Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Test positivo dopo il tuo booster COVID-19? Cosa hai bisogno di...

Test positivo dopo il tuo booster COVID-19? Cosa hai bisogno di sapere

0
43

Lo sviluppo di vaccini contro il COVID-19 ha svolto un ruolo importante nell’aiutare a ridurre il numero di nuovi casi di COVID-19. Ma si avvicina il momento in cui una prima dose non basta più.

I colpi di richiamo sono comuni con molti vaccini e possono aiutare il tuo sistema immunitario a sviluppare una protezione aggiuntiva contro un virus. I richiami del vaccino COVID-19 sono raccomandati per quasi tutti circa 5 mesi dopo il completamento della prima serie di vaccinazioni.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), quasi l’82% delle persone dai 5 anni in su negli Stati Uniti ha ricevuto almeno una dose di un vaccino COVID-19 e quasi il 66% della popolazione totale degli Stati Uniti è completamente vaccinato. Ma solo circa la metà delle persone ammissibili ha ricevuto una dose di richiamo.

Ci sono prove che l’infezione con il coronavirus è ancora possibile anche dopo una dose di richiamo del vaccino COVID-19. Ma gli esperti affermano che la vaccinazione e i richiami sono ancora il modo migliore per prevenire malattie gravi o la morte a causa del coronavirus.

Questo articolo esaminerà se puoi risultare positivo al COVID-19 anche dopo un’iniezione di richiamo e cosa significa per te.

Puoi risultare positivo al COVID-19 dopo aver ricevuto un’iniezione di richiamo?

Sì, puoi risultare positivo al COVID-19 anche se sei stato completamente vaccinato e hai ricevuto una dose di richiamo.

I vaccini COVID-19 non sono progettati per prevenire del tutto l’infezione, o addirittura l’infezione che puoi trasmettere ad altri. I vaccini sono progettati per mantenere la quantità di coronavirus nel tuo corpo sufficientemente bassa da prevenire malattie gravi.

Come con altri vaccini, gli anticorpi creati dal tuo sistema immunitario dopo la vaccinazione COVID-19 possono diminuire nel tempo. Questo, combinato con l’emergere di nuove varianti di coronavirus, può abbassare la protezione offerta da un vaccino.

Nessun vaccino è efficace al 100% e molte altre malattie richiedono richiami o rivaccinazione, come l’influenza. Questi booster o vaccini aggiornati possono includere informazioni aggiuntive per aiutare il tuo sistema immunitario a combattere nuove varianti o indurre il tuo corpo a creare anticorpi più nuovi.

Quanto bene un vaccino può proteggerti dipende da alcuni fattori, come ad esempio:

  • la tua salute generale
  • lo stato del tuo sistema immunitario
  • quanto tempo è passato da quando sei stato vaccinato
  • quali nuove varianti di virus stanno circolando

È difficile stimare la probabilità di sviluppare un’infezione da coronavirus rivoluzionaria dopo un’iniezione di richiamo perché le varianti creano sempre nuove sfide.

Vaccini e booster si sono rivelati molto efficaci nel prevenire infezioni rivoluzionarie nelle prime varianti di coronavirus. Inizialmente, le tue possibilità di avere un’infezione rivoluzionaria dopo un richiamo erano circa 1 su 5.000. Entro la fine del 2021, quando la variante Delta era ampiamente in circolazione, quelle probabilità sono aumentate a circa 1 su 100.

Potrebbe essere troppo presto per dire quanto bene i vaccini prevengano le infezioni della variante Omicron nelle persone che hanno ricevuto i richiami. Ancora, primi dati indica che la variante Omicron potrebbe essere ancora più efficace nell’evadere i vaccini di protezione offerti con le versioni precedenti del virus.

Cosa fare se si risulta positivi al COVID-19 dopo aver ricevuto un’iniezione di richiamo

Un’infezione da coronavirus è considerata un’infezione rivoluzionaria se il test risulta positivo 14 giorni dopo la dose di richiamo.

Ma potresti anche non renderti conto di aver contratto un’infezione se sei stato completamente vaccinato e potenziato. Secondo il Associazione medica americana (AMA)circa un quarto delle persone che contraggono un’infezione rivoluzionaria dopo un richiamo non sviluppa mai alcun sintomo di infezione.

Circa il 50-60 percento svilupperà sintomi COVID, riporta l’AMA, ma questi sono generalmente lievi. Solo il 10% circa delle persone che sviluppano un’infezione rivoluzionaria dovrà essere ricoverato in ospedale.

Che tu contragga un’infezione senza vaccinazione o con tutte le tue dosi e booster, le regole per la quarantena sono sempre le stesse. Potresti non essere così malato se prendi il COVID-19 dopo un richiamo, ma sei comunque in grado di trasmettere il virus ad altri.

A partire da marzo 2022, il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie raccomanda i seguenti tempi di quarantena per l’infezione o l’esposizione:

  • Quarantena di 5 giorni per le persone che risultano positive ma non hanno sintomi
  • Quarantena di 5 giorni seguiti da 5 giorni di mascherina indossata in pubblico per le persone che risultano positive e hanno sintomi
  • Quarantena di 5 giorni seguiti da 5 giorni di mascherina indossata in pubblico per le persone che sono esposte al virus e non sono vaccinate o 6 mesi dall’ultima dose di vaccino

Le persone vaccinate e potenziate hanno maggiori probabilità di contrarre un’infezione rivoluzionaria dalla variante Omicron rispetto a varianti precedenti come Delta. Ma le prime ricerche suggeriscono che una dose di richiamo può ridurre le infezioni rivoluzionarie circa il 50 per cento.

Domande frequenti

Un colpo di richiamo può farmi risultare positivo al COVID-19?

I colpi di richiamo contengono gli stessi ingredienti dei vaccini COVID-19 e questi vaccini non contengono alcun virus vivo. Anche se svilupperai anticorpi proteici spike, non è possibile risultare positivo per COVID-19 da un test PCR o antigene come risultato della vaccinazione iniziale o di richiamo.

Posso contrarre il COVID-19 da un vaccino o da un richiamo?

No. I vaccini COVID-19 sono sviluppati per fornire al tuo sistema immunitario informazioni su come rilevare e combattere al meglio il virus che causa il COVID-19.

A differenza di altri tipi di vaccini, i vaccini COVID-19 non contengono virus reali, quindi non possono causare un’infezione.

Devo comunque ricevere un booster se ho già avuto il COVID-19?

Sì. L’immunità naturale che sviluppi dopo aver contratto il COVID-19 fornisce una buona protezione contro la reinfezione. Ma questa protezione non è sempre così forte o duratura come quella dei vaccini.

Casi rivoluzionari possono verificarsi con qualsiasi tipo di vaccino, compresi quelli contro il COVID-19.

La ricerca mostra che la vaccinazione completa e i richiami contro COVID-19 possono aiutare a ridurre la probabilità di contrarre il virus. È improbabile che le persone che sono completamente vaccinate e contraggono un’infezione si ammalino gravemente. Potresti anche non sviluppare sintomi con un’infezione rivoluzionaria.

Il CDC offre risorse addizionali per aiutarti a capire come funzionano i vaccini e perché possono verificarsi casi di svolta.