“Complicità”: leader e attivisti criticano gli Stati Uniti per aver inviato più armi a Israele

0
19

I media riferiscono che gli Stati Uniti hanno accettato di trasferire un nuovo pacchetto di armi del valore di 2,5 miliardi di dollari a Israele nel contesto della guerra in corso a Gaza.

Gli aquiloni volano a Rafah mentre una colonna di fumo erutta durante il bombardamento israeliano su Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, il 29 marzo.
Gli aquiloni volano a Rafah mentre una colonna di fumo erutta durante il bombardamento israeliano della Striscia di Gaza [File: Said Khatib/AFP]

Secondo quanto riportato dai media statunitensi, gli Stati Uniti hanno dato il via libera al trasferimento di un nuovo pacchetto di armi da 2,5 miliardi di dollari, comprendente bombe e aerei da combattimento, a Israele.

Nonostante abbia espresso preoccupazione per le vittime civili a Gaza, il pacchetto di armi della Casa Bianca comprende più di 1.800 bombe MK84 da 2.000 libbre (900 kg) e 500 bombe MK82 da 500 libbre (225 kg), secondo funzionari del Pentagono e del Dipartimento di Stato, ha riferito il Washington Post. .

Le bombe da 2.000 libbre, che possono infliggere danni a persone fino a 300 metri di distanza, sono state “collegate a precedenti eventi con vittime di massa durante la campagna militare israeliana a Gaza”, afferma la pubblicazione americana.

Molti leader e attivisti per i diritti umani in tutto il mondo hanno criticato gli Stati Uniti per aver inviato più armi a Israele, soprattutto dopo che il governo Benjamin Netanyahu promette di lanciare un’offensiva a Rafah, l’ultimo rifugio di oltre un milione di palestinesi sfollati a Gaza.

Ecco alcune reazioni chiave:

Ministero degli Affari Esteri palestinese

In una dichiarazione pubblicata su X, il ministero ha condannato le azioni di Washington e ha affermato che “chiedere a Netanyahu di smettere di uccidere civili e di fornirgli armi è una contraddizione morale e di principio senza precedenti”.

Il ministero ha anche espresso rammarico per il “continuo fallimento” da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e della Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) nel garantire che Israele rispetti le loro decisioni.

Ex politici palestinesi

Hanan Daoud Ashrawi, un politico palestinese che è stato anche portavoce ufficiale della delegazione palestinese al processo di pace in Medio Oriente, ha affermato che le azioni del presidente americano Joe Biden sono state sorprendenti.

“L’ipocrisia delle parole vuote e delle lacrime di coccodrillo di Biden sul ‘disastro umanitario’ a Gaza mentre inonda Israele con le forniture militari più letali e distruttive in grado di polverizzare istantaneamente edifici ed esseri umani è sorprendente!” ha detto in un post su X.

Hamas

Il gruppo palestinese ha condannato “fortemente” l’ultimo trasferimento di armi da parte di Washington a Israele, affermando in un comunicato che il pacchetto di armi non fa altro che “confermare la piena collaborazione di questa amministrazione nella brutale guerra di sterminio” contro i palestinesi a Gaza.

Hamas ha affermato che la mossa dimostra che gli Stati Uniti stanno solo insistendo sull’aumento degli aiuti umanitari a Gaza e sulla protezione dei civili solo per “coprire i crimini in corso” del suo alleato Israele.

“Chiediamo alla comunità internazionale e alle Nazioni Unite di imporre un divieto totale sulla fornitura di armi all’entità criminale sionista e di adottare misure per fermare l’aggressione, portando l’occupazione e i suoi leader a rispondere delle violazioni e dei crimini contro l’umanità che hanno commesso”, aggiunge la dichiarazione.

Ministro degli Esteri della Giordania

Il ministro degli Esteri Ayman Safadi ha invitato la comunità internazionale a smettere di fornire armi a Israele.

“Le agenzie delle Nazioni Unite raccontano storie orribili di sofferenza a Gaza. Oltre 30.000 uccisi. Oltre due milioni di persone morirono di fame. Questi fatti fanno vergognare il mondo”, ha pubblicato su X.

“Le armi devono smettere di fluire verso Israele. Israele deve essere costretto a porre fine a questa catastrofe. Questo è ciò che richiedono il diritto internazionale e i valori umani”, ha aggiunto.

L’ex ministro delle finanze greco

Yanis Varoufakis, ex ministro delle finanze greco e fondatore del partito politico greco MeRA25, ha definito Biden un criminale di guerra.

“Nel 2001, [Russian President Vladimir] Putin si è guadagnato l’etichetta di criminale di guerra nei confronti della Cecenia. Nel 2003 Bush e Blair erano i criminali di guerra dell’Iraq. Negli ultimi sei mesi Biden è diventato complice dei crimini di guerra di Israele. Oggi, con quest’ultimo rilascio di armi, Biden è diventato anche un criminale di guerra a tutti gli effetti”, ha detto in un post su X.

Il senatore americano Bernie Sanders

Sanders ha definito la mossa “oscena”.

“Gli Stati Uniti non possono implorare Netanyahu di smettere di bombardare i civili un giorno e il giorno dopo di inviargli altre migliaia di bombe da 2.000 libbre che potrebbero radere al suolo interi isolati”, ha detto in un post su X.

“Dobbiamo porre fine alla nostra complicità: basta con le bombe su Israele”, ha aggiunto.

Manifestanti filo-palestinesi

Alle manifestazioni filo-palestinesi a San Francisco, negli Stati Uniti, i manifestanti hanno denunciato le azioni del governo americano di armare Israele come “oltraggiose e inaccettabili”.

I manifestanti hanno bloccato le strade venerdì dopo che una nave da guerra americana nel porto era sospettata di essere utilizzata per trasportare armi in Israele. Hanno anche affermato di essere preoccupati che la nave, la USNS Harvey Milk, possa consegnare rifornimenti all’esercito israeliano mentre continua il suo attacco mortale a Gaza.

“È scandaloso e inaccettabile che il nostro governo continui a finanziare e rifornire l’esercito israeliano mentre porta avanti il ​​genocidio contro il popolo di Gaza”, ha affermato Lara Kiswani dell’Arab Resource and Organizing Center.

Voce ebraica per l’azione di pace

Il movimento globale del popolo ebraico e dei suoi alleati che lavorano per la giustizia e l’uguaglianza per tutti i palestinesi e gli israeliani ha espresso su X che “la crudeltà non conosce limiti”.

“Oltre 32.000 palestinesi brutalmente massacrati da Israele, bambini morti di fame sotto assedio, la Corte mondiale che indaga su un plausibile genocidio, centinaia di migliaia di elettori che protestano alle urne.

“E Biden continua a inviare armi a Israele”, ha detto il gruppo.

Attivisti

In un post su X, Kenneth Rothex direttore esecutivo di Human Rights Watch, ha criticato gli Stati Uniti per aver armato Israele.

“Biden sta inviando a Israele 1.800 bombe MK84 da 2.000 libbre. Queste sono le enormi bombe che Israele ha usato ripetutamente anche se sono del tutto inadeguate per un luogo popolato come Gaza perché prevedibilmente uccidono, devastano e distruggono aree molto vaste”, ha detto.

Sarah Leah Whitsondirettore esecutivo dell’organizzazione per i diritti del Medio Oriente DAWN, ha definito il presidente Biden “bifronte”.

Ha aggiunto che mentre Biden ha criticato Israele per le atrocità commesse a Gaza, “in realtà li sta ricompensando per la loro sporca lotta con miliardi in più nelle armi più letali – comprese bombe da 2.000 libbre che persino gli Stati Uniti e altri paesi non usano più in battaglia a causa di i loro impatti catastrofici”.

Accademici

Marc Owen Jonesprofessore associato di studi sul Medio Oriente presso l’Università Hamad bin Khalifa in Qatar, ha detto ad Al Jazeera che mentre Washington sta pubblicamente facendo pressioni su Israele affinché “rimandi” la sua guerra a Gaza, le sue mosse politiche stanno inviando un segnale completamente diverso.

L’assistenza illimitata a Israele sta minando gli sforzi di Biden per riposizionare gli Stati Uniti come “autorità morale nel mondo”, ha osservato.

“Biden sta infrangendo, o almeno non applicando, le leggi Leahy”, ha detto, riferendosi alle leggi statunitensi sui diritti umani che impediscono agli Stati Uniti di fornire armi a paesi plausibilmente coinvolti in violazioni dei diritti.

“Come farà Biden a posizionarsi come qualsiasi tipo di autorità morale quando contravviene alle leggi che hanno lo scopo di difendere i diritti umani di persone come quelle in Palestina? La politica degli Stati Uniti in realtà è semplicemente quella del business as usual”.

Laura Blumenfeldun analista del Medio Oriente presso la Johns Hopkins University, ha detto ad Al Jazeera che la spedizione di armi a Israele “mette Biden sul filo del rasoio”.

“È tutta una questione di equilibrio… Nonostante la nebbia della guerra, l’amministrazione è stata chiara riguardo ai suoi limiti legali, morali e diplomatici”, ha detto l’analista, aggiungendo che la decisione di spedire più armi suggerisce che Israele non ha ancora oltrepassato quel limite nel futuro. occhi di Biden.