spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoI leader del G7 concordano un prestito di 50 miliardi di dollari...

    I leader del G7 concordano un prestito di 50 miliardi di dollari per l’Ucraina in occasione del vertice annuale

    -

    I leader del G7 acclamano “l’unità” dopo aver raggiunto un accordo per finanziare l’Ucraina attraverso i profitti sui beni russi congelati durante il vertice in Italia.

    Una foto di famiglia al resort Borgo Egnazia durante il vertice del G7 ospitato dall'Italia in Puglia
    Da sinistra: il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il primo ministro canadese Justin Trudeau, il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro italiano Giorgia Meloni, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro giapponese Fumio Kishida, il primo ministro britannico Rishi Sunak e La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen posa per una foto [Ludovic Marin/AFP]

    Le nazioni del G7 hanno concordato un accordo da 50 miliardi di dollari per finanziare l’Ucraina attraverso i profitti sui beni russi congelati, ha detto il primo ministro italiano Giorgia Meloni.

    “Vi confermo che abbiamo raggiunto un accordo politico per fornire ulteriore sostegno finanziario all’Ucraina per circa 50 miliardi di dollari entro la fine dell’anno”, ha detto giovedì Meloni, che quest’anno ospiterà il G7.

    Meloni aveva invitato il presidente Volodymr Zelenskyy a partecipare a uno speciale vertice sulla guerra in Ucraina con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e i leader di Francia, Germania, Canada, Giappone e Regno Unito.

    Intervenendo all’incontro presso il lussuoso resort Borgo Egnazia, Zelenskyy ha ringraziato i leader per il loro sostegno, che secondo lui andrà sia verso la difesa che verso la ricostruzione, pur sottolineando la necessità di più armi.

    Il piano del G7 per l’Ucraina si basa su un prestito pluriennale che utilizza i profitti di circa 300 miliardi di dollari di fondi russi sequestrati.

    La questione però è complicata, perché se un giorno i beni russi venissero sbloccati, i profitti straordinari non potrebbero più essere utilizzati per ripagare il prestito.

    Ciascun paese del G7 contribuirà al pacchetto di prestiti, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

    “Tutti i paesi del G7 stanno contribuendo a questo prestito. Sono i profitti inaspettati derivanti dagli asset russi immobilizzati in Europa che gli serviranno”, ha detto von der Leyen ai giornalisti a margine del vertice del G7 nel sud Italia.

    “I ministri delle Finanze stanno ora esaminando i dettagli – ad esempio, il tema dei backstop necessari – e [will] chiarirlo il prima possibile.”

    Il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner ha salutato l’“unità” conseguente all’accordo.

    “Buone notizie dal G7: altri 50 miliardi di dollari per l’Ucraina”, ha scritto su X.

    L’accordo sul prestito all’Ucraina, concordato durante il vertice di tre giorni, a cui si riuniscono i leader delle principali democrazie del Gruppo dei Sette (G7), segna “un passo davvero storico e una decisione storica”, ha detto giovedì il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

    “Il prossimo passo sarà proprio quello di creare le condizioni tecniche per l’attuazione nel più breve tempo possibile”, ha detto Scholz.

    Scholz ha aggiunto che i leader del G7 stanno inviando un messaggio chiaro al presidente russo Vladimir Putin e dimostrando la loro unità e determinazione.

    “Il presidente russo ha un piano molto ovvio: vuole portare avanti la sua guerra finché tutti gli altri non rinunceranno a sostenere l’Ucraina. Questo piano oggi è fallito”, ha detto il cancelliere.

    “Con il piano dei paesi del G7 di mobilitare 50 miliardi di dollari, che saranno finanziati dai profitti inattesi dei beni russi congelati, sono state gettate le basi affinché l’Ucraina possa procurarsi tutto ciò di cui ha bisogno nel prossimo futuro, non solo in termini di di armi, ma anche per la ricostruzione o le infrastrutture energetiche”.

    “Forza militare significativa”

    Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che i ministri delle Finanze lavoreranno ora sui dettagli dell’accordo.

    In un reporter da Mosca, Yulia Shapovalova ha affermato che la rappresentante del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che l’utilizzo di tali profitti sarebbe “estremamente doloroso per Bruxelles”, poiché la Russia possiede importanti proprietà e fondi europei.

    “Quindi l’Europa dovrà prima pagare per tutta la sua follia con il proprio portafoglio”, ha detto Zakharova.

    In precedenza, il ministro delle Finanze Anton Siluanov aveva affermato che le azioni contro i beni russi in Occidente avrebbero ricevuto una “risposta reciproca” perché in Russia è stata congelata essenzialmente la stessa quantità di fondi occidentali. Recentemente ha notato che la Russia ottiene “redditi” da tali attività.

    Accordo sulla sicurezza tra Stati Uniti e Ucraina

    Sempre giovedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e Zelenskyy hanno firmato un accordo bilaterale di sicurezza decennale volto a rafforzare la difesa dell’Ucraina contro l’invasione russa.

    L’accordo, firmato a margine del vertice, secondo il testo dell’accordo, dovrebbe essere un passo avanti verso l’eventuale adesione dell’Ucraina alla NATO.

    “Le parti riconoscono che questo accordo costituisce un ponte verso l’eventuale adesione dell’Ucraina alla NATO”, si legge nel testo.

    Zelenskyj cerca da tempo l’adesione alla NATO, ma gli alleati si sono fermati prima di fare quel passo. L’alleanza occidentale considera qualsiasi attacco lanciato contro uno dei suoi 32 membri come un attacco contro tutti ai sensi della clausola dell’Articolo Cinque.

    G7
    Il presidente Joe Biden e il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy posano per una foto mentre partecipano a un evento con i leader del G7 per annunciare una dichiarazione congiunta di sostegno all’Ucraina [Kevin Lamarque/Reuters]

    In caso di attacco armato o minaccia di simile contro l’Ucraina, i massimi funzionari statunitensi e ucraini si incontreranno entro 24 ore per consultarsi su una risposta e determinare quali ulteriori esigenze di difesa sono necessarie per l’Ucraina, si legge nell’accordo.

    In base all’accordo, gli Stati Uniti ribadiscono il proprio sostegno alla difesa dell’Ucraina della propria sovranità e integrità territoriale, nel contesto di una rinnovata spinta della Russia sul fronte orientale dell’Ucraina.

    “Per garantire la sicurezza dell’Ucraina, entrambe le parti riconoscono che l’Ucraina ha bisogno di una forza militare significativa, di solide capacità e di investimenti sostenuti nella sua base industriale di difesa che siano coerenti con l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico [NATO] norme”, si legge nel testo.

    “Gli Stati Uniti intendono fornire materiale a lungo termine, formazione e consulenza, sostegno, intelligence, sicurezza, difesa industriale, istituzionale e altro sostegno per sviluppare forze di sicurezza e di difesa ucraine che siano in grado di difendere un’Ucraina sovrana, indipendente, democratica e scoraggiare future aggressioni”, afferma.

    Il vertice arriva in un momento di straordinaria turbolenza globale.

    Oltre al conflitto in Ucraina, infuria il continuo attacco di Israele a Gaza e crescono le tensioni economiche tra la Cina e i paesi occidentali.

    Ultimo vertice dei leader?

    Molti paesi del G7 sono anche in una fase di cambiamento politico, con i partecipanti al vertice consapevoli che questo potrebbe essere l’ultimo vertice del G7 di Biden se perde contro Donald Trump nelle elezioni di novembre.

    Il primo ministro britannico Rishi Sunak rischia di essere rovesciato alle elezioni del 4 luglio, mentre Emmanuel Macron in Francia e Scholz in Germania sono entrambi sotto pressione dopo i guadagni dell’estrema destra alle elezioni del Parlamento europeo dello scorso fine settimana.

    Al contrario, l’italiana Meloni sta andando alla grande dopo che il suo partito di estrema destra è risultato vincitore nel voto del Parlamento europeo del suo paese.

    I colloqui del vertice sono iniziati con una breve sessione su Africa, sviluppo e cambiamento climatico, prima di dedicarsi al Medio Oriente.

    I leader del G7 hanno già annunciato il loro sostegno all’accordo di tregua con Gaza delineato da Biden, che vedrebbe anche il rilascio dei prigionieri presi durante l’attacco di Hamas del 7 ottobre al sud di Israele.

    Nel frattempo, Biden ha affermato di non aver perso la speranza di ottenere un accordo sul cessate il fuoco a Gaza, ma ha invitato il gruppo palestinese Hamas a farsi avanti.

    Biden, alla domanda se fosse fiducioso che presto si giungerà ad un accordo di cessate il fuoco tra Hamas e Israele, ha risposto “No”.

    “Non ho perso la speranza, ma sarà dura”, ha detto ai giornalisti. “Hamas deve muoversi”.

    I mediatori di Stati Uniti, Qatar ed Egitto hanno cercato per mesi di mediare un cessate il fuoco nel mezzo dell’assalto mortale di Israele a Gaza, che ha ucciso più di 37.200 palestinesi e devastato l’enclave densamente popolata.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts