The Great Resignation sta generando una guerra di talenti. Chi lo vincerà?

0
13

Un nuovo rapporto sostiene che le aziende devono cambiare il modo in cui vedono i lavoratori per competere nella guerra per il talento.

I progressi compiuti nel tenore di vita, almeno nei paesi sviluppati, significano che i lavoratori stanno aumentando le loro aspettative su ciò che un lavoro dovrebbe fornire [File: Caitlin Ochs/Reuters]

La pandemia di coronavirus ha causato il più grande rimpasto di lavoratori nella storia moderna e nel processo ha spostato radicalmente l’equilibrio di potere dal capitale al lavoro, afferma un nuovo rapporto.

Il sondaggio Bain/Dynata intitolato The Working Future: More Human, Not Less ha preso in esame 20.000 lavoratori in 10 paesi – Stati Uniti, Germania, Francia, Italia, Giappone, Cina, India, Brasile, Indonesia e Nigeria – che rappresentano circa il 65% del prodotto interno lordo (PIL) globale.

L’indagine, che ha preso in esame il turno di lavoro tra febbraio 2020 e febbraio 2021, sottolinea che il precedente rapporto tra lavoratori e aziende si è forgiato in un mondo del tutto diverso da quello in cui viviamo oggi.

“Un anno di ricerche approfondite ci ha aiutato a definire le implicazioni più ampie del futuro del lavoro e i passi che le aziende devono intraprendere ora per andare avanti nella mutevole guerra per i talenti”, conclude il rapporto.

I lavoratori negli Stati Uniti sono diventati sempre più sicuri delle loro prospettive di lavoro. Organizzare, sindacalizzare e protestare contro le condizioni dei lavoratori è diventato un vero fenomeno negli ultimi mesi. I dipendenti sono incoraggiati ad assumere grandi aziende come la caffettiera Starbucks e il produttore di cereali Kellogg.

I dati sottolineano il mutevole equilibrio di potere. Circa 4,2 milioni di americani hanno lasciato il lavoro a ottobre e 4,4 milioni a settembre. Il fenomeno è stato soprannominato dagli economisti (molti dei quali sono rimasti a grattarsi la testa) come la Grande Dimissioni.

Dai un pugno all’orologio: e adesso?

Cosa guida le Grandi Dimissioni? I fattori variano dalla paura di contrarre il COVID-19 e le sfide per l’assistenza all’infanzia ai baby boomer che vanno in pensione anticipata e ai lavoratori che sfruttano il proprio spirito imprenditoriale per avviare un’attività in proprio.

Secondo il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti, i lavoratori si sono trovati in un’ottima posizione contrattuale e tale leva è evidente nella retribuzione oraria media, che è aumentata del 4,8% a novembre rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

“Più che semplici input, i lavoratori sono i mattoni atomici dell’azienda moderna. Eppure la nostra comprensione dei lavoratori – le loro speranze e desideri, il loro potenziale non sfruttato, il loro stato emotivo – è spesso superficiale”, afferma il sondaggio Bain/Dynata.

Milioni di americani hanno sfruttato l’interruzione del mercato del lavoro e lo sconvolgimento senza precedenti della vita quotidiana causati dalla crisi del COVID-19 come un’opportunità per rivalutare ciò che vogliono dalla vita e come il loro lavoro può realizzare tali obiettivi.

Il rapporto Bain/Dynata ha anche rilevato che le motivazioni per il lavoro sono cambiate notevolmente. Oggigiorno, meno lavoratori sono accecati dai segni del dollaro. Secondo il sondaggio, mentre il 56% degli intervistati ha indicato la retribuzione tra le prime tre priorità, solo il 22% dei lavoratori ha classificato un buon salario e benefici come la cosa che conta di più per loro in un lavoro.

I progressi compiuti nel tenore di vita, almeno nei paesi sviluppati, significano che i lavoratori stanno aumentando le loro aspettative su ciò che un lavoro dovrebbe fornire. L’immagine desolante di un lavoratore infelice che fa il tempo, riportando al servizio dalle nove alle cinque senza cuore o anima nelle sue attività quotidiane, potrebbe non essere più un modo di vivere accettabile.

Equilibrio tra lavoro e vita privata: la guerra per il talento

Circa il 58% dei 10.000 lavoratori intervistati da Bain/Dynata ha affermato che la pandemia li ha costretti a ripensare il proprio equilibrio tra lavoro e vita.

I lavoratori sono diventati più riluttanti a rimanere in posti di lavoro che ritengono inadatti ai loro nuovi obiettivi e ambizioni. Ciò ha lasciato le aziende in difficoltà per ricoprire posizioni e operare a pieno regime.

Ed è improbabile che il problema scompaia presto. I dati mostrano che i lavoratori statunitensi non hanno paura di dire ai loro capi “ho smesso”.

Inoltre, le generazioni più giovani, soprattutto nelle economie avanzate, sono sottoposte a una pressione crescente e a una crescente tensione psicologica che si riversa nella loro vita lavorativa. La ricerca dell’equilibrio tra lavoro e vita privata diventerà sempre più feroce, afferma il rapporto.

Bain/Dynata afferma che l’umanizzazione dei lavoratori può aiutare le aziende a rimanere nella lotta per il talento. Ciò significa investire nei dipendenti, offrire loro programmi di apprendimento e formazione, facilitare gli spostamenti laterali nelle loro carriere e coltivare una mentalità vincente all’interno dell’organizzazione.

Significa anche rispetto. Il modo in cui manager, dirigenti e leader aziendali vedono il lavoro e i dipendenti deve evolversi, sostiene Bain/Dynata. Le aziende devono smettere di gestire i lavoratori come le macchine e passare invece a supportarli per sviluppare capacità personali e creare una carriera che corrisponda meglio alla loro idea di una vita appagante, non quella triste e senz’anima in bianco e nero.

Sì, i dipendenti hanno un lavoro da svolgere, ma i manager hanno anche la nuova responsabilità di aiutare i lavoratori a utilizzare le proprie capacità e talenti.

Un’organizzazione o un’azienda che vuole vincere dovrà essenzialmente adottare un ambiente di appartenenza e opportunità per i lavoratori. Una visione condivisa e valori comuni sostenuti e promossi dalla leadership dell’azienda saranno fondamentali per il morale e trattenere le persone che fanno girare le ruote.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here