Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi The War of Cells: Graft vs. Host Disease

The War of Cells: Graft vs. Host Disease

0
7

Che cos’è la malattia del trapianto contro l’ospite?

Graft vs. Host Disease (GvHD) è una reazione che si sviluppa dopo un trapianto di midollo osseo allogenico. Un trapianto allogenico è quello in cui il donatore non è la stessa persona del ricevente. È anche possibile avere le proprie cellule del midollo osseo raccolte e trapiantate di nuovo in te, se hai programmato un trattamento che le danneggerà. Questo è chiamato trapianto di midollo osseo autologo.

Le cellule del midollo osseo sono una componente importante del sistema immunitario. Nella GvHD, le cellule trapiantate vedono il corpo del ricevente come estraneo. Le cellule innestate quindi attaccano il loro nuovo ospite. Ecco come la condizione ha preso il nome.

La GvHD è estremamente comune dopo il trapianto di midollo osseo. Tuttavia, di solito scompare dopo che il trapianto si è ben stabilizzato nel tuo corpo.

Tipi: GvHD acuta e cronica

Esistono due forme di malattia del trapianto contro l’ospite: acuta e cronica.

GvHD acuto

La GvHD acuta si manifesta entro poche settimane dal trapianto di midollo osseo. Di solito è il risultato delle cellule staminali del donatore e del midollo osseo che non corrispondono a quelli del ricevente. È importante che l’antigene leucocitario umano (HLA) sia nel donatore che nel ricevente corrispondano. Altrimenti, il midollo osseo del donatore vede le cellule del ricevente come estranee e le attacca. I destinatari che ricevono midollo osseo non corrispondente sono a più alto rischio di sviluppare questa condizione. Tuttavia, GvHD può verificarsi anche con una corretta corrispondenza HLA.

La GvHD acuta colpisce normalmente la pelle, il fegato e il sistema gastrointestinale.

GvHD cronica

La GvHD cronica si sviluppa in un arco di tempo più lungo rispetto alla GvHD acuta. La sua causa sottostante è la stessa della GvHD acuta. Tuttavia, la reazione è meno grave.

Le persone con GvHD cronica potrebbero non sviluppare sintomi per diversi mesi. A volte, i sintomi non si manifestano per diversi anni. La GvHD cronica può colpire qualsiasi area del corpo.

GvHD e leucemia

La GvHD si verifica più comunemente nei pazienti con leucemia sottoposti a trapianto di midollo osseo.

La leucemia è una forma di cancro che inizia nelle cellule del midollo osseo. Il midollo osseo è l’area ossea simile a una spugna in cui vengono prodotte le cellule del sangue. Nei pazienti con leucemia, il midollo osseo cresce in modo incontrollabile. Ciò porta ad un afflusso di globuli bianchi spesso con una carenza reattiva di globuli rossi. Sebbene esistano molti trattamenti, la leucemia può essere una condizione pericolosa per la vita.

Le persone con determinate forme di leucemia possono richiedere un trapianto di midollo osseo quando altri tipi di trattamento falliscono. I tipi di leucemia trattati con trapianti di midollo osseo includono:

  • leucemia linfocitica acuta (LLA)
  • leucemia mieloide cronica (LMC)
  • leucemia mieloide acuta (LMA)

Come si sviluppa GvHD?

La causa esatta di GvHD non è sempre chiara. Tuttavia, i ricercatori concordano sul fatto che diversi fattori di rischio aumentano la probabilità di GvHD. Il più grande fattore di rischio per GvHD è una mancata corrispondenza HLA tra il ricevente e il donatore. Ciò può causare GvHD sia cronica che acuta.

Altri fattori di rischio per GvHD acuta includono:

  • differenze di età tra ricevente e donatore
  • differenze di sesso tra ricevente e donatore
  • ricevendo midollo osseo da una donna che era rimasta incinta nell’anno precedente

Il principale fattore di rischio per la GvHD cronica è avere una storia di GvHD acuta.

Segni di malattia del trapianto contro l’ospite

Quando le cellule del midollo osseo del donatore iniziano ad attaccare le cellule del ricevente, i sintomi possono verificarsi in diversi sistemi del corpo.

I sintomi della pelle che comunemente colpiscono quelli con GvHD acuta includono:

  • eruzione cutanea
  • prurito
  • macchie scure o oscuramento della pelle

I sintomi gastrointestinali includono:

  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • crampi addominali

I sintomi del fegato includono:

  • ingiallimento della pelle e degli occhi (ittero)

I sintomi oculari includono:

  • secchezza
  • irritazione
  • prurito

Se hai recentemente subito un trapianto di midollo osseo e riscontri uno di questi problemi, contatta il tuo medico.

Come viene diagnosticata la GvHD?

Se sei un ricevente di trapianto di midollo osseo con sintomi di GvHD, parla con il tuo medico il prima possibile. Durante la tua visita, informa il tuo medico di tutti i tuoi sintomi, non importa quanto possano sembrare minori.

Se il tuo medico sospetta che tu abbia la GvHD, riceverai un esame del sangue. Questo test cercherà livelli elevati di globuli bianchi, che di solito indicano un’infezione.

Se il test mostra un numero elevato di globuli bianchi, potrebbe essere necessaria una biopsia tissutale. La biopsia viene solitamente eseguita mentre sei sotto sedazione. Può anche essere eseguito con un semplice anestetico locale. Un piccolo pezzo di tessuto verrà rimosso dall’area affetta da GvHD. Verrà quindi inviato al laboratorio e testato per le anomalie.

In molti casi, verrà utilizzata anche un’analisi delle urine (test delle urine) per rilevare i segni di infezione. I test delle urine possono essere utilizzati per escludere condizioni come il diabete o le infezioni della vescica.

Quali opzioni di trattamento sono disponibili per GvHD?

Il trattamento principale per la GvHD sono gli immunosoppressori soggetti a prescrizione. Questi farmaci riducono la risposta immunitaria delle cellule donatrici. Di solito vengono prescritti sotto forma di steroidi per via endovenosa o orale.

I glucorticoidi sono spesso usati per trattare la GvHD acuta, insieme ai seguenti farmaci:

  • globulina antitimocita
  • denileukin diftitox (Ontak)
  • infliximab

I corticosteroidi sono spesso prescritti per il trattamento della GvHD cronica, insieme ai seguenti farmaci:

  • daclizumab
  • etanercept
  • infliximab

Ci sono modi per prevenire GvHD?

Il trattamento preventivo con farmaci immunosoppressori può ridurre il rischio di GvHD dopo il trapianto. Questi farmaci vengono solitamente somministrati prima del trapianto. Il medico potrebbe consigliarti di continuare a prenderli per diversi mesi dopo il completamento del trapianto.

Prospettive a lungo termine

Circa un anno dopo il trapianto di midollo osseo, il tuo corpo potrebbe entrare in uno “stato di tolleranza”. A questo punto, i farmaci immunosoppressori sono meno necessari.

A un anno, la maggior parte dei riceventi avrà formato nuovi linfociti T che corrispondono alle cellule del donatore. Queste cellule corrispondenti impediscono al midollo del donatore di attaccare le cellule del ricevente.

Le persone che non entrano in uno stato di tolleranza potrebbero dover continuare a prendere immunosoppressori per un periodo di tempo più lungo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here