Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Dolore muscoloscheletrico

Dolore muscoloscheletrico

0
44

Panoramica

Il dolore muscoloscheletrico si riferisce al dolore nei muscoli, nelle ossa, nei legamenti, nei tendini e nei nervi. Puoi sentire questo dolore in una sola area del corpo, come la schiena. Puoi anche averlo in tutto il corpo se hai una condizione diffusa come la fibromialgia.

Il dolore può variare da lieve a grave abbastanza da interferire con la tua vita quotidiana. Può iniziare improvvisamente ed essere di breve durata, che si chiama dolore acuto. Il dolore che dura da più di 3 a 6 mesi è chiamato dolore cronico.

Le cause

Disordini muscolo-scheletrici

Questi disturbi influenzano direttamente le ossa, i muscoli, le articolazioni e i legamenti. La causa più comune di dolore muscoloscheletrico è una lesione a ossa, articolazioni, muscoli, tendini o legamenti. Cadute, lesioni sportive e incidenti stradali sono solo alcuni degli incidenti che possono causare dolore.

Esistono più di 150 diversi disturbi muscoloscheletrici. Alcuni dei più comuni sono:

  • artrite, tra cui l'artrite reumatoide, l'artrite psoriasica, il lupus, l'artrosi, la gotta e la spondilite anchilosante
  • osteoporosi
  • lesioni come fratture e lussazioni
  • perdita muscolare (sarcopenia)
  • problemi con la struttura delle ossa o delle articolazioni, come la scoliosi

Disturbi non muscoloscheletrici

Questi sono alcuni dei disturbi non muscoloscheletrici che causano dolore alle ossa, ai muscoli, alle articolazioni e ai legamenti:

  • uso eccessivo al lavoro o durante lo sport
  • cattiva postura
  • riposo a letto prolungato, ad esempio durante una malattia o dopo un intervento chirurgico
  • infezioni di ossa, muscoli o altri tessuti molli
  • tumori che esercitano una pressione su tendini e ossa, compresi i tumori tenosinoviali a cellule giganti (TGCT) come la sinovite villonodulare pigmentata (PVNS)

A volte il dolore può sembrare che provenga dal sistema muscolo-scheletrico quando proviene interamente da un altro sistema di organi. Ad esempio, un attacco di cuore può causare dolore che si irradia lungo il braccio. Questo si chiama dolore riferito e può derivare da:

  • cuore
  • polmoni
  • reni
  • cistifellea
  • milza
  • pancreas

tipi

La lombalgia è il tipo più comune di dolore muscoloscheletrico. Altri tipi includono:

  • dolore muscolare (mialgia) da una lesione, infezione, crampi o spasmi, perdita del flusso sanguigno al muscolo o tumore
  • dolore osseo da una lesione come una frattura, infezione, tumore o disturbo ormonale
  • dolore ai tendini e ai legamenti, ad esempio da distorsione, tensione o infiammazione da tendinite o tenosinovite
  • dolori articolari da artrite
  • fibromialgia, che provoca dolore a tendini, muscoli e articolazioni in tutto il corpo
  • dolore da compressione nervosa da condizioni che esercitano pressione sui nervi, come la sindrome del tunnel carpale, la sindrome del tunnel cubitale e la sindrome del tunnel tarsale

segni e sintomi

La qualità del dolore può variare in base a dove si trova.

Il dolore osseo è sordo, acuto, lancinante o profondo. In genere è più scomodo del dolore muscolare o tendineo.

Il dolore muscolare può essere intenso e di breve durata se è causato da un crampo o da una potente contrazione muscolare, comunemente chiamato cavallo di Charley. Il muscolo può contrarsi o contrarsi a disagio.

Il dolore al tendine può sembrare acuto se una lesione lo ha causato. Di solito peggiora quando si sposta o si allunga il tendine interessato e migliora con il riposo.

Il dolore articolare sembra dolorante. Può essere accompagnato da rigidità e gonfiore.

La fibromialgia provoca più punti teneri in tutto il corpo.

Il dolore da compressione del nervo può avere formicolio, formicolio o bruciore. Altri sintomi dipendono dalla causa del dolore e possono includere:

  • rigidezza
  • indolenzimento
  • gonfiore
  • rossore
  • crepa o scoppiettio nell'articolazione
  • difficoltà a spostare l'area interessata
  • debolezza
  • fatica
  • difficoltà a dormire
  • spasmi muscolari o contrazioni
  • ecchimosi

Diagnosi

Poiché il dolore muscoloscheletrico può avere una varietà di cause, il medico prenderà prima una storia medica dettagliata e chiederà i tuoi sintomi. Aspettati di rispondere a domande come queste:

  • Quando è iniziato il dolore?
  • Che cosa stavi facendo in quel momento (ad esempio, allenandoti o facendo sport)?
  • Come ci si sente: pugnalare, bruciare, dolere, formicolare?
  • Dove ti fa male?
  • Quali altri sintomi hai (disturbi del sonno, affaticamento, ecc.)?
  • Cosa lo rende peggio o meglio?

Il medico può premere o spostare l'area interessata in diverse posizioni per trovare la posizione esatta del dolore. Numerosi test possono aiutare a individuare la causa del dolore, tra cui:

  • esami del sangue per cercare segni di infiammazione che potrebbero suggerire l'artrite
  • Radiografie o scansioni TC per trovare problemi con le ossa
  • La risonanza magnetica esegue scansioni per trovare problemi con i tessuti molli come muscoli, legamenti e tendini
  • test del liquido articolare per cercare infezioni o cristalli che causano la gotta

Trattamento

I medici delle cure primarie trattano più spesso il dolore muscoloscheletrico. Fisioterapisti, reumatologi, osteopati, specialisti ortopedici e altri specialisti possono anche essere coinvolti nella tua cura.

Il trattamento che ricevi si basa sulla causa del tuo dolore. Le opzioni di trattamento sono suddivise in diversi tipi.

farmaci

  • paracetamolo (Tylenol)
  • farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come aspirina, ibuprofene (Advil, Motrin) o naprossene (Aleve)
  • iniezioni di corticosteroidi nella zona dolorosa
  • oppioidi (solo per il dolore più grave a causa del rischio di dipendenza ed effetti collaterali)

Terapia pratica

  • massaggio terapeutico
  • manipolazione chiropratica / osteopatica
  • Fisioterapia

Terapie alternative

  • agopuntura
  • integratori a base di erbe, vitamine e minerali

Aiuti e dispositivi

  • plantari
  • bretelle
  • collari cervicali
  • taping
  • supporti lombari

Chirurgia

La chirurgia è in genere riservata ai casi che non migliorano con trattamenti più conservativi. Le procedure possono includere:

  • sostituzione delle articolazioni
  • laminectomia
  • riparazione dei tessuti molli e della cartilagine
  • artroscopia

Modifiche allo stile di vita

Per lesioni o problemi correlati all'uso eccessivo, il medico potrebbe raccomandare di riposare la parte del corpo interessata fino a quando non guarisce. Se hai l'artrite o altri dolori muscolari, può essere utile fare un po 'di stretching e altri esercizi sotto la direzione di un fisioterapista.

Il ghiaccio e il caldo sono entrambe buone opzioni per alleviare il dolore. Il ghiaccio riduce il gonfiore e allevia il dolore immediatamente dopo un infortunio. Il calore allevia la rigidità pochi giorni dopo l'infortunio iniziale.

A volte è utile parlare con qualcuno del tuo dolore. La terapia cognitivo comportamentale (CBT) ti insegna come gestire il tuo dolore in modo più efficace.

Porta via

Il dolore muscoloscheletrico può avere molte fonti, alcune delle quali non si trovano nei muscoli, nelle ossa e nelle articolazioni stesse. Se hai dolore intenso o che non migliora in poche settimane, consulta il medico per un controllo per trovare la causa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here