Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Sì, l’eczema può causare macchie scure o chiare: ecco come gestirle

Sì, l’eczema può causare macchie scure o chiare: ecco come gestirle

0
16

Natalie Abbey-Allan/Getty Images

L’eczema è una condizione della pelle nota per causare una serie di sintomi spiacevoli, da chiazze secche e squamose a eruzioni cutanee pruriginose. Un sintomo meno noto sono le macchie scure, a volte indicate come iperpigmentazione post-infiammatoria.

“Qualsiasi processo infiammatorio nella pelle può portare a scolorimento”, spiega Cybele Fishman, MD, un dermatologo certificato con Advanced Dermatology PC. “In generale, più scuro è il colore della pelle, maggiore è il rischio di iperpigmentazione post-infiammatoria”.

Secondo Fishman, queste macchie saranno sempre più scure del tono della tua pelle naturale, ma possono variare dal marrone chiaro al viola intenso.

Se hai la pelle più scura, potresti anche notare cerotti più chiari del tuo tono naturale della pelle, secondo Malini Fowler, MD, un dermatologo certificato presso la Westlake Dermatology. Questo è chiamato ipopigmentazione.

Di seguito, i dermatologi condividono come identificare le macchie scure dell’eczema, perché si verificano e cosa fare al riguardo.

Quali sono i segni?

Questo tipo di iperpigmentazione può verificarsi su qualsiasi area della pelle interessata dall’infiammazione, afferma Fishman, ma soprattutto su quelle aree che ricevono l’esposizione al sole. Questi cerotti, che spesso compaiono dopo che una riacutizzazione dell’eczema si è risolta, potrebbero non scomparire per diversi mesi.

Le caratteristiche comuni delle macchie di eczema includono:

  • colore che va dal grigio cenere al marrone scuro o al viola intenso, a seconda del tono naturale della tua pelle
  • secchezza, desquamazione e prurito sulle macchie scolorite
  • lichenificazione, o pelle che diventa coriacea a causa di frequenti graffi e sfregamenti

  • altri segni generali di eczema, inclusi gonfiore della pelle, formazione di vesciche, stillicidio e formazione di croste

Tieni presente, tuttavia, che non tutti coloro che soffrono di eczema sperimentano tutti questi sintomi, inclusa l’iperpigmentazione.

Ulteriori informazioni sull’eczema e su come riconoscerlo.

Perché compaiono questi punti?

L’eczema provoca una risposta infiammatoria nel corpo. Ciò innesca il rilascio di cellule proteiche chiamate citochine che stimolano le cellule responsabili della produzione di melanina, spiega Michele Green, MD, dermatologo cosmetico certificato.

La melanina è un tipo di pigmento che influisce sul colore della pelle. Quando la produzione di melanina aumenta, il pigmento può essere trasferito allo strato superiore della pelle, provocando macchie di scolorimento.

Non tutti coloro che hanno l’eczema noteranno questi punti. Poiché le persone con la pelle più scura hanno naturalmente più melanina, sono più inclini all’iperpigmentazione, afferma Green.

Green sottolinea inoltre che l’esposizione al sole può innescare o peggiorare l’iperpigmentazione poiché i raggi UVA del sole possono indurre le cellule a produrre più melanina.

Anche graffiare la pelle può portare a macchie più scure.

Come trattarli

Più a lungo lo scolorimento correlato all’eczema non viene trattato, più scuro può diventare lo scolorimento, spiega Fowler.

Di solito, le macchie scure dell’eczema alla fine si risolvono da sole. Tuttavia, potresti non voler aspettare mesi prima che svaniscano.

Le opzioni per il trattamento includono:

Trattamento di prescrizione

Il trattamento professionale più comune per questo tipo di iperpigmentazione prevede la prescrizione topica di idrochinone e tretinoina, afferma Fowler.

L’idrochinone, un agente schiarente, sbianca la pelle diminuendo le cellule che producono il pigmento della pelle. Generalmente lo applicherai una o due volte al giorno per 3-6 mesi. Se non noti risultati dopo circa 3 mesi, il tuo dermatologo probabilmente consiglierà un approccio diverso.

In un vecchio studio 2013 delle persone con melasma, un tipo di iperpigmentazione correlata ai cambiamenti ormonali, i partecipanti hanno utilizzato un regime di trattamento che includeva il 4% di idrochinone e lo 0,025% di tretinoina. Ma alla fine dello studio di 12 settimane, 17 partecipanti su 20 si sono sentiti soddisfatti dell’efficacia del trattamento.

Tuttavia, l’idrochinone può peggiorare l’iperpigmentazione se hai la pelle più scura. Il tuo dermatologo può offrire maggiori indicazioni sull’approccio migliore al trattamento per le tue esigenze di cura della pelle.

Tretinoina

La tretinoina è una forma naturale di vitamina A o acido retinoico. Questo farmaco topico aumenta la velocità di rotazione delle cellule della pelle. In altre parole, fa sì che le vecchie cellule muoiano più velocemente, quindi quelle più nuove e più sane le sostituiscono.

Secondo una revisione del 2022, la tretinoina sembra aiutare a ridurre lo scolorimento correlato all’eczema entro circa 12 settimane, anche nei partecipanti ispanici e neri con pelle da media a scura.

