Erdogan afferma che la Turchia non può gestire la nuova ondata migratoria dalla Siria, avverte l'Europa

0
68

ANKARA – La Turchia non può gestire una nuova ondata di migranti dalla Siria, ha detto domenica il presidente Tayyip Erdogan, avvertendo che i paesi europei avvertiranno l'impatto di un tale afflusso se la violenza nel nord-ovest della Siria non verrà fermata.

FOTO FOTO: il presidente turco Tayyip Erdogan lascia 10 Downing Street dopo l'incontro con il primo ministro britannico Boris Johnson e altri capi di stato, in vista del vertice NATO a Londra, Gran Bretagna, 3 dicembre 2019. Daniel Leal-Olivas / Pool via REUTERS / File Photo

La Turchia attualmente ospita circa 3,7 milioni di rifugiati siriani, la più grande popolazione di rifugiati nel mondo, e teme un'altra ondata dalla regione di Idlib, dove fino a 3 milioni di siriani vivono nell'ultima significativa fascia di territorio detenuta dai ribelli.

Le forze siriane e russe hanno intensificato il loro bombardamento di obiettivi a Idlib, che il presidente siriano Bashar al-Assad ha promesso di riconquistare, provocando un'ondata di rifugiati verso la Turchia.

Durante una cerimonia di premiazione tenutasi a Istanbul domenica sera, Erdogan ha affermato che oltre 80.000 persone erano attualmente in viaggio da Idlib in Turchia.

“Se la violenza nei confronti di Idlib non si ferma, questo numero aumenterà ancora di più. In tal caso, la Turchia non si farà carico da sola di tale onere migratorio ", ha affermato Erdogan.

"L'impatto negativo della pressione a cui saremo sottoposti sarà qualcosa che anche tutte le nazioni europee, in particolare la Grecia, avvertiranno", ha aggiunto, aggiungendo che una ripetizione della crisi migratoria del 2015 sarebbe diventata inevitabile.

Ha anche detto che la Turchia sta facendo tutto il possibile per fermare i bombardamenti russi a Idlib, aggiungendo che una delegazione turca sarebbe andata a Mosca per discutere della Siria lunedì.

Erdogan ha precedentemente minacciato di "aprire le porte" per i migranti in Europa, a meno che la Turchia non avesse un maggiore sostegno nell'ospitare i rifugiati.

"NON ABBASTANZA"

La Turchia è in cerca di sostegno internazionale per i piani di insediamento di 1 milione di siriani in una parte della Siria nordorientale che le sue forze e i loro alleati ribelli siriani hanno sequestrato dalla milizia curda YPG in un'incursione transfrontaliera ad ottobre.

Ankara ha ricevuto scarso sostegno pubblico per la proposta e ha ripetutamente sbattuto i suoi alleati per non aver sostenuto i suoi piani. L'offensiva della Turchia è stata inoltre accolta con la condanna degli alleati, compresi gli Stati Uniti e i paesi europei.

"Chiediamo ai paesi europei di usare la loro energia per fermare il massacro a Idlib, piuttosto che cercare di respingere la Turchia per i passi legittimi che ha compiuto in Siria", ha detto Erdogan domenica, riferendosi alle tre operazioni militari che la Turchia ha compiuto in Siria .

Dopo un forum globale sui rifugiati a Ginevra la scorsa settimana, l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ha dichiarato che gli Stati hanno promesso più di $ 3 miliardi per sostenere i rifugiati e circa 50.000 posti di reinsediamento. Ma Erdogan, che ha partecipato al forum, ha detto domenica che la somma non è stata sufficiente.

Le agenzie statunitensi affermano che centinaia di persone sono state uccise a Idlib quest'anno dopo attacchi alle aree residenziali.

La Russia e l'esercito siriano, che è fedele al presidente Bashar al-Assad, negano entrambe le accuse di bombardamento indiscriminato di aree civili e affermano che stanno combattendo i militanti islamisti ispirati ad al Qaeda.

Squadre di soccorso hanno riferito che sei persone sono state uccise a Maarat al Numan e altre 11 nei villaggi vicini venerdì.

Domenica scorsa, l'agenzia di stampa Anadolu statale turca ha dichiarato che circa 205.000 persone sono state sfollate dalle loro case a Idlib da novembre a causa degli attacchi. Ha detto che i civili in fuga si stavano dirigendo verso aree in Siria che la Turchia ha sequestrato nelle sue operazioni militari o in altre parti di Idlib.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here