Cosa sta succedendo a Rafah, a Gaza, mentre Israele minaccia di attaccare?

0
15

Oltre un milione di palestinesi sono intrappolati nel punto più meridionale di Gaza, con l’esercito israeliano che prepara un attacco di terra.

Un ragazzino costruisce un aquilone sullo sfondo delle tende e della disperazione.
Un ragazzo palestinese sfollato prepara un aquilone a Rafah l’8 febbraio 2024 [Ibraheem Abu Mustafa/Reuters]

Rafah, un’imminente “operazione” di terra israeliana e l’impatto su oltre un milione di civili intrappolati sono i titoli principali.

Ma cos’è Rafah e quali sono i dettagli attorno a questa annunciata “operazione” israeliana?

Cos’è Rafah?

Rafah si trova a cavallo del confine tra la Striscia di Gaza e l’Egitto.

Da parte palestinese, è il nome del governatorato più meridionale di Gaza e della sua capitale, nonché del punto di attraversamento del Sinai egiziano. Dal lato egiziano, è una città nel governatorato del Sinai settentrionale.

La Rafah palestinese è grande 64 chilometri quadrati (25 miglia quadrate) e, mentre Israele attaccava Gaza negli ultimi quattro mesi, sempre più persone sono state ammassate al suo interno dalle forze israeliane che continuano a promettere sicurezza “più a sud” – cosa che non si è mai concretizzata.

Circa 1,4 milioni di palestinesi sono stati ora spinti a Rafah dagli implacabili bombardamenti israeliani che hanno ucciso quasi 30.000 palestinesi.

Le persone sono raggruppate in fitti gruppi nello spazio limitato non pieno di detriti o bombardato da Israele. Le condizioni sono terribili, con gravi carenze.

INTERATTIVO - Si intensificano gli attacchi israeliani a Rafah-1707724888
(Al Jazeera)

Cos’è l’“operazione” israeliana?

Tel Aviv sostiene che a Rafah sono presenti quattro brigate di Hamas, che usano la loro presenza per giustificare gli attacchi aerei in corso e un assalto terrestre pianificato.

Israele afferma inoltre che si stanno preparando piani per l’evacuazione della città – dove non è chiaro – lasciando paralizzati coloro che si rifugiano a Rafah.

Perché è coinvolto l’Egitto?

Poiché i civili intrappolati sono schiacciati contro il confine con l’Egitto, gli analisti dicono che sembra probabile che Israele voglia spingerli nel Sinai.

Ciò solleva preoccupazioni sulla sicurezza interna dell’Egitto e sulla prospettiva di avere più di un milione di palestinesi traumatizzati costretti a entrare nel suo territorio.

Cosa ha fatto finora l’Egitto?

Secondo quanto riferito, l’Egitto ha spostato 40 carri armati e veicoli corazzati al confine di Gaza per fermare qualsiasi potenziale ricaduta derivante da un attacco terrestre israeliano.

L’Egitto ha avvertito che qualsiasi attacco di terra israeliano a Rafah avrebbe “conseguenze disastrose”. Quello L’obiettivo di Israele di costringere i palestinesi a lasciare la loro terra minaccerebbe l’accordo di pace di Camp David tra i due paesi, vecchio di 40 anni.

Il Cairo ha rafforzato la sicurezza delle frontiere dal 7 ottobre.

Perché i palestinesi non vogliono lasciare Gaza?

I palestinesi hanno dovuto affrontare spostamenti di massa in un passato non troppo lontano: la Nakba.

Nel 1948, circa 750.000 palestinesi furono sottoposti alla pulizia etnica delle loro case e delle loro terre per far posto alla fondazione dello Stato di Israele.

Molti a Gaza sono discendenti dei rifugiati della Nakba e non vogliono lasciare la Palestina perché sanno che sarà impossibile tornare: Israele non glielo permetterà.

Anche i paesi arabi, come l’Egitto, si oppongono a qualsiasi spostamento poiché il diritto al ritorno dei palestinesi è una delle principali rivendicazioni dal 1948.

Quindi per ora è sicuro a Rafah?

NO.

Israele sta già uccidendo più di 100 persone al giorno negli attacchi aerei su Rafah.

Coloro che sopravvivono agli attacchi vivono in condizioni indicibili in tende che si riempiono d’acqua ogni volta che piove, o sotto qualunque rottame trovino per ripararsi.

