I palestinesi ridimensionano le proteste al confine tra Israele e Gaza

0
72

FOTO FILE: manifestanti palestinesi gridano durante gli scontri con le truppe israeliane in una protesta che chiede il diritto di tornare in patria, al confine tra Israele e Gaza, a est di Gaza City, 6 aprile 2018. REUTERS / Mohammed Salem

GAZA – I palestinesi a Gaza ridurranno le proteste lungo il confine fortificato con Israele, hanno detto giovedì le fazioni nella striscia, in segno di una detenzione duratura tra Israele e i governanti islamisti di Gaza, Hamas, lungo la volatile frontiera.

Per quasi 20 mesi, i palestinesi hanno tenuto dimostrazioni settimanali chiamate la "Grande Marcia del Ritorno", che sono diventate spesso violente quando le persone lanciano pietre e bombe contro le truppe israeliane che rispondono sparando con fuoco vivo.

Funzionari medici di Gaza affermano che 214 palestinesi sono stati uccisi da quando sono iniziate le proteste del venerdì nel marzo 2018. In quel periodo, un soldato israeliano è stato ucciso da un cecchino palestinese al confine durante le manifestazioni.

Tuttavia, le proteste si sono ridotte negli ultimi mesi. Gli analisti attribuiscono il declino degli sforzi diplomatici di Egitto, Qatar e Nazioni Unite per respingere una più ampia escalation tra Israele e Hamas.

Il Comitato Nazionale Superiore, una raccolta di fazioni con sede a Gaza e organizzazioni della società civile che organizzano le proteste, ha detto che venerdì ci sarà una protesta, ma che successivamente le manifestazioni si terranno mensilmente e in occasioni nazionali.

I manifestanti hanno chiesto la fine di un blocco di sicurezza imposto a Gaza da Israele ed Egitto, e che i palestinesi abbiano il diritto di tornare in terra dalla quale le loro famiglie sono fuggite o sono state costrette a fuggire durante la fondazione di Israele del 1948.

Israele rifiuta tale ritorno, dicendo che eliminerebbe la sua maggioranza ebraica.

Israele ha sequestrato Gaza in una guerra del 1967 e ha ritirato i suoi coloni e le sue truppe nel 2005. Dice che il suo blocco è necessario per impedire alle armi di raggiungere Hamas, che ha combattuto tre guerre con Israele e sparato contro di essa migliaia di missili nell'ultimo decennio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here