spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoXi punta alla supremazia militare mentre riorganizza le forze armate cinesi

    Xi punta alla supremazia militare mentre riorganizza le forze armate cinesi

    -

    Il presidente cinese sottolinea la necessità di riforme in corso mentre rafforza il suo controllo sull’Esercito popolare di liberazione.

    Marinai cadetti cinesi dell'Accademia navale sottomarina del PLA,
    La Cina sta riorganizzando le sue forze armate con l’obiettivo di superare gli Stati Uniti [File: Florence Lo/Reuters]

    Negli ultimi mesi la Cina ha dato all’isola democratica di Taiwan – e al resto del mondo – un’indicazione della sua crescente abilità militare.

    Nel periodo precedente alle elezioni di gennaio a Taiwan, la sfera informativa dell’isola è stata bombardata da attacchi informatici coordinati e campagne di disinformazione.

    Pechino rivendica Taiwan come propria e non esclude l’uso della forza per riportare l’isola sotto il suo controllo.

    Dopo l’insediamento del governo taiwanese il mese scorso, la potenza militare cinese è stata in piena mostra mentre le forze armate cinesi circondavano Taiwan in due giorni di esercitazioni durante le quali i media statali cinesi hanno diffuso un video animato che mostrava i missili che piovevano sulle principali città taiwanesi.

    Dopo le esercitazioni, un portavoce militare cinese ha affermato che le forze armate del paese sono rimaste pienamente preparate, altamente vigili e pronte ad agire con risolutezza quando si tratta di Taiwan.

    Più tardi, a maggio, anche la portaerei più nuova e avanzata della Cina salpò da Shanghai per le sue prime prove in mare, posizionando la marina cinese seconda solo a quella degli Stati Uniti per numero di portaerei nella sua flotta.

    Ma nonostante l’incessante dimostrazione della crescente sofisticatezza dell’esercito, alcuni analisti si chiedono quanta fiducia abbia il presidente cinese Xi Jinping nelle sue forze armate.

    Xi Jinping presenta una bandiera alla forza di supporto informativo del PLA in aprile.  Sono su un palco con un tappeto rosso.  Xi è tra due ufficiali militari.  Dietro c'è uno striscione e sullo sfondo due soldati salutano.
    Xi Jinping presenta una bandiera alla forza di supporto informativo dell’esercito cinese quando fu istituita ad aprile [Li Gang/Xinhua via EPA]

    La scorsa settimana, Xi ha dichiarato in una conferenza militare che esistevano “problemi radicati” in tutte le forze armate e che era necessario un cambiamento.

    I suoi commenti hanno fatto seguito ad una cerimonia di aprile in cui ha svelato la più grande riorganizzazione dell’esercito cinese in quasi 10 anni.

    “È stato uno shock e dimostra che Xi non è soddisfatto della struttura esistente e delle attuali capacità dell’esercito cinese”, ha detto ad Al Jazeera Yang Zi, uno studente di dottorato presso la S Rajaratnam School of International Studies (RSIS) presso la Nanyang Technological University di Singapore.

    Epurazioni e corruzione

    Per molti osservatori, l’elemento più inaspettato della riorganizzazione è stata l’eliminazione della Forza di Supporto Strategico (SSF).

    “Ci sono stati problemi, epurazioni e indagini sulla corruzione in altre divisioni dell’esercito”, ha detto ad Al Jazeera Christina Chen, ricercatrice presso il think tank taiwanese sulla sicurezza, Istituto per la difesa nazionale e la ricerca sulla sicurezza (INDSR).

    “Ma non abbiamo sentito parlare di problemi simili all’interno della Forza di supporto strategico, quindi c’erano poche indicazioni che hanno portato a questo annuncio che l’SSF fosse in procinto di essere riorganizzato”.

    Xi stesso è stato coinvolto nella creazione della SSF, inaugurata durante l’ultima grande ristrutturazione militare cinese nel 2015.

    L’SSF era un organismo d’élite incaricato di accelerare lo sviluppo delle capacità di guerra informatica e spaziale delle forze armate e di migliorare la condivisione dei dati tra servizi e teatri entro il 2020.

    Ma a metà del 2019, un libro bianco del Ministero della Difesa cinese ha rilevato che i progressi nell’SSF erano stati lenti anche se si prevedeva che dati e intelligence avanzati avrebbero svolto un ruolo sempre più decisivo nei conflitti futuri.

    Secondo Chen, la fine del SSF indica una perdita di fiducia nella capacità delle riforme del 2015 di prepararsi a tali conflitti e suggerisce che la leadership cinese svolgerà un ruolo ancora maggiore nella modernizzazione militare.

    Invece delle SSF, i settori dello spazio, dell’informazione e della guerra informatica vengono posti all’interno di divisioni direttamente sotto la supervisione della Commissione militare centrale, presieduta da Xi.

    La nuova struttura sarà vitale per aiutare l’esercito cinese a “combattere e vincere nella guerra moderna”, ha detto Xi quando ha annunciato le riforme.

    La guerra moderna è un campo attualmente dominato dall’esercito degli Stati Uniti, ha affermato Chen, che vede nella riorganizzazione un’ulteriore indicazione della determinazione di Pechino a raggiungere Washington.

    Pechino e Washington si trovano su fronti opposti in diverse controversie nel Mar Cinese Meridionale, nel Mar Cinese Orientale e nello Stretto di Taiwan.

    Le prime pagine dei giornali cinesi che riportano le esercitazioni militari attorno a Taiwan. Una ha la foto di un jet da combattimento in decollo. Una seconda mostra una nave da guerra della marina con una bandiera cinese.
    I giornali cinesi riferiscono di esercitazioni militari congiunte intorno a Taiwan dopo l’insediamento del presidente di Taiwan a maggio [Wu Hao/EPA]

    Washington ha accusato Pechino, coinvolta in numerosi scontri con le Filippine in diverse barriere coralline contestate, di minacciare la pace regionale con la sua condotta aggressiva, mentre Pechino ha accusato Washington di intromettersi negli affari asiatici che non la riguardano.

    “L’obiettivo a lungo termine di Xi è superare militarmente gli Stati Uniti e rendere la Cina la principale potenza militare nella regione e nel mondo”, ha affermato Chen.

    “Adattabilità spietata”

    La riorganizzazione militare avviene nel contesto di quella che è stata descritta come la più grande epurazione nella storia militare cinese, con leader chiave licenziati o scomparsi dalla vista.

    Gran parte degli sconvolgimenti hanno avuto luogo all’interno dell’elite delle forze armate Rocket Force, che sovrintende ai missili tattici e nucleari di Pechino e avrebbe dovuto essere tra le unità militari più capaci.

    “Le purghe della Rocket Force dello scorso anno hanno dimostrato che le forze armate cinesi non sono così pronte per il debutto come avevamo precedentemente immaginato”, ha detto Yang di RSIS.

    Anche personaggi di spicco sono scomparsi. Il ministro della difesa, Li Shuangfu, che in precedenza era stato vice comandante dell’SSF ed era considerato un lealista di Xi, è scomparso l’anno scorso.

    Pechino ha confermato che Li è stato rimosso in ottobre, circa due mesi dopo la sua scomparsa.

    Il fatto che ufficiali di alto rango e funzionari apparentemente vicini a Xi non siano stati risparmiati dall’epurazione sottolinea il mutevole panorama di lealtà e potere nella politica dell’élite cinese, secondo Shaoyu Yuan, studioso di studi cinesi alla Rutgers University negli Stati Uniti.

    “Le persone rimosse potrebbero essersi inizialmente sollevate sotto il patrocinio di Xi, ma il loro licenziamento segnala una ricalibrazione di lealtà e fiducia man mano che la sua visione strategica e la sua percezione delle potenziali minacce si evolvono”, ha detto Yuan ad Al Jazeera.

    Secondo Yang, le purghe e la recente riorganizzazione militare suggeriscono che Xi ha poca fiducia nei comandanti che sono saliti di grado negli ultimi tempi, o nelle riforme precedenti, anche se ha giocato un ruolo chiave nelle loro promozioni e nei cambiamenti strutturali .

    Anche se ciò potrebbe sollevare dubbi sulle scelte di Xi, Yuan ha affermato che le reazioni del presidente cinese alla sua mancanza di fede dimostrano la sua spietata adattabilità e la sua volontà di ricalibrare il suo approccio per mantenere il controllo e perseguire la sua visione.

    “La sua determinazione nell’eliminare qualsiasi struttura o individuo che non sia in linea con i suoi attuali obiettivi strategici, indipendentemente dai loro contributi passati, può rafforzare la sua immagine di leader deciso che dà priorità ai bisogni attuali dello Stato rispetto alle alleanze passate”, ha affermato.

    Due sottomarini cinesi a propulsione nucleare nel Mar Cinese Meridionale.  Sono in superficie e sventolano bandiere cinesi.
    Un sottomarino missilistico balistico di classe Jin Tipo 094A a propulsione nucleare durante un’esibizione militare nel Mar Cinese Meridionale nell’aprile 2018 [Reuters]

    Yuan aggiunge che nelle dinamiche di potere che ruotano attorno al presidente, la lealtà deve essere continuamente guadagnata.

    “Questo approccio può creare un ciclo in cui la fiducia è perpetuamente condizionata, determinando la necessità di una costante riaffermazione della lealtà”, ha affermato.

    In una recente conferenza militare, Xi ha sottolineato che i funzionari militari, soprattutto quelli di alto livello, devono avere il coraggio di mettere da parte il proprio prestigio e riconoscere le proprie carenze.

    “Devono riflettere profondamente su se stessi… apportare rettifiche serie, risolvere i problemi alla radice del loro pensiero”, ha detto.

    Yang della RSIS prevede che ci sarà una maggiore enfasi sul lavoro politico all’interno delle forze armate, basandosi sull’attenzione dello scorso anno al pensiero di Xi Jinping, la filosofia politica, economica e sociale del presidente, in tutto il Partito Comunista.

    Secondo Yang, tale lavoro politico potrebbe sottrarre tempo all’addestramento militare cruciale, o incoraggiare gli ufficiali di talento a tenere la testa bassa per evitare il rischio di essere presi di mira in eventuali future purghe.

    “Lui [Xi] non ha scrupoli a scuotere le cose e far rotolare le teste”, ha detto Yang. “Ma alla fine, solo il tempo ci dirà se questi cambiamenti miglioreranno effettivamente le capacità di combattimento dell’esercito cinese”.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts