1971 India: “Il mio cuore mi dice che è là fuori da qualche parte”

0
24

La storia dell’asso del pilota dell’aeronautica indiana abbattuto sul Pakistan durante la guerra del 1971.

Foto del comandante di ala Hersern Singh Gill [Photo courtesy of Chander Suta Dogra]

Il 13 dicembre 1971, il Wing Commander Hersern Singh Gill, noto come “High-Speed ​​Gill” dai suoi colleghi, era appena tornato da una missione di sciopero in una sala operativa e centro di comunicazione sotterranei a Badin, nella provincia pakistana del Sindh.

Ha subito partecipato a un incontro strategico con il comandante della stazione della base aerea di Jamnagar, nello stato indiano del Gujarat, da dove aveva operato il suo squadrone di caccia MiG.

India e Pakistan erano in guerra tra loro da 10 giorni, parte di un conflitto che avrebbe portato all’indipendenza del Bangladesh tre giorni dopo, il 16 dicembre. Nei due giorni precedenti, Gill aveva condotto diversi attacchi aerei contro la Badin, ma i razzi da 57 mm dell’esercito indiano non erano stati in grado di penetrare la sua formidabile struttura in cemento. Durante l’incontro, è stato deciso di impiegare i più potenti razzi S-24. Ma prima che l’aereo potesse essere caricato con le nuove munizioni, il Western Air Command responsabile delle operazioni aeree lungo il fronte occidentale con il Pakistan, ha ordinato allo squadrone di effettuare un altro attacco urgente.

Il trentottenne Gill, comandante dello Squadrone n. 47 (Arcieri Neri), era arrabbiato e frustrato all’idea di intraprendere un’altra missione con le vecchie munizioni. Il suo gregario, il tenente di volo (in seguito Air Commodore) IJS Boparai, ha ricordato come “era sconvolto per non aver avuto il tempo di armarsi con i razzi S-24 perché i bunker di Badin si stavano dimostrando resistenti poiché erano pesantemente protetti con argini di terra. Anche un anello di 36 cannoni antiaerei ha difeso il complesso del segnale”.

Sarebbe una missione di quattro aerei con due aerei d’attacco – uno pilotato da Gill e l’altro dal comandante di volo Squadron Leader Viney Kapila – e due aerei di scorta, pilotati da Boparai e dal tenente di volo BB Soni.

Kapila, che stava organizzando i dettagli del volo, mise il suo comandante Gill nel primo aereo d’attacco e se stesso nel secondo. Ma Gill ha cambiato posto con lui. I suoi compagni di volo erano perplessi dalla sua osservazione che: “Gli Arcieri Neri devono sempre tornare con il capo”.

Alcuni in seguito sospettarono che Gill, che era già diventato una specie di leggenda nei circoli dell’aeronautica per la sua abilità e le acrobazie che avrebbe eseguito, avesse avuto la premonizione che sarebbe potuto non tornare.

Relitto di un MiG-21 della IAF abbattuto dai mitraglieri della Pakistan Air Force (PAF), presumibilmente pilotato dal Wing Commander HS Gill. La fotografia è apparsa per la prima volta sulla rivista Shaheen, una pubblicazione della PAF [Photo courtesy of Chander Suta Dogra]

Poco dopo che l’aereo aveva sganciato le bombe, Soni indicò che era a corto di carburante, il che era un segnale per tutti di tornare alla base. Ma, mentre gli altri si allontanavano, Gill fece un ultimo, solitario passaggio sul complesso.

Rendendosi conto che non poteva più vedere l’aereo di Gill, Boparai tornò nell’area bersaglio. Sul terreno sottostante, vide una scia di polvere, lunga circa un chilometro e mezzo. L’aereo abbattuto di Gill era strisciato sul terreno prima di dividersi in tre parti, con la parte centrale che conteneva i serbatoi di carburante che aveva preso fuoco. Boparai non vide alcun segno di paracadute, ma sentì che Gill avrebbe potuto espellersi dall’aereo.

