Home Notizia Mondo I giovani adulti con gravi problemi di salute mentale sono a rischio...

I giovani adulti con gravi problemi di salute mentale sono a rischio di…

0
31

Qual è il legame tra gravi condizioni di salute mentale e salute cardiovascolare? Sergey Filimonov/Stocksy
  • Un nuovo studio rileva che le persone con gravi condizioni di salute mentale hanno un rischio elevato di malattie cardiovascolari per tutta l’età adulta.
  • Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte per le persone con gravi malattie mentali.
  • Il rischio a lungo termine di malattie cardiache in 30 anni è più che raddoppiato per le persone con gravi malattie mentali.

Persone con gravi condizioni di salute mentale, come disturbo bipolare, schizofrenia o disturbo schizoaffettivo, morire da 10 a 20 anni prima, in media, rispetto agli individui senza tali condizioni. La principale causa di morte sono le malattie cardiovascolari.

Un nuovo studio valuta il loro rischio di malattie cardiovascolari a 30 anni, nell’arco della vita da adulto, più il rischio a 10 anni.

La ricerca rileva che anche le persone di età compresa tra 18 e 36 anni che hanno queste condizioni di salute mentale hanno un rischio significativamente maggiore di malattie cardiovascolari.

L’autore principale dello studio è la dott.ssa Rebecca C. Rossom, ricercatrice senior sulla salute comportamentale presso l’HealthPartners Institute di Minneapolis, MN. Lei spiega:

“Anche in giovane età, le persone con gravi malattie mentali avevano un rischio maggiore di malattie cardiache rispetto ai loro coetanei, il che sottolinea l’importanza di affrontare i fattori di rischio cardiovascolare per questi individui il prima possibile. Gli interventi per affrontare il rischio di malattie cardiache per questi individui sono estremamente utili se iniziati in giovane età”.

“Il nostro studio”, afferma il dott. Rossom, “si è concentrato sul contributo dei fattori di rischio cardiovascolare, come la pressione sanguigna, il colesterolo, la glicemia, l’indice di massa corporea [BMI]e lo stato di fumatore, per confrontare il rischio complessivo di malattie cardiache per le persone con e senza gravi malattie mentali”.

Lo studio compare nel Giornale dell’American Heart Association.

L’importanza del rischio a 30 anni

“In questo momento”, afferma il dott. Rossom, “le stime del rischio di malattie cardiache a 10 anni vengono utilizzate più frequentemente e non possono essere applicate fino a quando le persone non hanno almeno 40 anni, che è troppo tardi per iniziare ad affrontare il rischio di malattie cardiache nelle persone con una grave malattia mentale”.

“Incoraggiamo i sistemi sanitari e i medici a utilizzare le stime del rischio cardiovascolare a 30 anni per i giovani adulti con gravi malattie mentali, poiché possono essere utilizzate a partire dall’età di 18 anni”.

Il rischio cardiovascolare a 30 anni per le persone con gravi condizioni di salute mentale era del 25%, più del doppio del rischio dell’11% per le persone senza queste condizioni.

Dopo aver aggiustato per sesso, età, razza, etnia e assicuratore, i ricercatori hanno scoperto che rispetto alle persone senza gravi condizioni di salute mentale:

  • Le persone con disturbo schizoaffettivo avevano il rischio cardiovascolare più alto a 30 anni.
  • Quelli con disturbo bipolare avevano il rischio cardiovascolare più alto a 10 anni.
  • Delle persone con gravi condizioni di salute mentale, il 15% soffriva di ipertensione, rispetto al 13% delle persone senza una di queste condizioni.

Lo studio ha anche scoperto che le persone con gravi condizioni di salute mentale avevano tre volte più probabilità di essere fumatori rispetto a individui senza quelle condizioni. Ha anche scoperto che la metà era probabilmente obesa rispetto al 36% di quelli senza gravi condizioni di salute mentale.

La popolazione di studio

Lo studio ha monitorato 591.257 individui. Del gruppo totale, il 2%, o 11.333 persone, presentava disturbo bipolare, schizofrenia o disturbo schizoaffettivo.

Il 70% di quelli con gravi condizioni di salute mentale aveva una diagnosi di disturbo bipolare, il 18% aveva un disturbo schizoaffettivo e il 12% aveva la schizofrenia.

Le persone con gravi condizioni di salute mentale avevano maggiori probabilità di essere femmine e più giovani e identificarsi come nere, native americane, dell’Alaska o multirazziali. Avevano anche maggiori probabilità di avere un’assicurazione da Medicare o Medicaid.

Perché questo accade

Ha detto il dottor Rossom Notizie mediche oggi:

“Alcune delle sfide coinvolte nel sostenere la salute generale delle persone con [serious mental health conditions] includere pazienti e medici che non sono consapevoli dell’aumento dei rischi medici che le persone con [these conditions] carry (compreso un rischio elevato di malattia cardiovascolare).”

Altre sfide includono “non riconoscere come alcuni dei nostri trattamenti possono aumentare questi rischi (inclusi alcuni farmaci usati per trattare [mental health conditions]che può aumentare il rischio cardiometabolico) e non sentirsi in grado di intervenire in modo significativo anche quando questi maggiori rischi vengono riconosciuti”.

“Tutti questi problemi possono portare a disparità nei risultati sanitari”, ha riassunto il dottor Rossom.

Pertanto, come ha spiegato il professor René Ernst Nielsen, dell’ospedale universitario di Aalborg in Danimarca, che non è stato coinvolto nello studio, a MNT:

“Questi pazienti dovrebbero forse essere considerati a rischio speciale e il livello per l’avvio di procedure diagnostiche, trattamento profilattico, trattamento dei fattori di rischio e trattamento delle condizioni esistenti dovrebbe forse essere ridotto”.

Il Prof. Nielsen ha anche sottolineato il “rischio di oscuramento diagnostico: quando il paziente è visto dallo psichiatra, l’attenzione è principalmente [or] solo sui sintomi psichiatrici, e la salute fisica è trascurata. Allo stesso modo, quando un paziente con una grave condizione di salute mentale viene visto al pronto soccorso, aumenta il rischio di interpretare i sintomi come [being] causato dalla grave condizione di salute mentale”.

“Potrebbe esserci”, ha aggiunto il Prof. Nielsen, “un atteggiamento negativo verso i pazienti con gravi condizioni di salute mentale”.

Ha spiegato: “Potrebbero essere percepiti come più pericolosi, con cui non è facile parlare e meno in grado di riportare informazioni rilevanti, il che potrebbe essere causato dalla mancanza di conoscenze dei medici sui disturbi mentali”.

Indicazioni di speranza

Il dottor Rossom è anche l’autore principale di un altro nuovo studio dei possibili benefici cardiovascolari dei sistemi di supporto clinico ottimizzati per le persone con gravi condizioni di salute mentale. Lei disse MNT:

“Il nostro studio dimostra che somministrare ai pazienti [serious mental health conditions] e clinici riepiloghi personalizzati e prioritari dei loro [cardiovascular] lo stato di rischio, insieme ai suggerimenti specifici del paziente per migliorare l’assistenza, ha comportato una riduzione del 4% dei pazienti dell’intervento [cardiovascular] rischio rispetto ai pazienti di controllo a 1 anno. Siamo stati particolarmente entusiasti di vedere che l’intervento ha favorito i pazienti con [serious mental health conditions] che erano nella fascia di età più giovane, dai 18 ai 29 anni”.