I paesi chiedono all'Iran di compensare i parenti delle vittime di incidenti aerei

0
85

LONDRA – Cinque paesi i cui cittadini sono morti quando l'Iran ha abbattuto un aereo di linea la scorsa settimana ha dichiarato giovedì che Teheran dovrebbe pagare un risarcimento alle famiglie delle vittime e ha avvertito che il mondo sta aspettando la sua risposta.

Canada, Ucraina, Svezia, Afghanistan e Gran Bretagna hanno affermato che l'Iran dovrebbe tenere una "indagine internazionale approfondita, indipendente e trasparente aperta alle nazioni in lutto", in una dichiarazione rilasciata dopo una riunione di funzionari a Londra.

L'aereo di linea è stato colpito da un missile l'8 gennaio poco dopo aver lasciato Teheran sulla rotta per Kiev. L'Iran ha ammesso sabato di aver abbattuto un aereo dell'Ucraina International Airlines per errore, dopo aver inizialmente negato di aver avuto un ruolo nell'incidente. Tutte le 176 persone a bordo, inclusi 57 canadesi, furono uccise.

I cinque paesi hanno chiesto all'Iran di condurre il processo di identificazione delle vittime con dignità e trasparenza nel rispetto dei desideri delle famiglie in merito al rimpatrio.

“Gli occhi della comunità internazionale sono oggi sull'Iran. Penso che l'Iran abbia una scelta e che il mondo stia guardando ”, ha detto il ministro degli Esteri canadese Francois-Philippe in una conferenza stampa a Londra.

I paesi hanno dichiarato di aver accolto con favore l'impegno dell'Iran fino ad oggi.

La maggior parte di quelli sul volo 752 dell'Ucraina International Airlines erano iraniani o cittadini duali, molti dei quali studenti che tornavano ai loro studi all'estero o famiglie che stavano tornando a casa dopo aver visto parenti in Iran. Molte delle vittime erano accademici, ricercatori e studenti collegati a 19 università canadesi.