talebani
    Un prigioniero guidato dalla polizia militare statunitense viene portato per l’interrogatorio a Camp X-Ray presso la base navale statunitense di Guantanamo Bay, a Cuba, nel 2002 [File: Lynne Sladky/AP]

    I prigionieri che sono stati detenuti per anni dagli Stati Uniti nella struttura di detenzione di Guantanamo Bay mostrano segni di “invecchiamento accelerato”, ha affermato un alto funzionario del Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC).

    Patrick Hamilton, capo della delegazione del CICR per gli Stati Uniti e il Canada, ha dichiarato venerdì che “le esigenze di salute fisica e mentale stanno crescendo e diventano sempre più impegnative” per coloro che sono ancora detenuti a Guantanamo Bay.

    “Chiediamo all’amministrazione e al Congresso degli Stati Uniti di lavorare insieme per trovare soluzioni adeguate e sostenibili per affrontare questi problemi”, ha affermato Hamilton in una nota.

    “L’azione dovrebbe essere intrapresa come una questione di priorità.”

    Il campo di prigionia di Guantanamo a Cuba è stato istituito dal presidente del Partito Repubblicano degli Stati Uniti George W. Bush nel 2002 per ospitare sospetti stranieri in seguito agli attacchi aerei del 2001 a New York e al Pentagono, che hanno ucciso circa 3.000 persone.

    Il campo è diventato il simbolo della brutalità della cosiddetta “guerra al terrore” degli Stati Uniti a causa dei duri metodi di interrogatorio che i critici hanno definito come tortura.

    I commenti di Hamilton sulla salute dei prigionieri sono arrivati ​​dopo una visita alla struttura a marzo dopo una pausa di 20 anni. Si è detto “colpito dal modo in cui coloro che sono ancora detenuti oggi sperimentano i sintomi di un invecchiamento accelerato, aggravati dagli effetti cumulativi delle loro esperienze e degli anni trascorsi in detenzione”.

    Ha chiesto ai detenuti di ricevere un’adeguata assistenza sanitaria mentale e fisica, nonché contatti familiari più frequenti.

    Il dipartimento della difesa degli Stati Uniti “sta attualmente rivedendo il rapporto”, ha detto un portavoce del Pentagono all’agenzia di stampa Reuters.

    C’erano 40 detenuti a Guantanamo quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, un democratico, si è insediato nel 2021. L’amministrazione Biden ha affermato di voler chiudere la struttura ma non ha presentato un piano per farlo. Nella prigione rimangono circa 30 detenuti.

    Due fratelli pachistani detenuti a Guantanamo Bay senza processo per più di 20 anni sono stati liberati dagli Stati Uniti a febbraio e sono tornati a casa. Abdul, 55 anni, e Mohammed Rabbani, 53 anni, sono stati riuniti alle loro famiglie dopo un interrogatorio formale da parte delle autorità pakistane.

    Hamilton ha invitato Washington a risolvere il destino dei detenuti, sollecitando un’azione per trasferire gli aventi diritto.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts