Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita in allerta dopo che il ciclone Shaheen ha colpito l’Oman

0
25

Il ciclone Shaheen si è abbattuto domenica sull’Oman con venti feroci e forti piogge, allagando le strade, provocando l’evacuazione dalle aree costiere e sospendendo alcuni voli da e per la capitale Muscat.

Inondazioni nella capitale dell’Oman Muscat mentre la tempesta tropicale Shaheen colpisce il paese. [Mohammed Mahjoub/AFP]

Le autorità degli Emirati Arabi Uniti hanno affermato che sono state prese misure precauzionali e l’Arabia Saudita ha chiesto cautela in diverse regioni dopo che 12 persone sono state uccise mentre il ciclone tropicale Shaheen è approdato nel vicino Oman.

Lunedì la polizia negli Emirati Arabi Uniti (UAE) stava pattugliando vicino a spiagge e valli dove si prevedevano piogge torrenziali per garantire la sicurezza dei residenti.

I dipendenti del governo e del settore privato ad al-Ain, al confine con l’Oman, sono stati invitati a lavorare da remoto lunedì e le autorità hanno invitato i residenti a evitare di uscire di casa tranne che per le emergenze, ha affermato l’ufficio dei media del governo di Abu Dhabi.

“Le autorità stanno lavorando in modo proattivo 24 ore su 24 per valutare le unità residenziali nelle aree colpite previste e trasportare le famiglie in luoghi sicuri fino a quando non sarà sicuro tornare”, ha affermato.

Le autorità di protezione civile dell’Arabia Saudita hanno chiesto cautela in diverse regioni dal lunedì al venerdì in attesa di forti venti e possibili inondazioni, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa statale.

Un uomo attraversa una strada allagata nella capitale dell’Oman, Muscat [Haitham Al-Shukairi/AFP]

Il ciclone Shaheen si è abbattuto domenica sull’Oman con venti feroci e forti piogge, allagando le strade, provocando l’evacuazione dalle aree costiere e sospendendo alcuni voli da e per la capitale Muscat.

La televisione di stato dell’Oman ha trasmesso immagini di strade e valli allagate mentre la tempesta si spingeva più in profondità nel sultanato, i suoi bordi esterni raggiungevano i vicini Emirati Arabi Uniti.

Quando il suo occhio ha attraversato la terra, il ciclone stava trasportando venti tra 120 e 150 km/h (da 75 a 93 mph), hanno detto le autorità dell’Oman. Stava vomitando onde fino a 10 metri (32 piedi).

Le riprese video delle emittenti dell’Oman hanno mostrato veicoli sommersi mentre le persone cercavano di farsi strada attraverso acque fangose ​​e marroni.

In alcune aree erano previsti fino a 500 cm (20 pollici) di pioggia, aumentando il rischio di inondazioni improvvise.

Il Comitato nazionale per la gestione delle emergenze del paese ha annunciato lunedì pomeriggio sette ulteriori morti a causa della tempesta, portando il bilancio delle vittime totale a 12.

In Iran, la televisione di stato ha riferito che i soccorritori hanno trovato il corpo di uno dei cinque pescatori scomparsi al largo di Pasbandar, un villaggio di pescatori vicino al confine della Repubblica islamica con il Pakistan.

Domenica scorsa, il vicepresidente del parlamento iraniano Ali Nikzad ha dichiarato di temere che fino a sei pescatori siano stati uccisi a causa del ciclone.

Il Dipartimento meteorologico indiano, i migliori meteorologi per i cicloni che attraversano l’Oceano Indiano, ha affermato che i venti provenienti da Shaheen ora raggiungono raffiche fino a 90 km/h (55 mph) e continueranno a indebolirsi.

Ha predetto che la tempesta si sarebbe indebolita in una depressione tropicale nelle prossime ore. Shaheen è atterrato con venti che hanno raggiunto i 150 km/h (93 mph).

Il comitato nazionale di emergenza dell’Oman ha dichiarato che la fornitura di energia elettrica sarà interrotta ad al-Qurm, a est della capitale, per evitare incidenti. Le agenzie umanitarie hanno trasferito più di 2.700 persone in rifugi di emergenza.

La maggior parte dei cinque milioni di abitanti del paese esportatore di petrolio vive a Mascate e dintorni. Le autorità hanno affermato che le strade della capitale saranno aperte solo ai veicoli per lavori di emergenza e umanitari fino alla fine della tempesta.

Una nave di legno è affondata nel porto di Sultan Qaboos e il suo equipaggio è stato salvato, ha detto su Twitter il Comitato nazionale per la gestione delle emergenze.

Le auto vengono abbandonate su una strada allagata mentre Shaheen approda a Muscat [Sultan Al Hassani/Reuters]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here