spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoUn carro armato israeliano ha sparato contro l'auto della famiglia Hind Rajab...

    Un carro armato israeliano ha sparato contro l’auto della famiglia Hind Rajab da pochi metri di distanza: indagine

    -

    La bambina di sei anni è rimasta viva per ore tra i corpi dei suoi parenti morti dopo che erano stati attaccati dalle truppe israeliane.

    La ragazza palestinese Hind Rajab posa per una fotografia, in questa foto non datata
    Hind Rajab posa per una fotografia, in questa foto non datata ottenuta da Reuters il 10 febbraio 2024 [File: Palestine Red Crescent Society via Reuters]

    Secondo un’indagine, un carro armato israeliano ha sparato da distanza ravvicinata contro l’auto di famiglia della bambina palestinese Hind Rajab di sei anni, e un proiettile di carro armato ha colpito direttamente l’ambulanza che era stata inviata per aiutare.

    L’uccisione della bambina e della sua famiglia a Gaza City alla fine di gennaio ha suscitato la condanna internazionale.

    Rajab, sopravvissuta alla sparatoria iniziale, aveva chiesto aiuto mentre sanguinava tra i corpi dei suoi parenti morti mentre era al telefono con i paramedici e sua madre per tre ore.

    In un documentario sulle uccisioni di civili nella guerra a Gaza, la televisione Al Jazeera Linee di faglia ha fornito una ricostruzione dettagliata dell’incidente, compilata in collaborazione con gruppi investigativi no-profit, Forensic Architecture e Earshot.

    L’indagine ha rivelato che il carro armato israeliano si trovava probabilmente a soli 13-23 metri di distanza quando ha aperto il fuoco su Rajab e i suoi parenti nella loro auto.

    Attraverso interviste con i familiari, gli operatori della Protezione civile palestinese e gli operatori sanitari, il documentario fornisce il resoconto video più completo dell’incidente fino ad oggi.

    Si ricostruisce inoltre per la prima volta la probabile posizione del carro armato israeliano quando ha sparato contro l’auto, così come la probabile traiettoria del proiettile del carro armato che ha colpito direttamente l’ambulanza quando è arrivata a salvare Rajab.

    L’esercito israeliano ha rifiutato di rispondere alle domande di Al Jazeera sui dettagli dell’incidente. Tuttavia, le nuove prove smentiscono ulteriormente le precedenti affermazioni dell’esercito israeliano secondo cui le sue forze non erano presenti nell’area.

    L’ambulanza schierata per aiutare Rajab è stata attaccata dopo aver ricevuto l’approvazione delle autorità israeliane, completa di mappa e percorso approvato.

    Due paramedici, Yousef Zeino e Ahmad al-Madhoun, sono rimasti uccisi nell’attacco all’ambulanza.

    “Non incontrerò mai più eroi come loro, quelli che sanno che moriranno e se ne andranno comunque”, ha detto Omar al-Qam, un centralinista della Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS), che era al telefono con Rajab e i suoi colleghi. cugino, ucciso dal fuoco israeliano mentre implorava aiuto.

    “La sensazione più difficile”

    Ci sono voluti 12 giorni prima che i paramedici palestinesi e la famiglia di Rajab riuscissero a raggiungere il luogo dell’attacco a Gaza City, nella parte settentrionale dell’enclave.

    La madre di Rajab, Wissam Hamada, ha detto che la voce del bambino si è fatta più debole verso la fine della telefonata.

    Hamada ha detto che Rajab le aveva detto che non poteva parlare perché la sua bocca sanguinava, ma non voleva pulirla in modo che sua madre non si disturbasse a pulirla.

    “Le ho detto: ‘Va tutto bene, pulisciti la bocca e te la laverò, tesoro mio.’ Lei era d’accordo. Si asciugò con la manica e la voce scomparve. Erano esattamente le 19:00. La voce è scomparsa completamente”, ha detto Hamada Linee di faglia.

    “È la sensazione più difficile del mondo sentire mia figlia chiedermi di andare a prenderla quando non riesco a raggiungerla. Tesoro mio, te lo giuro, non sono riuscito a contattarti. Perdonami, tesoro.

    La morte di Rajab ha causato la condanna globale, compresi gli Stati Uniti, che hanno sostenuto la guerra di Israele a Gaza.

    Uno dei due aviatori statunitensi attivi che cercano di lasciare il servizio militare e diventare un obiettore di coscienza per il sostegno di Washington alla guerra in Israele ha detto che l’uccisione di Rajab ha segnato un punto di svolta per lui.

    Linee di faglia hanno seguito anche altre famiglie palestinesi mentre raccontavano esperienze orribili e la loro lotta per la sopravvivenza in mezzo alla guerra implacabile di Israele.

    Guarda il film: “La notte non finirà”: la guerra di Biden a Gaza

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts