spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoChi sono i coloni israeliani e perché vivono in terre palestinesi?

    Chi sono i coloni israeliani e perché vivono in terre palestinesi?

    -

    Circa 700.000 coloni israeliani vivono illegalmente nella Cisgiordania occupata mentre la violenza tra i coloni aumenta.

    Da quando Israele ha lanciato la sua brutale campagna di bombardamenti su Gaza il 7 ottobre, in seguito all’attacco mortale di Hamas, gli attacchi dei coloni contro i palestinesi nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme Est sono più che raddoppiati, passando da una media di tre a otto incidenti al giorno, secondo i dati. le Nazioni Unite.

    L’impennata degli attacchi dei coloni ha costretto centinaia di palestinesi a fuggire dalle proprie case nelle ultime tre settimane durante il bombardamento israeliano di Gaza che ha ucciso più di 9.500 persone.

    Allora, chi sono i coloni e dove vivono?

    Chi sono i coloni?

    I coloni sono cittadini israeliani che vivono su terreni privati ​​palestinesi nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme est. La stragrande maggioranza degli insediamenti sono stati costruiti interamente o parzialmente su terreni privati ​​palestinesi.

    Più di 700.000 coloni – il 10% dei quasi 7 milioni di abitanti di Israele – vivono ora in 150 insediamenti e 128 avamposti che punteggiano la Cisgiordania occupata e Gerusalemme Est.

    Un insediamento è autorizzato dal governo israeliano mentre un avamposto viene costruito senza l’autorizzazione del governo. Gli avamposti possono variare da una piccola baracca di poche persone a una comunità fino a 400 persone.

    Alcuni coloni si trasferiscono nei territori occupati per motivi religiosi, mentre altri sono attratti dal costo della vita relativamente più basso e dagli incentivi finanziari offerti dal governo. Gli ebrei ultraortodossi costituiscono un terzo di tutti i coloni.

    Secondo il Pew Research Center, la maggioranza degli ebrei israeliani che vivono in Cisgiordania affermano che la costruzione di insediamenti migliora la sicurezza del paese. La tesi è che gli insediamenti fungono da cuscinetto per la sicurezza nazionale di Israele poiché limitano la circolazione dei palestinesi e minano la vitalità di uno Stato palestinese. Tuttavia, alcuni nella sinistra israeliana sostengono che l’espansione degli insediamenti danneggia la soluzione dei due Stati e quindi le prospettive di pace di Israele.

    INTERATTIVO Insediamenti israeliani della Cisgiordania occupata
    (Al Jazeera)

    Quando furono costruiti i primi insediamenti?

    Israele iniziò a costruire insediamenti subito dopo aver conquistato la Cisgiordania, Gerusalemme Est e la Striscia di Gaza nella Guerra dei Sei Giorni del giugno 1967.

    Nel settembre 1967, il blocco Etzion a Hebron fu il primo insediamento costruito nella Cisgiordania occupata. L’insediamento ora ospita 40.000 persone.

    Kfar Etzion, uno degli insediamenti più antichi, ospita circa 1.000 persone mentre il più grande – Modi’in Illit – conta circa 82.000 coloni, la maggior parte dei quali ebrei ultraortodossi.

    I successivi governi israeliani hanno perseguito questa politica che ha portato ad un aumento della popolazione di coloni nei territori occupati.

    Circa il 40% del territorio occupato della Cisgiordania è ora controllato dagli insediamenti. Questi insediamenti – insieme a una vasta rete di posti di blocco per i palestinesi – separano di fatto le parti palestinesi della Cisgiordania l’una dall’altra, rendendo quasi impossibile la prospettiva di un futuro stato contiguo, secondo i critici.

    Il primo insediamento ebraico in Palestina risale agli inizi del XX secolo, quando iniziarono ad arrivare in Europa gli ebrei che affrontavano discriminazioni diffuse, persecuzioni religiose e pogrom. A quei tempi la Palestina – che era ancora sotto il controllo coloniale britannico – era prevalentemente araba con una piccola minoranza ebraica.

    Tel Aviv, la città più grande d’Israele, fu costruita come insediamento nel sobborgo della città araba di Giaffa nel 1909.

    La migrazione di massa degli ebrei in Palestina scatenò una rivolta araba. Ma nella violenza che ne seguì, le milizie sioniste ben armate effettuarono la pulizia etnica di 750.000 palestinesi nel 1948. I palestinesi chiamano la loro espulsione la Nakba, che in arabo significa catastrofe.

    I coloni sono sostenuti dal governo?

    Il governo israeliano ha apertamente finanziato e costruito insediamenti affinché gli ebrei potessero viverci.

    Le autorità israeliane danno ai coloni in Cisgiordania circa 20 milioni di shekel (5 milioni di dollari) all’anno per monitorare, segnalare e limitare le costruzioni palestinesi nell’Area C, che costituisce oltre il 60% della Cisgiordania. Il denaro viene utilizzato, tra le altre cose, per assumere ispettori e acquistare droni, immagini aeree, tablet e veicoli.

    Il 4 aprile, le autorità israeliane hanno chiesto di raddoppiare tale importo nel bilancio statale, portandolo a 40 milioni di shekel (10 milioni di dollari).

    Negli ultimi anni, l’esercito israeliano ha gestito una hotline chiamata War Room C, affinché i coloni possano chiamare e denunciare la costruzione palestinese nell’Area C.

    Diverse leggi israeliane consentono ai coloni di impossessarsi della terra palestinese:

    • Israele ha dichiarato che circa il 26% del territorio della Cisgiordania è “terreno statale”, sul quale possono essere costruiti insediamenti.
    • Israele ha utilizzato mezzi legali per espropriare proprietà palestinesi per esigenze pubbliche come strade, insediamenti e parchi.

    Dopo la firma degli accordi di Oslo del 1993 con l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), il governo israeliano ha ufficialmente smesso di costruire nuovi insediamenti, ma quelli esistenti hanno continuato a crescere.

    La popolazione degli insediamenti in Cisgiordania e Gerusalemme Est è cresciuta da circa 250.000 nel 1993 a quasi 700.000 nel settembre di quest’anno.

    Ma nel 2017 Israele ha annunciato formalmente l’inizio di nuovi insediamenti.

    Il primo ministro Netanyahu – il primo ministro israeliano da più tempo in carica – ha sostenuto l’espansione degli insediamenti da quando è salito al potere nel 1996.

    Ci sono anche organizzazioni “non governative” israeliane che lavorano per sfrattare i palestinesi dalle loro terre sfruttando le scappatoie nelle leggi fondiarie.

    Le autorità israeliane inoltre sequestrano e demoliscono regolarmente proprietà palestinesi citando la mancanza di permessi di costruzione e documenti fondiari rilasciati da Israele.

    Ma i gruppi internazionali per i diritti sostengono che ottenere un permesso di costruzione israeliano è quasi impossibile.

    No. Tutti gli insediamenti e gli avamposti sono considerati illegali secondo le leggi internazionali in quanto violano la Quarta Convenzione di Ginevra, che vieta a una potenza occupante di trasferire la propria popolazione nell’area che occupa.

    Gli insediamenti, dicono gli attivisti, sono enclavi della sovranità israeliana che hanno frammentato la Cisgiordania occupata, e qualsiasi futuro stato palestinese assomiglierebbe a una serie di minuscoli ex Bantustan sudafricani, o township per soli neri, non collegati tra loro.

    Le Nazioni Unite li hanno condannati attraverso molteplici risoluzioni e voti. Nel 2016, una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite affermava che gli accordi “non avevano validità legale”.

    Ma gli Stati Uniti, il più stretto alleato di Israele, hanno fornito copertura diplomatica nel corso degli anni. Washington ha costantemente usato il suo potere di veto alle Nazioni Unite per proteggere Israele dalla censura diplomatica.

    Israele autorizza e incoraggia gli insediamenti. Sebbene ritenga gli avamposti illegali secondo le sue leggi, negli ultimi anni Israele ha legalizzato retrospettivamente diversi avamposti.

    Più di 9.000 coloni si ritirarono da Gaza nel 2005, quando Israele smantellò gli insediamenti come parte di un piano di “disimpegno” dell’ex primo ministro Ariel Sharon.

    Come fa Israele a mantenere il controllo della Cisgiordania?

    Israele ha costruito un muro o barriera di separazione che si estende per più di 700 km (435 miglia) attraverso la Cisgiordania, limitando il movimento di oltre 3 milioni di palestinesi nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme est. Ma Israele dice che il muro serve per motivi di sicurezza.

    Gli agricoltori palestinesi devono richiedere i permessi per accedere alla propria terra. Questi permessi devono essere rinnovati più volte e possono anche essere negati o revocati senza spiegazione.

    Ad esempio, circa 270 dei 291 ettari totali che appartengono al villaggio palestinese di Wadi Fukin vicino a Betlemme sono designati come Area C, che è sotto il controllo israeliano. Circa il 60% della Cisgiordania occupata rientra nell’Area C.

    Oltre al muro di separazione, in tutta la Cisgiordania sono stati posizionati oltre 700 ostacoli stradali, inclusi 140 posti di blocco. Circa 70.000 palestinesi con permesso di lavoro israeliano attraversano questi posti di blocco nei loro spostamenti quotidiani.

    I palestinesi non possono spostarsi liberamente tra la Cisgiordania occupata, Gerusalemme Est e Gaza, e per farlo hanno bisogno di permessi.

    Gruppi per i diritti umani come Human Rights Watch e B’Tselem sono giunti alla conclusione che le politiche e le leggi israeliane utilizzate per dominare il popolo palestinese possono essere descritte come “apartheid”.

    INTERATTIVO Aree occupate della Palestina in Cisgiordania AB C-1694588444

    La violenza dei coloni è aumentata nelle ultime settimane?

    SÌ. I coloni hanno effettuato più di 198 attacchi in Cisgiordania costringendo circa 1.000 palestinesi a fuggire dalle loro case mentre Israele continua il suo incessante bombardamento su Gaza dal 7 ottobre.

    “I coloni hanno commesso crimini nella Cisgiordania occupata ben prima del 7 ottobre. È come se, tuttavia, avessero ottenuto il via libera dopo il 7 ottobre per commettere altri crimini”, ha detto ad Al Ghassan Daghlas, un funzionario dell’Autorità Palestinese che monitora l’attività dei coloni. Jazeera.

    Il 28 ottobre, un contadino palestinese che raccoglieva olive è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dai coloni nella città occupata di Nablus, nella Cisgiordania. “Siamo ora durante la stagione della raccolta delle olive: le persone non sono state in grado di raggiungere il 60% degli ulivi nell’area di Nablus a causa degli attacchi dei coloni”, ha affermato Daghlas.

    Il villaggio beduino di Wadi as-Seeq, nella Cisgiordania occupata, è stato svuotato dei suoi 200 residenti il ​​12 ottobre in seguito alle minacce dei coloni.

    L’attuale violenza arriva dopo che l’anno scorso si è registrato un record di violenza da parte dei coloni, passando da una media di tre a otto incidenti al giorno, secondo le Nazioni Unite.

    Negli ultimi anni i coloni hanno cercato sempre più spesso di pregare nel complesso della moschea di Al-Aqsa, sollevando la preoccupazione dei palestinesi di voler invadere il terzo luogo più sacro dell’Islam. Le preghiere ebraiche non sono consentite secondo lo “status quo” che governa Al-Aqsa.

    Tre giorni prima che Hamas sferrasse un attacco mortale all’interno di Israele, i coloni hanno preso d’assalto il complesso della moschea. Nel 2021, la polizia israeliana ha fatto irruzione nel complesso della moschea per facilitare l’ingresso dei coloni, innescando un conflitto mortale.

    A febbraio, i coloni di estrema destra si sono scatenati nella città di Huwara, in Cisgiordania, dando fuoco a dozzine di case e automobili. In seguito alle violenze, il ministro delle Finanze israeliano Bezalel Smotrich ha chiesto che Huwara fosse “spazzato via”.

    Secondo un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato nel settembre 2023, la violenza dei coloni israeliani ha provocato lo sfollamento di oltre 1.100 palestinesi nella Cisgiordania occupata dal 2022.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts