I familiari di un uomo ucciso durante le proteste in Iran arrestati: agenzia di stampa

0
48

GINEVRA – Le autorità iraniane hanno arrestato i parenti di un giovane che è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco durante le manifestazioni il mese scorso, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa semi-ufficiale Mehr, citando una fonte informata.

Il rapporto Mehr non specificava quale membro della famiglia di Pouya Bakhtiari fosse stato arrestato, ma Hadi Ghaemi, direttore esecutivo del gruppo per la difesa di New York, il Center for Human Rights in Iran (CHRI), affermava di includere i suoi genitori, citando le informazioni di attivisti che avevano ha visitato la famiglia lunedì.

Il ministero dell'intelligence e la magistratura di Karaj, una città a ovest di Teheran, avevano convocato il padre di Bakhtiari, Manouchehr, due volte per essere interrogato la scorsa settimana, secondo un rapporto pubblicato sul sito web di CHRI martedì.

Gli hanno chiesto di annullare una cerimonia di commemorazione nella città di Karaj il 26 dicembre – il 40 ° giorno dopo la morte di suo figlio, come spesso osservato dai musulmani sciiti, la maggioranza religiosa dell'Iran – citando preoccupazioni che potrebbero creare disordini.

Manouchehr, che in un post di Instagram la scorsa settimana aveva invitato i media locali e stranieri a partecipare alla cerimonia di commemorazione, si è rifiutato di cancellarlo, ha detto a CHRI.

In un post su Twitter, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato: "Gli Stati Uniti denunciano fermamente l'arresto dei genitori di Pouya Bakhtiari e ne chiedono il rilascio immediato.

"È tempo che la comunità internazionale si unisca al popolo iraniano e ritenga responsabile il regime", ha affermato.

CHRI afferma che il 27enne Bakhtiari "è morto per una ferita da proiettile alla testa" a Karaj il 16 novembre.

Mehr notò che Bakhtiari era stato "ucciso in modo sospetto" durante i disordini.

Il suo rapporto citava una fonte informata secondo cui gli arresti sarebbero stati "per mantenere l'ordine e la sicurezza delle persone onorevoli che hanno subito danni, e con l'intento di prevenire … la ripetizione dell'azione armata contro il popolo".

Le forze di sicurezza sono state in allerta per tutti gli eventi che potrebbero scatenare ulteriori disordini dopo le proteste contro un aumento dei prezzi del carburante che è diventato politico il mese scorso, innescando la repressione più sanguinosa nei 40 anni di storia della Repubblica islamica.

Circa 1.500 persone sono state uccise durante meno di due settimane di disordini iniziate il 15 novembre, secondo quanto riferito da tre funzionari del ministero degli interni iraniano a Reuters, secondo un rapporto pubblicato lunedì.

Tale cifra è molto più elevata di quanto stimato dai gruppi internazionali per i diritti umani ed è stata dichiarata "falsa notizia" da un portavoce del Supremo Consiglio di sicurezza nazionale dell'Iran, secondo l'agenzia di stampa semi-ufficiale Tasnim.

Alcuni membri della famiglia di persone uccise per motivi politici o di altro genere estranei alle proteste del mese scorso hanno anche affermato che il 26 dicembre dovrebbe essere un giorno di commemorazione, secondo CHRI.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here