Biden dice a Modi che più importazioni russe di petrolio non sono nell’interesse dell’India

0
12

Joe Biden ha detto al premier Narendra Modi che gli Stati Uniti possono aiutare l’India a diversificare le forniture di petrolio durante la guerra in Ucraina, afferma la Casa Bianca.

Parlando prima del suo incontro con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro indiano Narendra Modi ha descritto la situazione in Ucraina come “preoccupante” [Carolyn Kaster/AP Photo]

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha tenuto una “conversazione costruttiva e diretta” con il primo ministro indiano Narendra Modi, ha affermato la Casa Bianca, poiché gli Stati Uniti stanno cercando più aiuto dall’India per esercitare pressioni economiche sulla Russia per l’invasione dell’Ucraina.

In una conferenza stampa lunedì pomeriggio, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto che Biden ha detto a Modi che la sua amministrazione potrebbe aiutare l’India a diversificare le sue importazioni di petrolio, ma che non era nell’interesse di Nuova Delhi aumentare le importazioni di energia da Mosca.

L’amministrazione Biden ha già chiarito di non voler vedere un aumento significativo delle importazioni di energia russe da parte dell’India, che ha acquistato almeno 13 milioni di barili di greggio russo scontato da quando il Paese ha invaso l’Ucraina a fine febbraio.

“Il presidente… ha comunicato che siamo qui per aiutarli a diversificare i loro mezzi per importare petrolio. Le importazioni dagli Stati Uniti sono già significative, molto più grandi delle importazioni che ottengono dalla Russia”, ha detto Psaki ai giornalisti.

“Il presidente ha comunicato molto chiaramente che non è nel loro interesse aumentarlo”.

Non ha detto se gli Stati Uniti avessero ricevuto impegni dall’India sulle importazioni di energia.

I colloqui virtuali di lunedì, che hanno preceduto un incontro “US-India 2+2 ministeriale”, includevano il segretario di Stato americano Antony Blinken, il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin, il ministro degli Affari esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar e il ministro della Difesa indiano Rajnath Singh.

La discussione è arrivata mentre Nuova Delhi continua a cercare di bilanciare i suoi legami con Mosca e l’Occidente, che ha imposto una serie di sanzioni contro la Russia per la guerra in Ucraina e ha esortato le nazioni ad allontanarsi dalle forniture energetiche russe come un modo per esercitare pressioni sul presidente Vladimir Putin.

Parlando tramite un traduttore lunedì prima del suo incontro con Biden, Modi ha affermato di aver suggerito colloqui diretti tra Putin e il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy.

“Ho parlato più volte al telefono con i presidenti di Ucraina e Russia”, ha detto Modi. “Non solo ho fatto appello a loro per la pace, ma ho anche suggerito al presidente Putin di tenere colloqui diretti con il presidente ucraino”.

La situazione in Ucraina è “preoccupante”, ha detto Modi, che ha anche condannato le uccisioni nella città ucraina di Bucha, dove il ritrovamento di centinaia di corpi di civili a seguito del ritiro russo dalla città ha suscitato indignazione internazionale, e ha chiesto un’indagine indipendente.

Da parte sua, Biden ha aperto i colloqui con il primo ministro indiano sottolineando la partnership di difesa tra i due Paesi e affermando che Stati Uniti e India “continueranno la nostra stretta consultazione su come gestire gli effetti destabilizzanti di questa guerra russa”.

“La radice della nostra partnership è una profonda connessione tra le nostre persone, legami di famiglia, di amicizia e di valori condivisi”, ha affermato il presidente degli Stati Uniti.

Ma la guerra in Ucraina è stata fonte di tensioni nelle ultime settimane, con Biden che in precedenza aveva affermato che l’India era “un po’ traballante sull’Ucraina”.

L’India è un membro del cosiddetto raggruppamento Quad – che comprende anche Stati Uniti, Giappone e Australia e apparentemente funge da baluardo regionale contro l’espansione cinese – ma non ha imposto sanzioni alla Russia come altri membri.

Attirati da forti sconti a seguito delle sanzioni occidentali contro entità russe, i recenti acquisti da parte dell’India di almeno 13 milioni di barili di petrolio greggio russo hanno segnato un forte aumento rispetto allo scorso anno; ha importato circa 16 milioni di barili per tutto il 2021, secondo i dati raccolti dall’agenzia di stampa Reuters.

Il vice consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti per l’economia internazionale Daleep Singh, che ha recentemente visitato l’India, in precedenza ha affermato che gli Stati Uniti non fisseranno alcuna “linea rossa” per l’India sulle sue importazioni di energia dalla Russia, ma non vogliono vedere una “rapida accelerazione” negli acquisti .

La Russia è stata a lungo il principale fornitore indiano di attrezzature per la difesa, nonostante i crescenti acquisti dagli Stati Uniti nell’ultimo decennio.

L’India si è astenuta quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato la scorsa settimana per sospendere la Russia dal Consiglio per i diritti umani di 47 membri per le accuse secondo cui i soldati russi in Ucraina avrebbero commesso violazioni dei diritti che Washington e Kiev hanno definito crimini di guerra.

Durante la sua precedente conferenza stampa, Psaki ha detto che gli Stati Uniti hanno visto l’India parlare con più forza contro l’invasione russa dell’Ucraina, in particolare “per quanto riguarda le foto orribili che abbiamo visto intorno a Bucha”.

“Li abbiamo visti adottare misure per fornire assistenza umanitaria e una serie di assistenza, ma è qualcosa che incoraggiamo sempre i leader a fare: parlare apertamente, essere espliciti, per assicurarsi che siano dalla parte giusta della storia”, ha affermato disse.

“Ma questa è stata una chiamata costruttiva, è stata una chiamata produttiva. È un rapporto di vitale importanza per gli Stati Uniti e per il presidente. Non la vedrei come una chiamata contraddittoria”.

I due leader avevano parlato l’ultima volta a marzo nell’ambito di un incontro più ampio dei leader del Quad.

Nel frattempo, Blinken, il segretario di Stato americano, ha dichiarato di non vedere l’ora di discutere una serie di questioni con i funzionari indiani durante la riunione “USA-India 2+2 ministeriale” di lunedì pomeriggio, compresi gli sforzi per porre fine alla pandemia di COVID-19 e affrontare la crisi climatica.

“Non vedo l’ora di parlare della nostra cooperazione in materia di sicurezza nell’Indo-Pacifico”, ha detto Blinken ai giornalisti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here