Molti palestinesi di Rafah sono stati sfollati più volte e affermano che non si sposteranno più, qualunque cosa accada. Come Jihan al-Hawajri che ha detto all’emittente americana PBS che sarebbe rimasta nella sua tenda, qualunque cosa accada.

“Non c’è più nessun posto… in cui fuggire”, ha affermato Angelita Caredda, direttrice per il Medio Oriente e il Nord Africa del Consiglio norvegese per i rifugiati.

Come sono le condizioni attuali a Rafah?

Le immagini satellitari ottenute da Al Jazeera mostrano un’area già al punto di rottura. Circa 22.000 persone sono ammassate in ciascuno dei 64 chilometri quadrati di Rafah.

La gente valuta i danni causati dal bombardamento israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 9 febbraio
Le persone esaminano il luogo del bombardamento israeliano a Rafah il 9 febbraio 2024 [Mahmud Hams/AFP]

Prima della guerra, in quei 64 kmq vivevano 275.000 persone, rendendo Rafah una delle zone più densamente popolate di Gaza, a sua volta tra le zone più sovraffollate del mondo.

Gli sfollati si accalcano nelle strutture dell’UNRWA, sperando che l’agenzia istituita per aiutarli fosse in grado di farlo. Ma quasi 150 membri del personale dell’UNRWA sono stati uccisi negli attacchi israeliani, gli aiuti sono stati bloccati da Israele e i governi occidentali hanno ritirato i finanziamenti quando Israele ha affermato – senza ancora prove – che 12 membri del personale dell’UNRWA avevano partecipato all’attacco del 7 ottobre.

Il sovraffollamento ha provocato la diffusione della malattia, con i funzionari sanitari che hanno segnalato un’epidemia di epatite A, che si diffonde a stretto contatto.

Essendo impossibile isolare i pazienti, c’è poca speranza di fermare questa epidemia o altre, come la scabbia e i pidocchi, peggiorate dalla mancanza di docce o servizi igienici.

Cosa vuole Israele?

Quando si verificò l’attacco del 7 ottobre – uccidendo 1.139 persone in Israele – e combattenti armati palestinesi presero prigioniere a Gaza 240 persone, gli obiettivi dichiarati di Israele erano di restituire i prigionieri e “sradicare Hamas”.

Da allora, la narrazione è cambiata avanti e indietro.

Dapprima dichiarando di prendere di mira solo i combattenti armati, Israele ha presto imposto un assedio completo su Gaza, uccidendo civili ogni minuto che passa.

Poi, è diventato evidente che quando Israele ha affermato di “evitare vittime civili”, intendeva il suo calcolo segreto con un aumento del “margine di perdita accettabile”, o il numero di persone che riteneva di poter uccidere per eliminare un obiettivo.

Un massiccio attacco al campo profughi di Jabalia in ottobre ha ucciso 50 persone per eliminare un “comandante di Hamas”, una designazione di cui Israele non ha presentato prove.

Ha anche iniziato a prendere di mira gli ospedali, con un terribile attacco all’ospedale al-Shifa di Gaza City, mettendo in pericolo più di 30 bambini prematuri le cui incubatrici si sono fermate quando Israele ha tagliato l’elettricità. L’obiettivo dichiarato di scoprire “bunker nascosti del comando di Hamas” sotto al-Shifa non è mai stato realizzato.

Ne seguirono altri mentre Israele circondava un ospedale dopo l’altro, uccidendo e facendo morire di fame le persone all’interno, per “dissotterrare i centri di comando di Hamas”. Nessuno è stato scoperto.

Attaccare Rafah aiuterà Israele a ottenere qualcosa?

Non è probabile, poiché le affermazioni di Israele sullo “smantellamento dei battaglioni terroristici”, riferendosi alle fazioni armate palestinesi, appaiono effimere quanto le affermazioni dei centri di comando clandestini.

Aveva dichiarato “neutralizzate” le fazioni palestinesi combattenti nel nord di Gaza, solo per ammettere in seguito che non era così.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha subito pressioni – anche da parte del Regno Unito e degli Stati Uniti – affinché interrompa l’assalto via terra, ma lui insiste che questa sarà l’operazione per “smantellare Hamas”.

Gli Stati Uniti hanno rivolto le loro critiche più acute a Tel Aviv in tempo di guerra, affermando che Israele dovrebbe “mettere i civili al primo posto”, ma non hanno minacciato di tagliare gli aiuti o il sostegno.

L’UE e il Regno Unito hanno seguito l’esempio degli Stati Uniti.