Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Ai miei figli: mi hai reso migliore

Ai miei figli: mi hai reso migliore

0
50

Passando dal credere che sapevo tutto alla realizzazione di quanto poco saprò mai non è stato facile, ma i miei figli continuano ad aiutarmi a cambiare.

So cosa dicono: è mio compito, come tua madre, garantire che tutti diventiate esseri umani gentili e rispettabili.

Il mio compito è insegnarti cose, ad esempio come dire "grazie" e tenere le porte per gli altri, lavorare sodo e risparmiare denaro.

Il mio compito è renderti persone migliori. Per farti diventare parte di una generazione che farà meglio di quella precedente e rendere il mondo stesso un posto migliore per tutti.

Ma se sono sincero qui, figli, la verità è che voi avete fatto tutto me meglio.

Prima di conoscerti, ammetto che ero una donna che pensava di sapere tutto. Una donna che stava andando in posti molto importanti con una lista di controllo molto strategica e molti piani specifici. Una donna che non ha tempo per nessuno o niente per fermarla, grazie mille.

E poi sei arrivato tu. Bene, il primo di voi, comunque.

Sei venuto e hai completamente e totalmente capovolto il mio mondo.

Erano andati i piani che avevo fatto. Erano andati i posti in cui avrei voluto andare. Andato era la lista di controllo per la mia vita perché invece, apparentemente da un giorno all'altro, mi trovavo improvvisamente di fronte al titolo di "mamma".

Non ero sicuro di essere pronto per questo. Mentre i bambini continuavano a venire, ho solo cercato di aggrapparmi alla scialuppa di salvataggio per sopravvivere nel caos della vita con quattro bambini, di età pari o inferiore a 6 anni. Ma ad ogni bambino veniva una lezione imparata, un cuore si ammorbidiva, una donna, una madre, una sorella e una moglie miglioravano.

Quindi, figli miei, voglio solo dire – grazie per tutti i modi in cui mi avete reso migliore:

Sto meglio perché tutte le poppate notturne con te mi hanno insegnato la pazienza e la saggezza di sapere che alla fine passeranno anche le fasi più difficili.

Sto meglio perché la privazione del sonno così fitta che è difficile da superare mi ha insegnato l'umiltà: realizzare i miei limiti e concentrarmi su ciò che conta davvero.

Sto meglio perché ora so che il mondo non finirà davvero se non cucino ogni singola notte. E anche quel cereale per cena può essere fantastico.

Sto meglio perché quando ho sentito la pressione cresciuta di essere costantemente "acceso" – di essere produttivo e impegnato e fare tutte le cose – mi hai mostrato le semplici gioie di essere ancora. Sedersi sul divano e non fare altro che ridere di come si possono spezzare le dita dei piedi come le dita, sdraiarsi fuori e guardare le nuvole come quando ero un bambino, leggere un libro dopo l'altro e non avere la voglia di controllare il mio telefono.

E parlando di quel maledetto telefono, sto meglio perché mi hai dato la libertà di ricordare com'era muoversi nel mondo senza il mio legame. Essere senza scopo e creativi e andare per lunghi periodi di tempo senza che le dita si contraggano per far scorrere uno schermo. (Sii onesto: da quanto tempo vai davvero senza controllare il telefono?)

Sto meglio perché finalmente, finalmente ho imparato che quando la mamma non è felice, nessuno è felice. È una posizione incredibilmente difficile trovarsi quando l'intero peso emotivo della nostra famiglia poggia sulle mie spalle, ma per ora, è proprio così. Ed è una responsabilità che finalmente possiedo.

Significa che quando sono irritabile e stressato, lo sentite tutti. E quando faccio finta di stare bene e continuo a spingere, solo per andare in rovina? Fa male a tutti noi.

Quindi sto meglio perché ho finalmente accettato il mio posto come navigatore emotivo in questa famiglia. Questo significa ammettere quando sono stanco o sopraffatto o ho solo bisogno di farmi un panino dannato perché sono arrabbiato.

Sto meglio perché ti ho visto fare tutte le cose difficili. Ti ho visto affrontare nuove scuole e soggiorni in terapia intensiva, delusioni e sogni. Ti ho visto essere più coraggioso di me.

Sto meglio perché ho imparato cosa significa ridere di nuovo la pancia, ballare in cucina, guardare una tempesta entrare, preparare biscotti solo perché, accamparsi in salotto e raccontare storie sciocche che non hanno un vero fine.

Sto meglio, ragazzi, francamente, perché sei tutto il meglio del meglio.

Quindi grazie da una mamma che continuerà a cercare di essere una versione migliore di se stessa, perché tutti te lo meriti.


Chaunie Brusie è un'infermiera di lavoro e parto trasformata in scrittrice e una mamma di cinque figli appena coniata. Scrive di tutto, dalla finanza alla salute a come sopravvivere a quei primi giorni di genitorialità quando tutto ciò che puoi fare è pensare a tutto il sonno che non stai ricevendo. Seguila qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here