Gli afgani vendono beni in mezzo alla crisi di cassa e alla crisi incombente

0
6

L’acquisizione dei talebani, e il conseguente taglio dei fondi internazionali, ha esacerbato una situazione economica già disastrosa.

Le persone vendono i loro articoli nel quartiere Chaman-e Hozori di Kabul in mezzo a una crisi di liquidità [Ali M Latifi/Al Jazeera]
Le persone vendono i loro articoli nel quartiere Chaman-e Hozori di Kabul in mezzo a una crisi di liquidità [Ali M Latifi/Al Jazeera]

Kabul, Afghanistan – Shukrullah ha portato quattro tappeti da vendere nel quartiere Chaman-e Hozori di Kabul. La zona è piena di frigoriferi, cuscini, ventilatori, guanciali, coperte, posate, tende, letti, materassi, pentole e scaffali che centinaia di altri portavano in vendita.

Le merci allineano i blocchi che circondano il campo un tempo erboso che è diventato sporco e polvere, il risultato di decenni di disattenzione e siccità. Ogni oggetto rappresenta una parte di una famiglia di vita costruita negli ultimi 20 anni nella capitale afghana. Ora, vengono tutti venduti a una miseria per sfamare quelle stesse famiglie.

“Abbiamo comprato questi tappeti per 48.000 afgani [$556], ma ora non riesco a ottenere più di 5.000 afgani [$58] per tutti loro”, dice Shukrullah, mentre le persone rovistano tra le merci in mostra.

Gli afgani hanno affrontato una crisi di liquidità da quando i talebani hanno preso il controllo del capitale il 15 agosto. La Banca mondiale, il Fondo monetario internazionale e la banca centrale degli Stati Uniti hanno interrotto l’accesso dell’Afghanistan ai fondi internazionali nelle ultime settimane. Le banche in tutto l’Afghanistan sono state chiuse e molti sportelli automatici non erogavano contanti.

Mentre da allora molte banche hanno riaperto, è stato imposto un limite di prelievo settimanale di 20.000 afgani ($ 232). Centinaia di uomini e donne hanno trascorso le loro giornate in coda fuori dalle banche della nazione, aspettando l’occasione per prelevare fondi.

Per famiglie come quella di Shukrullah, però, aspettare fuori da istituzioni finanziarie sovraffollate non è un’opzione.

“Ho bisogno di fare abbastanza per comprare almeno un po’ di farina, riso e olio”, dice delle 33 persone della sua famiglia che si sono trasferite tutte in una casa nell’ultimo anno.

L’ONU ha avvertito che la povertà in Afghanistan potrebbe aumentare del 25% con molti residenti che si affrettano a vendere i loro averi molto al di sotto del valore [Ali M Latifi/Al Jazeera]

Anche prima che l’ex presidente Ashraf Ghani lasciasse il paese e i talebani prendessero il controllo, l’Afghanistan stava già affrontando un rallentamento dell’economia aggravato dalla pandemia globale di COVID-19 e una prolungata siccità che ha ulteriormente devastato un’economia fortemente dipendente dall’agricoltura.

In un rapporto pubblicato la scorsa settimana, le Nazioni Unite hanno avvertito che oltre il 97 percento della popolazione potrebbe scendere al di sotto della soglia di povertà entro la metà del 2022.

Lunedì, il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha convocato a Ginevra una conferenza sugli aiuti umanitari di alto livello sull’Afghanistan nel tentativo di raccogliere 600 milioni di dollari, di cui circa un terzo sarà destinato agli aiuti alimentari.

L’organismo globale ha precedentemente espresso profonda preoccupazione per la crisi economica e la minaccia di “un collasso totale” in Afghanistan.

Secondo la Banca Mondiale, una nazione è considerata dipendente dagli aiuti quando almeno il 10% del suo prodotto interno lordo (PIL) proviene da aiuti esteri. Negli ultimi 20 anni, il 40% del PIL dell’Afghanistan è venuto dagli aiuti internazionali e ora, con molti paesi che si rifiutano di riconoscere il governo dei talebani, gli esperti hanno avvertito che il paese sta precipitando verso la catastrofe economica.

“Ho servito il mio paese”

Parlando al Consiglio Atlantico all’inizio di questa settimana, Ajmal Ahmady, l’ex governatore generale della banca centrale dell’Afghanistan, ha affermato che la nazione potrebbe vedere il suo PIL ridursi del 10-20% se le sanzioni globali non verranno revocate.

Zabihullah Mujahid, il portavoce dei talebani, ha affermato che il suo governo spera che Cina e Russia compensino la carenza di assistenza economica occidentale. Ma finora né Pechino né Mosca sono state in grado di compensare il deficit.

L’imminente crisi e l’attuale crisi di liquidità sono già evidenti in diversi quartieri della città, dove le persone stanno vendendo tutto ciò che possono per comprare cibo e altri beni di prima necessità.

Abdullah, un ex soldato sulla quarantina, è un altro esempio dell’imminente disastro economico della nazione. Guadagnava circa $ 200 al mese come membro del servizio. Sebbene i talebani abbiano chiesto alle forze di sicurezza nazionali di tornare in servizio, Abdullah non ha ancora ricevuto una chiamata.

Ha trovato lavoro come bracciante, trasportando le merci che la gente compra e vende per fare qualche centinaio di afgani al giorno, nella speranza di riscattare i suoi 3.000 afgani (35 dollari) di affitto mensile e di fornire cibo alla sua famiglia.

“Ho fatto quello che dovevo. Ho servito il mio paese, ma ora sono ancora relegato a respirare lo sporco e la polvere trasportando merci per sfamare i miei otto figli”.

Le persone vendono le loro merci nel quartiere Chaman-e Hozori di Kabul in mezzo alla crisi economica [Ali M Latifi/Al Jazeera]

‘amara realtà’

Anche con l’enorme afflusso di merci, i negozianti improvvisati che gestiscono le loro attività sul marciapiede affermano che anche loro non stanno realizzando un profitto.

Zalmai, uno dei negozianti, stava esaminando un nuovo stock di tappeti e cuscini che è appena arrivato sul tetto di un taxi, ma ha detto che come tutto il resto che ha venduto nell’ultimo mese, non sarà molto.

“I ministeri e gli uffici sono chiusi, la disoccupazione è aumentata vertiginosamente e i prezzi sono aumentati. Le persone vendono i loro prodotti con un’enorme perdita e gli acquirenti non pagano quasi nulla per loro quando acquistano”, dice mentre un cliente gli chiede se una TV Sony Bravia è funzionante.

Quella TV in precedenza sarebbe stata venduta per diverse centinaia di dollari, dice, ma oggi è disposto a lasciarla andare per 11.000 afgani ($ 127) se il cliente pagherà sul posto.

“Questa è l’amara realtà in cui ci siamo trovati”, dice una volta che il cliente se ne va.

Abdul Qadi, un altro negoziante che vende scaffali e giroletti dall’altra parte della strada, afferma che anche la sua attività è in difficoltà.

“Chi può pensare di realizzare un profitto quando devi mettere il cibo in tavola ogni giorno?”

Per molte delle persone vicino a Chaman-e Hozori, la colpa dell’attuale situazione in Afghanistan va oltre i talebani.

Un autista che consegnava articoli per la casa si è rivolto a un negoziante vicino e ha detto: “Qualcuno faccia una foto e la mandi ad Ashraf Ghani”, l’ex presidente fuggito negli Emirati Arabi Uniti il ​​15 agosto.

“Mandaglielo e digli: ‘Spero che tu stia vivendo una bella vita. Ora dai un’occhiata al casino che hai lasciato per il paese.’”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here