Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi I fornitori stanno aggredendo sessualmente i pazienti – ed è legale

I fornitori stanno aggredendo sessualmente i pazienti – ed è legale

0
51

Avviso sul contenuto: descrizioni di aggressioni sessuali, traumi medici

Quando Ashley Weitz è andata al pronto soccorso in un ospedale locale nello Utah nel 2007 per nausea e vomito gravi, è stata sedata con farmaci per via endovenosa per aiutare il vomito a placarsi.

Mentre la medicina aveva lo scopo di portarle sollievo dai suoi sintomi, quello che accadde mentre era sotto sedazione non aveva nulla a che fare con la sua malattia: Weitz in seguito si svegliò urlando quando vide un dottore mentre eseguiva un esame vaginale.

Non le era stato detto che questo esame sarebbe stato fatto, non era incinta e non aveva acconsentito a un esame interno di alcun tipo. Tuttavia, quello che è successo a Weitz non è stata una pratica insolita. In effetti, era legale.

Nella maggior parte degli Stati Uniti, è legale per i fornitori di servizi medici, in genere studenti di medicina, entrare in una sala operatoria e, senza il consenso di un paziente, spingere due dita nella vagina di un paziente anestetizzato ed eseguire un esame pelvico.

Spesso, sono più studenti di medicina che eseguono questo esame non consensuale sullo stesso paziente.

Ma a differenza di Weitz, la maggior parte dei pazienti non sa che questo è successo a loro.

Questi esami pelvici non consensuali sono una pratica comune che le scuole mediche e gli ospedali giustificano come parte dell'insegnamento agli studenti su come eseguirli. Tuttavia, manca una prospettiva critica: quella del paziente.

"Sono rimasto traumatizzato da questo", spiega Weitz.

Negli Stati Uniti, l'aggressione sessuale è definita come "qualsiasi atto sessuale non consensuale vietato dalla legge federale, tribale o statale, anche quando la vittima non ha la capacità di acconsentire" – e gli operatori sanitari che penetrano nei genitali di un paziente senza il loro consenso, quando sono inabili in anestesia (con l'eccezione di un'emergenza medica pericolosa per la vita), si comportano in modo equivalente all'assalto sessuale.

Il fatto che ciò avvenga spesso nell'ambito della formazione di uno studente di medicina non costituisce una violazione.

No, non sto suggerendo che studenti e dottori in medicina siano predatori con intenzioni sinistre, ma loro l'intenzione è irrilevante in assenza del consenso del paziente.

L'atto stesso di penetrare i genitali di qualcuno senza il loro permesso o conoscenza, in assenza di un'emergenza medica, è criminale. Non dovremmo ridefinire, accettare o minimizzare questo comportamento solo perché è svolto da un medico.

In realtà, al contrario: dovremmo aspettarci che i fornitori di servizi medici aderiscano a uno standard più elevato.

Nel 2012, il dottor Shawn Barnes, allora studente di medicina, ha parlato (e in seguito ha testimoniato di cambiare le leggi delle Hawaii) sulla necessità di eseguire esami pelvici su pazienti incoscienti che non avevano dato il consenso esplicito.

Barnes sottolinea come i pazienti abbiano firmato moduli scritti in termini vaghi che affermano che uno studente di medicina può essere "coinvolto" nelle loro cure, ma non ha detto ai pazienti che queste "cure" includevano un esame interno mentre erano in anestesia.

L'esperienza di Barnes alla scuola di medicina non è inusuale, ma molti studenti di medicina hanno paura di parlare della necessità di sostenere questi esami non consensuali per paura della punizione.

Il problema è molto diffuso.

Due terzi degli studenti di medicina dell'Oklahoma hanno riferito di essere stati invitati a eseguire esami pelvici su pazienti che non avevano acconsentito. Il 90% degli studenti di medicina intervistati a Filadelfia ha eseguito lo stesso esame su pazienti anestetizzati, senza sapere quanti ne avevano effettivamente acconsentito.

E recentemente, diversi studenti di medicina in tutto il paese hanno riferito all'Associated Press che anche loro avevano condotto esami pelvici su pazienti incoscienti e non sapevano se qualcuno di loro avesse effettivamente dato il consenso.

Molti nella comunità medica si fanno beffe dell'idea che questo non è etico o potrebbe essere considerato un assalto poiché questa è stata una pratica standard per anni.

Ma solo perché la routine non lo rende etico.

C'è anche una visione comune negli ospedali secondo cui se un paziente ha già acconsentito all'intervento chirurgico, e poiché l'intervento chirurgico di per sé è invasivo, non è necessario un ulteriore consenso per un esame pelvico.

Il consenso a un intervento medico necessario, tuttavia, non significa che un paziente acconsenta anche a uno sconosciuto che entra nella stanza in seguito e inserisce le dita nella vagina.

Gli esami pelvici interni per loro stessa natura differiscono dagli altri tipi di esami eseguiti su altre parti del corpo. Se accettiamo questo standard – che lo status quo dovrebbe rimanere, soprattutto per quanto riguarda l'assistenza ai pazienti – le pratiche non etiche non sarebbero mai messe in discussione.

Gli ospedali spesso fanno affidamento sul fatto che, poiché la maggior parte dei pazienti non sa che questo esame è stato eseguito, dopo non possono farci nulla. Ma se questa pratica è benigna come molti professionisti del settore medico sostengono, perché non ottenere il consenso?

È davvero una questione di convenienza. Gli ospedali sembrano preoccuparsi che se devono ottenere il consenso, i pazienti declineranno, costringendoli a cambiare le loro pratiche.

Paul Hsieh, un medico con sede a Denver che scrive di politiche sanitarie, riferisce che “Scegliere deliberatamente di non chiedere a causa del timore di una risposta 'no' e invece eseguire la procedura viola comunque i concetti stessi di consenso, autonomia del paziente e diritti individuali “.

Alcuni operatori medici affermano inoltre che quando un paziente arriva in un ospedale universitario, stanno dando il consenso implicito – che il paziente dovrebbe in qualche modo sapere che gli studenti di medicina possono eseguire esami interni su di loro.

Questa comoda scusa ignora la realtà che la maggior parte dei pazienti non ha il lusso di decidere tra più ospedali.

Scelgono un ospedale per necessità: dove il loro medico ha i privilegi, dove viene accettata la loro assicurazione, qualunque ospedale sia il più vicino in caso di emergenza. Potrebbero anche non essere consapevoli del fatto che l'ospedale in cui si trovano è un ospedale universitario. Ad esempio, lo Stamford Hospital in Connecticut è un ospedale universitario della Columbia University di New York City. Quanti pazienti lo saprebbero definitivamente?

Scuse a parte, resta il fatto: dobbiamo smettere di fingere che il trauma medico sia una forma insignificante di trauma.

I pazienti che scoprono che un esame pelvico è stato eseguito dopo il loro consenso senza che il loro consenso riferisca di sentirsi violato e di conseguenza hanno subito un trauma significativo.

Sarah Gundle, psicologa clinica e direttrice clinica di Octav a New York City, afferma che il trauma medico può essere altrettanto significativo di altri tipi di trauma.

"Un esame pelvico non consensuale è una violazione proprio come qualsiasi altro tipo di violazione", afferma. "In un certo senso è ancora più insidioso, perché spesso viene fatto senza che il paziente lo sappia, in un luogo che dovrebbe proteggere i pazienti."

Melanie Bell, membro del consiglio di amministrazione della Maryland Nurses Association, ha anche riferito durante un'audizione del comitato legislativo che ci sono anche momenti in cui i pazienti si sono svegliati durante l'esame (come quello che è successo a Weitz) e si sono sentiti violati.

Ad aggravare questo tipo di violazione è che questa pratica non è solo non etica, ma quando è fatta da studenti di medicina, è quasi sempre dal punto di vista medico inutile.

Questi esami vengono eseguiti in modo schiacciante a beneficio dello studente e non forniscono alcun beneficio medico al paziente.

Il dottor Phoebe Friesen, un etico medico che ha studiato a fondo questo problema e ha scritto un recente documento di riferimento su di esso, afferma che manca la prospettiva del paziente. Le scuole di medicina vedono questa come una "opportunità" per insegnare allo studente, ma l'autonomia corporea e i diritti del paziente non possono essere respinti.

“I paesi e gli stati che hanno vietato questa pratica non si sono limitati alla loro capacità di formare in modo efficace gli studenti di medicina. Esistono altri modi per insegnare che non richiedono l'esecuzione di un esame pelvico su un paziente che non ha dato il consenso e spesso non sa nemmeno cosa è successo mentre erano in anestesia ", afferma Friesen.

Alcuni ospedali, come la NYU Langone a New York City, riferiscono di utilizzare volontari per esami pelvici retribuiti per gli studenti di medicina per esercitarsi nell'esame, eliminando il problema degli esami senza consenso.

L'esecuzione di esami pelvici senza consenso è illegale nelle Hawaii, in Virginia, Oregon, California, Iowa, Illinois, Utah e Maryland. La legislazione che vieta questo recentemente ha approvato la legislatura di New York ed è in corso in altri stati, tra cui Minnesota e Massachusetts.

Mentre questa pratica è più comune con gli esami pelvici, molte di queste leggi vietano anche gli esami rettali e prostatici non consensuali su un paziente anestetizzato.

Numerosi legislatori, tra cui il senatore dello stato di New York Roxanne Persaud (D-Brooklyn), sono diventati critici espliciti di questa pratica.

"Ci sono alcune aspettative che hai quando visiti il ​​tuo dottore e non è che il tuo corpo ne trarrà vantaggio se devono metterti in anestesia", ha detto.

E non sono nemmeno solo i legislatori a parlare. L'American College of Obstetrics and Gynecology (ACOG) ha denunciato questa pratica, affermando che gli esami pelvici su un paziente anestetizzato che vengono eseguiti a scopo didattico dovrebbero essere eseguiti solo con informato consenso.

Ma alcune scuole di medicina continuano a usare la loro influenza per cercare di respingere la legislazione che richiede il consenso. Secondo quanto riferito, la Yale Medical School ha messo in guardia i legislatori dalla possibile legislazione nel Connecticut.

Parlando della sua esperienza traumatica, Weitz dice: "Quando la comunità medica non apprezza l'autonomia corporea di un paziente, ha un impatto molto negativo sulla cura del paziente".

Il consenso dovrebbe essere fondamentale in medicina, ma esami come questi minano la premessa stessa di non danneggiare i pazienti che i fornitori di servizi medici hanno giurato di curare. E se il consenso è considerato facoltativo nelle cure mediche, dove viene tracciata la linea?

"Se viene insegnato ai fornitori di servizi medici a rinunciare a ottenere il consenso", afferma Weitz, "allora questo modo di praticare la medicina continua".


Misha Valencia è una giornalista il cui lavoro è stato presentato su The New York Times, Washington Post, Marie Claire, Yahoo Lifestyle, Ozy, Huffington Post, Ravishly e molte altre pubblicazioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here