Quella sera, una trasmissione sulla stazione radio pakistana di Hyderabad annunciò che un asso pilota dell’aeronautica indiana (IAF) era stato abbattuto su Badin e catturato. Diceva che il pilota proveniva dalla base aerea di Hindon (la posizione in tempo di pace dello squadrone di Gill).

Un annuncio più tardi quel giorno, tuttavia, diceva che il Wing Commander Gill era morto con l’aereo e non poteva essere identificato. Un anno dopo, quando i prigionieri di guerra indiani (POW) catturati sul fronte occidentale venivano rimpatriati, le autorità indiane chiesero ai loro omologhi pakistani attraverso il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), che gestiva tutte le comunicazioni relative al personale disperso, come avessero saputo il pilota era Gill quando i suoi resti non potevano essere identificati. Non c’è stata risposta ed è ancora indicato come disperso in azione.

Secondo i registri ufficiali dell’India, il Pakistan ha catturato 616 prigionieri di guerra durante i 14 giorni di guerra, inclusi 12 ufficiali dell’aeronautica e otto civili. L’India ha preso 92.753 prigionieri di guerra pakistani.

Tutti i prigionieri di guerra di entrambe le parti sono stati finalmente rimpatriati dopo lunghi negoziati durati oltre tre anni. Una volta che questo fu completato, l’India iniziò a compilare un elenco dei suoi soldati che erano ancora dispersi. Ha presentato la prima lista al parlamento nel 1979. Conteneva 40 nomi, incluso quello del Wing Commander Gill.

Il Pakistan ha costantemente negato di detenere prigionieri di guerra indiani dopo i rimpatri.

Ricordando un uomo più felice nel cielo

“Alto e muscoloso”, “un sovrintendente duro” e “in forma superba” sono come gli ex colleghi di Gill hanno descritto l’appassionato pilota specializzato in acrobazie mozzafiato.

Gurbir Singh Gill, che non ha mai smesso di cercare suo fratello maggiore, lo ricorda come “il più felice di guardare l’alba dal suo trespolo nel cielo, nella cabina di pilotaggio di un MiG o di un cacciatore”.

Chi lo conosceva bene afferma che un pilota con abilità così superbe “che comprendeva anche il linguaggio del corpo dei MiG” non sarebbe potuto morire se non ci fosse stato un colpo diretto alla cabina di pilotaggio.

Il capitano del gruppo N Krishnamurthy, che ora è in pensione, era un ufficiale di controllo del traffico aereo che ha fornito supporto a Gill diverse volte e ha dichiarato in un tributo alcuni anni fa: “Ha evoluto procedure: avvicinamenti più ripidi e velocità più elevate per aggirare i limiti intrinseci del MiG.”

Una foto tratta dal libro, Black Archers – An Illustrated History of No 47 Squadron of the IAF, mostra tre ufficiali nominati nell’articolo. Da sinistra a destra sono, Squadron Leader BB Soni, Flight Lieutenant (poi Air Commodore) IJS Boparai e Wing Commander HS Gill [Photo courtesy of Chander Suta Dogra]

Nel 1972, la moglie di Gill, Basanti, chiese al governo indiano di rintracciare il marito scomparso. L’IAF le ha inviato le seguenti informazioni che aveva ricevuto dal CICR, che era impegnato nell’identificare, localizzare e aiutare a rimpatriare soldati e civili catturati e sfollati da tutti e tre i paesi in guerra – India, Pakistan e Bangladesh: “Un aereo MiG-21 era abbattuto nei pressi di Badin il 13 dicembre 1971. Il pilota non si espulse. L’aereo si è schiantato e ha preso fuoco. Non è stato possibile recuperare il corpo o altri effetti personali, quindi l’identità del pilota è stata accertata solo attraverso le perizie indiane che ne hanno dichiarato la scomparsa in quella zona. Il rapporto radiofonico non è corretto”.

Ma l’IAF non è stata convinta da questa spiegazione ed ha espresso le sue riserve a Basanti in una lettera. Diceva: “Se, come afferma il rapporto, l’identità del pilota poteva essere stabilita solo attraverso rapporti indiani, allora significherebbe che la sua identità poteva essere stabilita solo dopo il 12 maggio 1972, quando abbiamo comunicato per la prima volta al CICR la data/area in cui tuo marito era scomparso. Eppure, è stato trasmesso dalla radio pakistana il 13 dicembre 1971 che è stato catturato. Abbiamo chiesto al governo pakistano di ottenere ulteriori informazioni per riconciliare questa discrepanza».

Mantenere viva la speranza

Negli anni che seguirono, la famiglia di Gill non smise mai di sperare che potesse essere ancora vivo. Due account hanno contribuito ad alimentare questa speranza.

La sorella di Basanti era un’assistente di volo della British Overseas Airways Corporation e alla fine degli anni settanta volava spesso dall’India al Regno Unito via Pakistan. Ha stretto amicizia con un’assistente di volo pakistana il cui fidanzato era di Badin. Il collega ha menzionato il caso di Gill alla famiglia del suo fidanzato e gli hanno raccontato la storia di un pilota indiano che si era espulso dal suo aereo ed era atterrato vicino alla loro casa durante la guerra. Il pilota indiano era stato catturato. La famiglia ha aggiunto un ulteriore dettaglio: il pilota catturato era calvo.

Basanti ha chiamato Boparai, che ha riferito la loro conversazione a questo scrittore prima che Boparai morisse nel 2019, per chiedere se potesse essere Gill perché, per quanto ne sapeva, suo marito non era calvo. Le disse che Gill si era davvero rasato la testa. “Le ho confermato che questo era vero e la realizzazione di ciò che significava la notizia trasmessa dall’assistente di volo pachistano, ha scosso tutti noi”, ha detto.

Un altro resoconto trasmesso da Boparai è stato quello che ha sentito mentre lavorava come istruttore a Baghdad dal 1979 al 1981. Era un periodo in cui l’Iraq si stava ricostruendo dopo la rivoluzione baathista e l’India aveva inviato personale di alto livello della difesa per fornire addestramento al National Defense College del paese. Boparai era tra loro. Alcuni dei cadetti a cui insegnava erano tornati da un incarico di addestramento in Italia, dove avevano sede soldati di diversi paesi come parte delle Nazioni Unite. Ha detto che uno di questi cadetti ha riferito una conversazione che ha detto di aver avuto con un ufficiale americano in Italia, in cui l’ufficiale aveva menzionato un asso pilota della IAF consegnato agli Stati Uniti dopo la guerra del 1971 per aiutare a testare gli aerei MiG-21.

Era una storia inverosimile e che non poteva essere verificata in modo indipendente, ma Boparai, che ha affermato che Gill era l’unico pilota asso MiG che era scomparso dalla guerra, non era pronto a respingerlo completamente.

Gurbir Singh Gill, fratello del Wing Commander Gill, apre un museo e la HS Gill Motivation Hall in memoria del pilota il 15 febbraio 2020, durante le celebrazioni del Giubileo di Diamante dello Squadrone n. 47 (Arcieri Neri) [Photo courtesy of Chander Suta Dogra]

Se fosse ancora vivo, Gill avrebbe ora ottant’anni. Sua moglie e suo figlio sono morti alcuni anni fa, ma suo fratello Gurbir, 77 anni, non ha perso la speranza. Anche ora si precipita a verificare qualsiasi informazione che trova che potrebbe aiutarlo a scoprire cosa è successo a suo fratello.

“Non è solo il mio fratello maggiore, ma il mio modello e il mio migliore amico. Mi amava teneramente e nonostante la differenza di età, abbiamo condiviso uno stretto legame”, ha detto. “Così tanti anni dopo, molte persone mi dicono che dovrei arrendermi perché potrebbe non essere più vivo. Potrebbe essere uno sforzo infruttuoso, ma il mio cuore mi dice che è là fuori da qualche parte”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here