Gli studi suggeriscono che l’idrochinone e la tretinoina possono lavorare in modo più efficace se usati insieme.

Tieni presente che l’idrochinone e la tretinoina a volte possono causare irritazione o innescare riacutizzazioni di eczema, che potrebbero peggiorare l’iperpigmentazione. Un dermatologo può prescrivere uno steroide topico insieme a questi farmaci per ridurre qualsiasi potenziale irritazione.

Laserterapia e peeling chimici

Anche la terapia laser e i peeling chimici possono avere dei benefici, ma comportano un rischio maggiore di effetti avversi, inclusa l’irritazione.

Le procedure laser ablative rimuovono gli strati di pelle, mentre le procedure laser non ablative possono aiutare a rassodare la pelle e promuovere la crescita del collagene.

Il tuo dermatologo può aiutarti a determinare il miglior tipo di terapia laser per il tuo tipo di pelle.

I peeling chimici, come i peeling con acido glicolico, rimuovono lo strato superiore della pelle, che può aiutare a eliminare le macchie di iperpigmentazione. È possibile eseguire questa procedura presso l’ufficio di un dermatologo o da un estetista autorizzato in una spa.

La ricerca sull’uso di peeling chimici per l’iperpigmentazione ha trovato risultati contrastanti.

I peeling chimici sembrano più efficaci se usati con farmaci topici da prescrizione come tretinoina e idrochinone. Secondo Fowler, peeling più delicati con acido lattico e mandelico possono essere un’opzione migliore se hai la pelle sensibile e soggetta a irritazioni.

Tutti questi trattamenti possono aumentare la tua sensibilità al sole, quindi è fondamentale indossare la protezione solare ogni giorno mentre li usi.

I rimedi casalinghi possono aiutare?

Se speri di affrontare lo scolorimento dell’eczema a casa o stai cercando alternative più delicate al trattamento con prescrizione, hai alcune opzioni.

Fishman suggerisce di prendere in considerazione prodotti per la cura della pelle con ingredienti botanici noti per favorire l’alleggerimento rallentando la produzione di melanina. Questi includono ingredienti come:

  • arbutina
  • acido cogico
  • acido tranexamico
  • acido azelaico
  • estratto di radice di liquirizia

Nota che probabilmente dovrai utilizzare questi prodotti per almeno 3 mesi per ottenere risultati.

Un altro ingrediente illuminante per la cura della pelle che può aiutare a schiarire l’iperpigmentazione? Vitamina C.

Secondo Green, la vitamina C può avere benefici perché:

  • ha proprietà antinfiammatorie
  • aiuta a ridurre la produzione di melanina
  • ha proprietà antiossidanti che aiutano a neutralizzare i radicali liberi dall’esposizione al sole

La vitamina B-3, che potresti conoscere come niacinamide, può anche aiutare a prevenire che le aree di pigmentazione più scure salgano verso lo strato superiore della pelle, dove sono visibili.

Il verde sottolinea anche l’importanza di utilizzare una crema idratante che ripari la barriera protettiva naturale della pelle, che può favorire la guarigione e ridurre al minimo lo scolorimento. Consiglia di provarne uno con ingredienti noti per aiutare a trattenere l’idratazione e riparare la pelle, tra cui:

  • acido ialuronico
  • glicerina
  • Aloe Vera
  • farina d’avena colloidale
  • ceramidi

Gli esperti concordano sul fatto che la protezione solare è fondamentale per prevenire l’iperpigmentazione post-infiammatoria. Green consiglia di applicare la protezione solare con un minimo di SPF 50 al giorno e di riapplicarla ogni 90 minuti.

Dovrai anche evitare di graffiare o pizzicare chiazze di iperpigmentazione, afferma Fowler. Il trauma che ciò provoca stimola i melanociti a produrre più melanina, con conseguente aumento delle macchie scure.

Non solo, i graffi cronici possono portare a lichenificazione o cicatrici, spiega Green. Per alleviare il prurito, suggerisce invece:

  • immergendoti in un bagno di farina d’avena tiepida per 15 minuti e tamponando la pelle asciutta
  • utilizzando una crema idratante ricca, soprattutto dopo il bagno
  • applicando un panno fresco e umido sulla zona interessata

Trova altri rimedi casalinghi per l’eczema.

L’iperpigmentazione post-infiammatoria può capitare a chiunque, indipendentemente da altri sintomi di eczema o dal tono della pelle. Mentre questi punti in genere svaniscono da soli dopo la fine di una riacutizzazione dell’eczema, ciò può richiedere diversi mesi.

Se noti che questi cerotti si stanno sviluppando, un buon passo successivo consiste nel contattare un dermatologo per ottenere maggiori indicazioni sulle opzioni di trattamento. Sappi che il sollievo è possibile, anche se vivi con un eczema grave.

Per aiutare a scongiurare l’iperpigmentazione correlata all’eczema, o almeno prevenire che peggiori, ti consigliamo di utilizzare la protezione solare ogni giorno ed evitare di grattarti il ​​​​più possibile.


Rebecca Strong è una scrittrice freelance con sede a Boston che si occupa di salute e benessere, fitness, cibo, stile di vita e bellezza. Il suo lavoro è apparso anche in Insider, Bustle, StyleCaster, Eat This Not That, AskMen ed Elite Daily.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here