Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 6 errori di costipazione che non vuoi fare

6 errori di costipazione che non vuoi fare

0
37

La stitichezza è un problema comune, che colpisce circa 15 per cento di persone in tutto il mondo. La condizione può diventare cronica, influenzando lo stile di vita e il benessere.

UN Studio 2020 dal Brasile ha scoperto che la stitichezza ha ridotto la capacità di alcune donne di funzionare, in particolare in termini di mobilità e cura di sé.

Oltre ad essere un sintomo autonomo, la stitichezza può anche essere un sintomo principale della sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Questa condizione viene diagnosticata sulla base di una raccolta di sintomi che durano almeno 3 mesi. Più donne che uomini ricevono una diagnosi di IBS.

Qualunque sia la causa della tua stitichezza, ci sono molti cambiamenti che puoi apportare per migliorare la tua salute e il tuo benessere. Ci sono anche molti errori comuni da evitare.

Cercare queste potenziali insidie ​​può aiutarti a gestire meglio la tua condizione.

Sintomi di costipazione

I sintomi sono leggermente diversi a seconda che tu abbia costipazione funzionale o sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Molti medici riconoscono che i segni delle due condizioni si sovrappongono.

La stitichezza associata all’IBS è caratterizzata da dolore addominale che di solito migliora dopo un movimento intestinale.

Le persone con costipazione funzionale, d’altra parte, possono avere difficoltà a evacuare completamente l’intestino. Possono avere movimenti intestinali rari, meno di tre a settimana, e sforzarsi per defecare. Entrambi i gruppi possono presentare feci dure o grumose.

I cambiamenti nella dieta e nello stile di vita possono spesso migliorare i sintomi della stitichezza e alcune cose possono impedirti di trovare sollievo.

Ecco sei esempi di attività comuni che possono peggiorare la stitichezza.

1. Prendere troppa fibra

Le fibre possono essere una parte importante di qualsiasi dieta. Ma per le persone con costipazione, il tipo di fibra conta.

Le fibre insolubili, come la crusca, possono effettivamente peggiorare la stitichezza. Le fibre solubili, come lo psillio, possono migliorare i sintomi della stitichezza.

Anche se stai assumendo il giusto tipo di fibra, potresti aumentare troppo e troppo rapidamente. Aumentare lentamente la quantità di fibre nella tua dieta nell’arco di alcune settimane può prevenire gonfiore, gas e crampi, che possono rendere il dolore all’IBS più difficile da gestire.

Ricerca dal 2017 consiglia di aumentare la fibra di non più di 5 grammi al giorno per dare al tuo corpo il tempo di adattarsi.

2. Bere quantità eccessive di alcol

La raccomandazione generale per le persone con IBS è di limitare l’assunzione di alcol, mirando a giorni regolari senza bere. Ricerche precedenti del 2010 ha scoperto che l’alcol ha peggiorato i sintomi della malattia infiammatoria intestinale e dell’IBS.

L’alcol può portare ad un aumento della minzione, che può causare disidratazione. Non avere abbastanza liquidi può anche causare stitichezza.

La connessione tra alcol e sintomi gastrointestinali è un po’ complicata.

Ricerca dal 2016 hanno scoperto che le bevande con alte concentrazioni di alcol del 15 percento o più rallentavano il movimento intestinale, ma concentrazioni di alcol inferiori rendevano lo svuotamento intestinale più rapido.

3. Ignorare la gestione dello stress

Lo stress può rendere la vita più difficile e può anche peggiorare l’IBS. C’è una connessione tra stress e sintomi di IBS: le persone con IBS hanno anche livelli di stress maggiori rispetto a quelli senza IBS.

Anche i problemi di salute mentale, come stress, ansia e depressione, possono portare alla stitichezza, anche se non vivi con l’IBS. Prendersi del tempo per il tempo libero e il relax può aiutare la mente e il corpo e può aiutare a ridurre i sintomi della stitichezza.

4. Fare affidamento sui lassativi

I lassativi possono essere una parte importante del trattamento e della gestione della stitichezza per le persone con o senza IBS.

Alcune persone potrebbero temere di diventare dipendenti dai lassativi, ma questo non è un problema per tutti. Molte persone possono usare temporaneamente i lassativi per alleviare la stitichezza su consiglio di un farmacista o di un medico.

Ma a volte l’uso di lassativi troppo spesso può peggiorare la stitichezza.

La capacità del tuo corpo di avere un movimento intestinale confortevole può essere compromessa a causa dell’uso frequente di lassativi. Questi farmaci possono anche causare diarrea. Il medico dovrebbe monitorare qualsiasi uso a lungo termine di lassativi.

5. Evitare l’esercizio

Recente ricerca mostra che l’esercizio fisico può aiutare a migliorare i sintomi dell’IBS. Gli esempi includono attività da moderata a vigorosa, come camminare o andare in bicicletta, per 20-60 minuti al giorno per 3-5 giorni alla settimana. Anche gli esercizi di movimento, come lo yoga, possono causare sintomi di IBS meno grave.

L’esercizio fisico può aiutare a ridurre lo stress che può peggiorare l’IBS. Diventare più attivi fisicamente può aiutare a prevenire la stitichezza, anche se non vivi anche con l’IBS. Non esercitare può rendere più difficile alleviare l’IBS e i suoi effetti.

6. Non parlare con il medico

La stitichezza è un sintomo, non una condizione in sé e per sé. Parlando con il tuo medico, puoi scoprire la causa della tua stitichezza.

Se la stitichezza non è dovuta all’IBS, potrebbe essere il risultato di farmaci, dieta o un numero qualsiasi di altre cause.

Il medico può consigliare cambiamenti nello stile di vita o farmaci che possono aiutarti a trovare sollievo. Se vivi con l’IBS, il tuo medico può aiutarti a ottenere la diagnosi giusta. Possono anche fornire le conoscenze specialistiche di cui potresti aver bisogno per migliorare i tuoi sintomi.

La stitichezza, causata o meno dall’IBS, è spesso curabile con cambiamenti nella dieta e nello stile di vita.

Sviluppare un buon rapporto con il tuo medico può anche aiutarti a trovare la causa principale della stitichezza. Il medico può consigliare farmaci e piani di gestione che aiutano a ridurre il dolore e il disagio.