Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Dovrei preoccuparmi per i calcoli renali?

Dovrei preoccuparmi per i calcoli renali?

0
79

Sebbene la maggior parte dei calcoli renali scompaia senza trattamento, è importante discuterne con il medico per evitare complicazioni.

Si stima che 1 persona su 10 avrà una diagnosi di calcolo renale almeno una volta nella vita. Messo in prospettiva, circa mezzo milione di persone si ritrovano ogni anno al pronto soccorso con un calcolo renale. Negli Stati Uniti, l’incidenza dei calcoli renali è salita al 10% della popolazione.

I calcoli renali si formano quando le sostanze chimiche presenti nelle urine si induriscono. Esistono quattro tipi di calcoli renali e spesso sono causati da una combinazione di troppi rifiuti e non abbastanza liquidi per eliminarli correttamente dal sistema.

Man mano che i rifiuti si accumulano, si trasformano in cristalli che attraggono altri materiali, creando oggetti più grandi che a volte possono creare blocchi noti come calcoli renali.

I calcoli renali sono pericolosi se non trattati?

Molti calcoli renali vengono naturalmente espulsi dal corpo attraverso l’urina perché sono di dimensioni più piccole. A seconda della gravità del calcolo, alcune persone possono scegliere di aspettare e lasciarlo passare da solo.

Ma la maggior parte delle persone verrà avvertita di attendere non più di 4-6 settimane, purché il dolore o il disagio siano tollerabili. Tuttavia, se i calcoli non passano in modo indipendente, non influenzano la funzionalità renale o causano dolore grave, potrebbero essere necessari interventi medici.

Se non trattati, possono causare calcoli renali blocchi negli ureteri (i tubi che collegano i reni alla vescica), il che può renderli più stretti. Inoltre, questo può scatenare infezioni o causare accumulo di urina, costringendo i reni a lavorare di più. Sebbene la maggior parte dei calcoli venga trattata prima che questo possa diventare un problema, i segni che un calcolo renale sta causando problemi includono:

  • dolore su entrambi i lati della parte bassa della schiena
  • dolore generale o dolore addominale persistente
  • nausea o vomito
  • sangue nelle urine
  • febbre e brividi
  • urina torbida o maleodorante

I calcoli renali sono pericolosi durante la gravidanza?

L’esperienza di un calcolo renale durante la gravidanza è piuttosto rara. L’American Urological Association rileva che la frequenza dei calcoli renali è pari a uno su 1.500-3.000 gravidanze. Quando si verificano, è più probabile che siano nel secondo e terzo trimestre.

Durante la gravidanza, gli operatori sanitari possono diagnosticare e trattare in sicurezza i calcoli renali con un rischio minimo sia per te che per il tuo bambino. Nella maggior parte dei casi, il riposo a letto, l’aumento dei liquidi e l’assunzione di antidolorifici approvati sono sufficienti per aiutare a gestire la condizione. Alcune persone potrebbero aver bisogno di interventi medici, ma il tuo medico ti farà sapere se è questo il caso.

Se non trattati, i calcoli renali che non passano possono creare complicazioni. Nello specifico, possono interferire con il parto naturale o causare travaglio pretermine, entrambi i quali possono essere pericolosi per la vita del bambino. Se riscontri un calcolo renale durante la gravidanza, assicurati di informare il medico.

I calcoli renali sono pericolosi negli anziani?

Come per altri gruppi di popolazione, i calcoli renali più piccoli sono raramente motivo di seria preoccupazione per gli anziani. Questi calcoli di solito passano da soli con un dolore minimo. Ma i calcoli più grandi possono comportare gli stessi rischi, come una ridotta funzionalità della vescica e infezioni. Inoltre, possono essere molto dolorosi e potrebbero richiedere un trattamento con interventi medici.

Di tutti i gruppi di età che possono contrarre calcoli renali, gli anziani corrono maggiori rischi di complicanze. Nello specifico, a Studio del 2017 notato che gli anziani hanno un tasso più elevato di morte e infezioni a causa di calcoli renali rispetto ad altre popolazioni.

Lo studio ha inoltre rilevato che gli anziani hanno maggiori probabilità di assumere farmaci o vitamine che possono modificare il loro profilo metabolico. Di conseguenza, hanno un rischio maggiore di sviluppare calcoli renali. Allo stesso modo, nei gruppi anziani, i calcoli renali sono solitamente presenti insieme ad altre condizioni come il diabete, l’ipertensione, l’obesità e persino la malattia coronarica.

Continua a conoscere i calcoli renali

Ogni anno negli Stati Uniti vengono segnalati circa 600.000 nuovi casi di calcoli renali.

Sebbene i calcoli renali colpiscano generalmente un segmento più piccolo della popolazione, possono essere incredibilmente fastidiosi. Esistono quattro tipi di calcoli renali: calcio, acido urico, struvite e cistina.

Per molte persone, una cattiva alimentazione, un’assunzione insufficiente di liquidi, la diagnosi di determinate condizioni come la malattia infiammatoria intestinale o l’iperparatiroidismo, o l’uso di alcuni farmaci possono aumentare il rischio di sviluppare calcoli renali. Negli Stati Uniti, i maschi hanno maggiori probabilità di sperimentare calcoli rispetto alle femmine, e i bianchi hanno maggiori probabilità di averli rispetto ai neri.

È stato utile?

Porta via

I calcoli renali si verificano quando i rifiuti si accumulano nel tratto urinario e non c’è abbastanza liquido per eliminarli. Questi rifiuti si induriscono, formando pietre. I calcoli più piccoli di solito possono fuoriuscire dal corpo con un dolore minimo, ma i calcoli più grandi possono richiedere interventi medici. Se non trattati, i calcoli renali possono influenzare il funzionamento del tratto urinario.

Durante la gravidanza, questo rischio può estendersi anche a causare complicazioni durante il travaglio o addirittura un travaglio pretermine. Per gli anziani, il rischio include lo sviluppo di un’infezione o addirittura la morte. Se sospetti la presenza di calcoli renali, non ritardare e cerca la diagnosi e il trattamento il prima possibile.