‘Un minuto per salutare’ un padre, un figlio, un marito: Hussein Abu Jamei

0
80

Hussein aveva solo 32 anni quando fu ucciso da un raid aereo israeliano su Khan Younis in ottobre. Il suo corpo è stato trovato da suo fratello.

Conosci i loro nomi: Hussein Mohammed Abu Jamei
Hussein Mohammed Abu Jamei, 32 anni, è stato ucciso in un raid aereo israeliano su un quartiere nel sud di Khan Younis dove si era rifugiato [Courtesy of Sayyed Mohammed Abu Jamei]

Khan Younis, Striscia di Gaza – Era l’una di notte quando il gruppo di primi soccorritori a Khan Younis ha ricevuto la chiamata – c’era stato un raid aereo israeliano nelle vicinanze.

Insieme ai suoi colleghi, Sayyed Mohammed Abu Jamei si è precipitato sul posto e ha iniziato a scavare tra le macerie per trovare eventuali sopravvissuti. Mentre frugava freneticamente tra le macerie, Sayyed si ritrovò a guardare il corpo di suo fratello, Hussein.

Nelle prime ore del 24 ottobre, scioccato e addolorato, ascoltò un lamento vicino diventare più forte, prima di rendersi conto che proveniva da lui stesso.

Hussein lascia la moglie incinta, Hadeel, e i suoi figli Abdallah, 10 anni, Ahmed, 7, e Hoda, tre.
Hussein lascia la moglie incinta, Hadeel, e i suoi figli Abdallah, 10, Ahmed, 7, e Hoda, tre [Courtesy of Sayyed Mohammed Abu Jamei]

La madre di Hussein, sua moglie Hadeel Abu Abed e i loro figli si sono precipitati in ospedale. Sono arrivati ​​solo pochi istanti prima che fosse sepolto, riuscendo solo a dare un affrettato ultimo saluto all’interno di un obitorio pericolosamente sovraffollato.

“Hanno avuto un minuto per salutarlo”, ha detto Sayyed, 46 anni. “I bambini hanno potuto baciarlo. Ma sua moglie e mia madre lo guardarono solo per l’ultima volta.

“Mia madre avrebbe voluto baciarlo, ma non poteva a causa della folla.”

Parlando con Al Jazeera nella sala d’attesa dell’ospedale, gli occhi di Sayyed vagavano mentre cercava di riassumere chi fosse suo fratello: “Era perbene, era equilibrato, era educato”, ha ripetuto più e più volte.

Hussein aveva solo 32 anni quando morì, ucciso da un missile israeliano che colpì un quartiere residenziale nel sud di Khan Younis dove si stava rifugiando con amici e familiari allargati.

Il suo sogno era saldare alcuni prestiti presi per costruire un piccolo appartamento sopra la casa dei suoi genitori e comprare un’auto. Alla fine, voleva mettere da parte abbastanza soldi per acquistare un pezzo di terreno per costruire una casa più grande per sua moglie, i suoi tre figli e il nascituro.

Spesso diceva a suo fratello quanto desiderasse che i suoi figli avessero un posto dove potessero creare bellissimi ricordi. Per realizzare questo sogno, Hussein ha lavorato per lunghe ore come autista, svolgendo lavori saltuari dal tramonto all’alba nella Striscia di Gaza assediata.

“Mio fratello era una di quelle persone che vorresti dal momento in cui l’hai incontrato”, ha detto Sayyed. “Aveva una disinvoltura e una calma in lui che avrebbero attirato le persone verso di lui.”

Venti giorni prima di essere ucciso, Hussein aveva portato la moglie incinta e i tre figli, Abdallah, 10, Ahmed, 7, e Hoda, tre, a vivere a casa dei suoceri a Bani Souhaila, più a sud nella Striscia.

Aveva anche lasciato l’appartamento di famiglia nella zona est di Khan Younis e si era trasferito a sud della città.

Una famiglia divisa

Quando si innamorarono, Hadeel e Hussein erano vicini di casa già da tempo.

Hanno celebrato un matrimonio tradizionale palestinese, con tanto di zaffeh (corteo nuziale) e ogni anno celebrano il loro anniversario di matrimonio.

“Hadeel era tutto per lui”, ha detto Sayyed. “La amava e la rispettava e cercava di fornirle tutto ciò di cui aveva bisogno.

“Il giorno in cui è nato ciascuno dei suoi figli, Hussein era felicissimo e ha distribuito dolci nel quartiere per condividere la sua gioia”, ha aggiunto Sayyed.

“Hussein aveva un legame speciale con i suoi figli. Era un bambino nel cuore e adorava i suoi figli nonostante le difficoltà della sua vita.

“Si è assicurato di prendersi del tempo nella sua giornata impegnativa per giocare con loro e per fare le cose che gli piacevano fare. Giocava perfino con loro per strada”.

Hussein lavorava come autista per ripagare i suoi prestiti e risparmiare abbastanza per acquistare un pezzo di terra e costruire una casa più grande per la sua famiglia.
Hussein ha lavorato come autista per ripagare i suoi prestiti e risparmiare abbastanza per acquistare un pezzo di terra e costruire una casa più grande per la sua famiglia [Courtesy of Sayyed Mohammed Abu Jamei]

A Hussein mancarono terribilmente i suoi figli durante il periodo in cui furono separati, ha detto Sayyed. Ha cercato di andare a trovarli tutte le volte che poteva, l’ultima volta è stato il giorno prima di essere ucciso. Nonostante il pericolo, controllava anche i suoi genitori nel distretto di al-Zana, nella parte orientale di Khan Younis, a cinque chilometri di distanza, ogni due o tre giorni.

“Hussein aveva un rapporto molto affettuoso e amorevole con i miei genitori e fratelli. Era molto legato ai suoi figli e alla moglie. Dio li aiuti. Si sarebbe assicurato di aiutare i bambini a fare i compiti, voleva che eccellessero. Li chiamava ‘Dottor Abdallah’, ‘Dottor Hoda’”, ha detto Sayyed con la voce tremante.

Alla domanda su come stava la moglie di Saddam Hussein, ha detto disperato: “Abbiamo 10.000 martiri a Gaza. Ha reagito come chiunque abbia perso i propri cari”.

Cupo ed esausto, Sayyed pensò a cosa avrebbe voluto suo fratello se fosse vissuto.

“Non era un uomo con grandi ambizioni. Voleva ciò che desiderava un giovane medio della sua età: essere contento, avere una vita dignitosa e vivere in pace”.

Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con Egab.