Gli avvocati tedeschi fanno causa a politici tra cui Scholz per “complicità” a Gaza

0
37

Gli avvocati che rappresentano i palestinesi presentano una denuncia penale contro il cancelliere e altri politici di spicco mentre la Germania resta impegnata a favore di Israele.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, a sinistra, stringe la mano al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, durante una conferenza stampa a Tel Aviv, Israele, martedì 17 ottobre 2023. Maya Alleruzzo/Pool via REUTERS IMMAGINI TPX DEL GIORNO
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, a sinistra, tiene una conferenza stampa con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu durante una visita a Tel Aviv [File: Maya Alleruzzo/Pool via Reuters]

Berlino, Germania – Un gruppo di avvocati sta presentando una denuncia penale al procuratore federale tedesco contro alti politici tedeschi, tra cui il cancelliere Olaf Scholz, accusandoli di “aiuto e favoreggiamento” nel genocidio che, secondo loro, è stato commesso da Israele a Gaza.

Venerdì è stato annunciato il caso contro diversi membri del Consiglio di sicurezza federale del paese, che dirige la politica di sicurezza nazionale e autorizza le esportazioni di armi.

Oltre a Scholz sono accusati anche il ministro degli Esteri Annalena Baerbock, il ministro dell’Economia Robert Habeck, il ministro delle Finanze Christian Lindner ed altri.

Gli avvocati dietro il caso rappresentano le famiglie di due palestinesi con radici nella Striscia di Gaza, inclusa quella della studiosa di migrazione palestinese-tedesca Nora Ragab.

“Noi, palestinesi della diaspora, non resteremo a guardare un genocidio commesso contro le nostre famiglie e il nostro popolo”, ha detto Ragab in una nota. “Utilizzeremo tutti i mezzi a nostra disposizione. … Oggi miriamo a ritenere il governo tedesco responsabile della sua complicità nel genocidio di Gaza”.

L’European Legal Support Center, il Palestine Institute for Public Diplomacy e la Law for Palestine, con sede nel Regno Unito, sono tra le organizzazioni della società civile che sostengono il caso.

In una dichiarazione scritta congiunta, hanno affermato: “Lo Stato tedesco è uno dei paesi che ha mostrato il più forte sostegno politico e materiale a Israele nel suo attacco alla Striscia di Gaza e ai palestinesi”.

Alexander Gorski, uno degli avvocati che sostengono il caso, ha riconosciuto che “da un punto di vista legale e dato il panorama politico in Germania, questo caso sarà difficile”.

“Ma crediamo che sia nostra responsabilità, come persone che lavorano nel settore giudiziario, provare a fare qualcosa”, ha detto ad Al Jazeera. “Stiamo assistendo a un genocidio trasmesso in diretta in tutto il mondo e, nonostante ciò, il governo israeliano è ancora sostenuto da altri paesi e continua a ricevere armi da loro”.

Dopo gli attacchi di Hamas del 7 ottobre, durante i quali sono state uccise 1.139 persone nel sud di Israele, il governo israeliano ha reagito con una campagna militare a Gaza che finora ha ucciso più di 29.000 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini.

Israele ha affermato di voler schiacciare Hamas, che governa la Striscia densamente popolata, ma dopo quattro mesi di guerra, il devastante bilancio civile sta causando allarme tra i leader mondiali.

Alla fine di gennaio, la Corte Suprema delle Nazioni Unite, la Corte Internazionale di Giustizia, o ICJ, ha ritenuto “plausibile” che Israele stesse commettendo atti a Gaza che violavano la Convenzione internazionale sul genocidio.

Dopo la decisione della corte, la Germania e tutti gli altri stati terzi avrebbero dovuto cercare di impedire a Israele di commettere tali atti, hanno detto gli avvocati dietro il caso di venerdì.

Tuttavia, a partire da ottobre, molti funzionari tedeschi hanno “incitato” al genocidio con le loro dichiarazioni, hanno affermato.

Il caso legale si concentrerà anche sulle esportazioni di armi tedesche verso Israele.

Questi sono aumentati in modo significativo nel 2023, rispetto all’anno precedente, e la maggior parte di tale aumento è stata approvata dal governo tedesco dopo il 7 ottobre.

Nonostante la sentenza della Corte Internazionale di Giustizia, la Germania ha “già concordato in linea di principio” di inviare più munizioni per carri armati a Israele, hanno affermato.