spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoAnalisi: finora è stata una vittoria per Hezbollah contro Israele

    Analisi: finora è stata una vittoria per Hezbollah contro Israele

    -

    Non è necessario che Hezbollah attraversi il confine per tenere Israele bloccato nella prospettiva di una guerra su due fronti.

    I sostenitori di Hezbollah bruciano una bandiera israeliana durante una protesta in solidarietà con il popolo palestinese a Gaza, a Beirut, in Libano, venerdì 27 ottobre 2023. (AP Photo/Bilal Hussein)
    I sostenitori di Hezbollah bruciano una bandiera israeliana durante una protesta in solidarietà con il popolo palestinese a Gaza, a Beirut, Libano, venerdì 27 ottobre 2023. Bilal Hussein/AP Photo]

    Mentre l’avanzata israeliana a Gaza continua, per la prima volta sembra che provenga da più di una direzione. Non è ancora chiaro se si tratti ancora di ricognizioni in forza o se Israele abbia scelto di rendere l’invasione di terra una “operazione continua” aumentando gradualmente i livelli di forza nel tempo.

    Per l’esercito israeliano, un approccio così cauto potrebbe rivelarsi più pratico di un’offensiva totale. Se le tattiche vengono adattate quotidianamente alla situazione sul campo, quelle efficaci possono essere replicate altrove. Da un punto di vista politico, i generali danno tempo per vedere come si svilupperà la posizione del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

    Nei conflitti passati, la maggior parte degli israeliani si è unita, evitando di mettere troppo in discussione il proprio governo. Ora molti accusano Netanyahu di essere responsabile degli attentati del 7 ottobre. Ha ribattuto categoricamente che “questo è tempo di guerra”.

    Ma mentre quasi certamente si riferiva al fronte meridionale israeliano a Gaza, la sua intransigenza potrebbe portare all’apertura di un altro, a nord.

    Lunedì ho suggerito che i paesi della regione non volessero aderire. Tuttavia, gli stati non sono le uniche entità ad avere eserciti. Nel vicino settentrionale di Israele, il Libano, un esercito non statale, Hezbollah, è più forte dell’esercito nazionale. E non sotto il controllo del governo centrale.

    Hezbollah, che significa Partito di Dio, è stato creato negli anni ’80, durante la guerra civile in Libano, per unire varie fazioni di minoranza musulmana sciita e fornire servizi sociali mentre lo Stato si era disintegrato. Incoraggiato dal successo iniziale e dal sostegno dell’Iran, Hezbollah ha sviluppato un’ala armata che è diventata rapidamente una formidabile forza combattente.

    Così formidabile che si può dire che sia stata l’unica forza araba che abbia mai sconfitto Israele in battaglia. Nel 2000, la resistenza di Hezbollah costrinse Israele a porre fine all’occupazione del Libano meridionale.

    Gli israeliani si rifiutano con rabbia di definire una sconfitta il loro ritiro dopo un soggiorno di 15 anni, ma ammettono che Hezbollah è stato un fattore importante nella loro decisione. Nel 2006, durante una guerra durata un mese con Israele, Hezbollah mostrò un livello di sofisticatezza e capacità senza precedenti e inaspettato quando attaccò la corvetta israeliana Hanit, allora una delle tre navi più moderne e capaci, con un missile terra-mare di costruzione cinese. .

    Hassan Nasrallah, leader assoluto di Hezbollah, vantava 100.000 combattenti sotto il suo comando. Probabilmente sta esagerando: la maggior parte degli esperti ritiene che la cifra sia di circa 60.000, ma i numeri puri non sono la principale risorsa della milizia.

    I suoi punti di forza risiedono nell’adeguata organizzazione militare, nella disciplina e nella dedizione che è senza dubbio superiore alla maggior parte degli eserciti statali. Ha anche un arsenale di armi adatto alle tattiche di fanteria leggera di piccola squadra capaci di infiltrazione che ha imparato combattendo Israele. A causa della superiorità del suo nemico in termini di aviazione e mezzi corazzati, Hezbollah non dispone di aerei pilotati né di carri armati, sebbene durante la guerra in Siria abbia operato con un’unità corazzata delle dimensioni di un battaglione, per acquisire esperienza.

    Ma dispone di un potente schieramento di missili e razzi, più pesanti e con una gittata più lunga di quelli utilizzati da Hamas, e di una potente artiglieria da campo. Si ritiene che la maggior parte delle armi siano state originariamente fornite da e attraverso l’Iran. Sono stati integrati in portata e numeri nella guerra in Siria, dove Hezbollah ha aiutato le forze ufficiali siriane del presidente Bashar al-Assad.

    La dedizione e la determinazione dei combattenti Hezbollah che resistevano agli attacchi israeliani a Beirut nel 2006 hanno portato Israele a formulare la tanto criticata “dottrina Dahya” della distruzione aerea totale che ora vediamo ogni giorno a Gaza. Prende il nome dal quartiere di Beirut che per primo incontrò quel destino. Il generale israeliano Gadi Eizenkot lo spiegò come un piano per danneggiare i civili come unico modo per fermare i combattenti, usando una forza sproporzionata contro qualsiasi struttura civile di cui potessero avvalersi. Non è riuscito a fermare Hezbollah.

    Essendo un nemico che conosce e rispetta, Hezbollah ha costretto Israele a schierare massicci rinforzi al confine con il Libano, portando la brigata Golani residente a probabilmente 100.000 soldati o più. Sa che, a differenza di Hamas – che può solo lanciare razzi, Hezbollah ha una possibilità realistica di avanzare in Israele e mantenere il terreno conquistato.

    Ma Hezbollah non ha bisogno di attaccare oltre la linea blu che delimita i due paesi. Per la sua stessa esistenza, è ciò che i militari chiamano un “esercito in attesa”. Israele deve mantenere le sue risorse nel nord per contrastare e scoraggiare qualsiasi potenziale grande spinta che rappresenterebbe un serio problema militare, e ancor più politico, per Israele.

    La situazione attuale e la maggior parte dei possibili sviluppi sembrano favorire Hezbollah. Se si limitasse a mantenere l’attuale impegno di basso livello, bloccherebbe importanti risorse militari israeliane.

    Può scegliere di rispondere alla continua distruzione di Gaza lanciando una serie relativamente moderata di attacchi missilistici contro Israele senza il rischio significativo di provocare un’offensiva israeliana in Libano. Attacchi missilistici coordinati contro obiettivi che Hamas può raggiungere, ad esempio a Tel Aviv, metterebbero a dura prova le difese dell’Iron Dome. E Hezbollah potrebbe anche bombardare le città sicure di Hamas nel nord come Haifa o Kiryat Shmona.

    Livelli così modesti di escalation farebbero guadagnare a Hezbollah la popolarità nel mondo arabo e musulmano come unica forza non palestinese che si unisse alla lotta dei palestinesi di Gaza.

    Tuttavia, tutto ciò è valido solo se gli eventi sul campo seguono una logica. Ma il comportamento razionale è fragile e di utilità limitata in situazioni governate da paura, frustrazioni, odio o altre forti emozioni collettive.

    L’attuale situazione di stallo, tesa ma stabile e di intensità molto bassa, al confine settentrionale di Israele sembra essere la situazione più conveniente per entrambe le parti, ed entrambe lo sanno. Ma entrambi devono essere preoccupati per la possibilità che un piccolo lampo imprevedibile dia origine a un grande incendio che nessuna delle due parti può contenere.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts