Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Un cervello con ADHD può sembrare diverso?

Un cervello con ADHD può sembrare diverso?

0
3

Le sfide della diagnosi dell’ADHD

Il test per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) non è così semplice come un esame del sangue o un tampone faringeo. Per diagnosticare l’ADHD, un medico chiederà a te e agli insegnanti di tuo figlio di completare un sondaggio o una lista di controllo su tuo figlio. La lista di controllo copre situazioni comportamentali come difficoltà di concentrazione o impulsività. Alcuni bambini possono anche sostenere test verbali o scritti.

L’ADHD può manifestarsi in modo diverso in ogni bambino affetto, il che rende più difficile determinare la diagnosi. Alcuni bambini non hanno i comportamenti tipici come la disattenzione. Altri possono avere sintomi diversi, come sbalzi d’umore o tendenze ossessivo-compulsive.

Alcuni medici hanno iniziato a utilizzare nuovi metodi per diagnosticare l’ADHD. Poiché l’ADHD è un disturbo dello sviluppo neurologico, le scansioni cerebrali ad alta tecnologia basate sul flusso sanguigno e sull’attività delle onde cerebrali possono aiutare a fornire informazioni su questa condizione.

Ma queste scansioni funzionano davvero? Continua a leggere per vedere cosa dicono la ricerca e la scienza attuali sulle scansioni cerebrali e l’ADHD.

Guardando dentro il cervello

Alcuni ricercatori ritengono che le valutazioni e le misure cliniche non siano affidabili. I risultati possono spesso variare in base a medici, culture e paesi. Guardare le immagini delle onde e dei modelli cerebrali è un modo più obiettivo per valutare l’ADHD.

Un’immagine di risonanza magnetica funzionale (fMRI) può aiutare gli scienziati a confrontare la funzione cerebrale delle persone con e senza ADHD. Proprio come un elettrocardiogramma (ECG) mostra l’attività elettrica del cuore, una risonanza magnetica funzionale mostra il cervello in azione. Poiché l’ADHD è un disturbo dello sviluppo neurologico, ha senso esaminare l’attività cerebrale. Le anomalie nella connettività strutturale e funzionale delle reti cerebrali sono costantemente collegate all’ADHD.

Ma non ci sono molti studi che esaminano l’attività cerebrale e l’ADHD. Gli scienziati stanno ancora cercando di capire la migliore attività o modello da cercare in queste scansioni.

Cosa mostrano le scansioni cerebrali

Esistono molte macchine e metodi diversi per la scansione del cervello che i ricercatori usano per studiare il cervello con ADHD. Alcuni di questi includono:

  • tomografia computerizzata a emissione di fotone singolo (SPECT)
  • tomografia a emissione di positroni (PET)
  • risonanza magnetica funzionale (fMRI)

Un pilota studia ha confrontato la risonanza magnetica cerebrale degli adolescenti con ADHD a quelli senza. I modelli della materia grigia hanno classificato accuratamente circa il 79,3% dei partecipanti a cui era stato precedentemente diagnosticato l’ADHD.

Esaminare le funzioni e l’attività cerebrale

Il National Institute of Mental Health ha scoperto che alcune sezioni del cervello nelle persone con ADHD maturano più lentamente di quelle senza ADHD. Questo ritardo si verifica principalmente nel lobo frontale, la parte del cervello responsabile del controllo degli impulsi, della concentrazione, dell’attenzione e della pianificazione.

Anche se alcune sezioni del cervello sono associate a comportamenti ADHD, anche il modo in cui le parti del cervello comunicano tra loro può essere importante nelle persone con questa condizione. Qualcuno con ADHD potrebbe mostrare menomazioni legate al funzionamento cognitivo, comportamentale e motivazionale. Ciò significa che non solo osservare la struttura del cervello ma anche l’attività cerebrale durante un’attività può fornire indizi sulle cause dell’ADHD.

Ma molti medici non si affidano alle scansioni di imaging cerebrale per una diagnosi di ADHD. In effetti, molti di questi test non sono affidabili, validi o approvati.

Quale imaging cerebrale è disponibile ora?

Il Food and Drug Administration (FDA) ha approvato un test biologico per diagnosticare l’ADHD nei bambini dai 6 ai 17 anni. Si chiama sistema NEBA (Neuropsychiatric EEG-Based Assessment Aid). Registra il tipo e il numero di onde cerebrali che le cellule nervose emettono ogni secondo. È dimostrato che le persone con ADHD tendono ad avere un rapporto di onde cerebrali più elevato tra le due onde cerebrali comuni – theta e beta – rispetto alle persone senza ADHD. Ma questo test non intende sostituire le valutazioni cliniche. I risultati devono essere utilizzati insieme alla storia medica e alla valutazione fisica del paziente.

Se il test NEBA non indica una probabilità di ADHD, può portare il medico a valutare il paziente per altre condizioni come lesioni alla testa, abuso di sostanze e disturbi dell’elaborazione uditiva. Queste condizioni possono anche causare sintomi simili all’ADHD tra cui funzionamento alterato e scarsa capacità di attenzione. Quindi, quando non è chiaro se i sintomi siano dovuti all’ADHD o ad un’altra condizione, un medico può utilizzare le informazioni fornite dalle scansioni NEBA.

La controversia dietro SPECT

La SPECT è quando tuo figlio riceve un’iniezione di una sostanza radioattiva. Un medico osserva la sostanza per misurare il flusso sanguigno e l’attività cerebrale, spesso mentre il bambino svolge un’attività. Ma non ci sono studi riportati sull’efficacia della SPECT.

In effetti, le scansioni SPECT non sono approvate dalla FDA per la diagnostica. Sono controversi perché hanno solo una sensibilità del 54%, il che significa che sono accurati solo la metà delle volte. Sebbene alcune persone nella comunità medica possano utilizzare la SPECT, non ci sono prove scientifiche che sia affidabile o accurata.

Quali sono i limiti delle scansioni cerebrali?

Le scansioni di imaging cerebrale possono essere allettanti perché sembrano offrire una diagnosi sicura. Tuttavia, questi test sono ancora nuovi per quanto riguarda il loro utilizzo nell’ADHD e hanno molte limitazioni. Questi test sono anche costosi e possono potenzialmente esporre i bambini alle radiazioni.

Mancanza di sensibilità: Le scansioni di imaging cerebrale non sono abbastanza sensibili da fornire ai medici dati accurati per un solo individuo. La maggior parte dei dati di accuratezza per le scansioni cerebrali e l’ADHD proviene dall’analisi di gruppo. Ciò significa che, caso per caso, l’accuratezza di una scansione cerebrale potrebbe diminuire. Per l’ADHD, una diagnosi si applica all’individuo, non ai gruppi.

Mancanza di specificità: La maggior parte dei test di imaging cerebrale guarda il cervello di qualcuno con ADHD e qualcuno senza. Questi test non possono fornire una diagnosi differenziale o aiutare a identificare altre condizioni. Pochi studi di imaging confrontano l’attività cerebrale di più disturbi.

Mancanza di standardizzazione: Le scansioni cerebrali non sono pronte per un uso clinico diffuso. Al momento, non esiste un modo per condurre un test del cervello, il che significa che i risultati di laboratorio possono differire. I risultati dello studio sono incompleti senza informazioni su ciò che alle persone è stato chiesto di fare durante la scansione del cervello.

Attualmente, le scansioni cerebrali sono più utili per scopi di ricerca che per fare diagnosi cliniche.

Il futuro dell’imaging cerebrale

Sono necessarie molte più ricerche per comprendere il ruolo dell’imaging cerebrale nella diagnosi delle condizioni di salute mentale. Ma i marker di imaging potrebbero iniziare a emergere mentre i ricercatori completano più studi. I metodi utilizzati nella nuova edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-V) per diagnosticare le malattie non sono definitivi e possono cambiare con l’emergere di nuovi studi. In futuro, è possibile che l’imaging cerebrale possa essere utilizzato per diagnosticare l’ADHD insieme ad altre condizioni di salute mentale.

Per saperne di più: 7 segni di ADHD »

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here