Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Sì, la malattia mentale può influire sull'igiene. Ecco cosa puoi fare al...

Sì, la malattia mentale può influire sull'igiene. Ecco cosa puoi fare al riguardo

0
78

Illustrazione di Brittany England

Depressione, ansia, PTSD e persino disturbi dell'elaborazione sensoriale possono influire sulla nostra igiene personale. Parliamone.

Non sei solo tu

"Non è solo te" è una colonna scritta dalla giornalista di salute mentale Sian Ferguson, dedicata all'esplorazione dei sintomi meno noti e meno discussi della malattia mentale.

Sian conosce in prima persona il potere dell'udito, "Ehi, non sei solo tu." Mentre potresti avere familiarità con la tua tristezza o ansia ordinaria, c'è molto di più nella salute mentale di così – quindi parliamone !

Se hai una domanda per Sian, contattaci via Twitter.

Una delle cose peggiori della malattia mentale è il modo in cui penetra in così tante parti della tua vita, influenzando anche le cose più banali, come la doccia e lavarsi i denti.

E spesso facciamo fatica a parlare di questa parte della salute mentale. Uno dei motivi per cui lottiamo per parlarne è perché l'igiene è moralizzata quando non dovrebbe esserlo.

Praticare l'igiene è una buona cosa perché può prevenire le malattie e aiutarci a prenderci cura del nostro corpo. Ma sfortunatamente, spesso associamo a mancanza di igiene con povertà, pigrizia, senzatetto – tutte le cose contro le quali discriminiamo come società.

Ciò significa che c'è molta vergogna nell'igiene. Questa vergogna può alimentare sia le ossessioni dell'igiene sia lo stigma che circonda le malattie mentali che ci rendono difficile praticare l'igiene di base.

Le mie malattie mentali hanno significato che ho avuto sintomi alle estremità opposte dello spettro – mi sono spesso lavato con troppa forza e ossessione e a volte ho faticato a mantenere l'igiene personale come dovrei.

E più ne parlo, più mi rendo conto di quanto sia comune e di come poche persone si rendano conto che il loro stato mentale può influenzare il loro rapporto con l'igiene.

"Sfortunatamente, ad entrambe le estremità dello spettro, una mancanza di igiene personale o un'ossessione per l'igiene personale creano ulteriore stress e ansia per il malato", afferma Carla Manly, PhD, psicologa clinica e autrice.

Quindi, diamo un'occhiata a come la salute mentale può influenzare la tua capacità di praticare l'igiene e cosa puoi fare al riguardo.

Perché è così difficile lavarmi i denti o farmi la doccia?’

Anche se ho un certo numero di malattie mentali, non ho avuto molti problemi con la doccia. Ma una settimana molti anni fa, quando mi sentivo particolarmente depresso, ho faticato a lavarmi i denti. Devo essermi lavato i denti solo due volte quella settimana.

So cosa stai pensando – schifoso. Sì, l'ho pensato anch'io.

Eppure non sono riuscito a convincermi a lavarmi i denti. Potrei lavarmi il corpo, potrei vestirmi, potrei persino uscire di casa ma il pensiero di lavarmi i denti mi è stato ripugnante. E la cosa peggiore è che non sono riuscito a convincermi a dire al mio terapeuta, perché mi vergognavo e mi disgustavo.

Molte persone hanno difficoltà a svolgere le attività igieniche di base quando sono depresse. Ciò può includere la doccia, lavarsi le mani, lavarsi i denti, fare il bucato o lavarsi i capelli.

"Riferiscono di non avere abbastanza energia per svolgere semplici compiti di auto-cura, come lavarsi i denti o lavarsi i capelli", afferma Melissa A. Jones, PhD, HSPP, psicologa clinica con sede in Indiana. "Molti di loro non si prendono cura dei loro bisogni di igiene personale a meno che non vengano ricordati da un membro della famiglia per farlo."

Ma perché è questo? Perché la depressione rende così difficile fare la doccia? Manly afferma che la depressione maggiore è spesso caratterizzata da un ridotto interesse per le attività e dalla fatica. In altre parole, probabilmente hai poca motivazione o energia per mantenere l'igiene mentre sei depresso.

"Ho lavorato con clienti che descrivono la loro depressione come" una nuvola grigia costante "," una sensazione di essere bloccati sotto un carico di mattoni "e" un peso pesante che rende quasi impossibile persino alzarsi dal letto ", "Dice Manly.

"Quando guardi la depressione attraverso questo obiettivo, diventa chiaro che le azioni che le persone mentalmente sane prendono per scontate sono compiti monumentali per coloro che soffrono di depressione maggiore."

Jones aggiunge che i sintomi fisici della depressione, come il dolore fisico, possono anche impedire alle persone di farsi la doccia. "Gli individui depressi sperimenteranno anche dolore fisico, insieme ai loro sintomi depressivi, facendo sì che non si sentano fisicamente in grado di prendersi cura dei loro bisogni di igiene personale", spiega.

Oltre alla depressione, i disturbi d'ansia e i disturbi dell'elaborazione sensoriale possono rendere difficile la doccia e il mantenimento dell'igiene personale.

"Le persone con problemi di elaborazione sensoriale possono avere difficoltà a farsi la doccia perché la temperatura o l'effettivo tocco fisico dell'acqua è fisicamente doloroso per loro", spiega Jones.

Puoi essere troppo igienico?

Sicuramente puoi essere troppo ossessionato dall'igiene. Alcune malattie mentali potrebbero indurre le persone a lavarsi troppo o ad essere ossessionate dalla pulizia.

La malattia mentale che più comunemente associamo alla pulizia è il disturbo ossessivo compulsivo (DOC). Le rappresentazioni della cultura pop del disturbo ossessivo compulsivo, come in "Monk", "The Big Bang Theory" e "Glee" significano spesso che pensiamo alle persone con disturbo ossessivo compulsivo come germofobi super-organizzati e super organizzati che sono comode battute per barzellette sconsiderate.

Il disturbo ossessivo-compulsivo non riguarda sempre la pulizia e, anche quando lo è, viene spesso frainteso. Il disturbo ossessivo compulsivo comporta ossessioni (pensieri angoscianti a cui non puoi smettere di pensare) e compulsioni (rituali o azioni che prendi per ridurre l'angoscia).

Le ossessioni potrebbero riguardare l'igiene, ma potrebbe anche essere una paura come bruciare la tua casa, ferire qualcuno o te stesso o far arrabbiare Dio. Quando si tratta di rituali di igiene, come lavarsi le mani, la paura (o l'ossessione) potrebbe riguardare i germi, ma potrebbe anche riguardare qualcos'altro.

Manly spiega che quando si hanno compulsioni OCD legate all'igiene, è possibile lavarsi le mani un determinato numero di volte o lavarsi i denti con un certo numero di colpi.

"Coloro che hanno un disturbo ossessivo compulsivo possono avere difficoltà a seguire l'igiene personale in modo fluido, poiché potrebbero sentire la necessità di eseguire ripetutamente determinati rituali di igiene (come lavarsi le mani un certo numero di volte) prima di passare al compito successivo", afferma Manly . Queste compulsioni possono rendere difficile uscire di casa in tempo o funzionare durante il giorno.

Contrariamente alla credenza popolare, altri disturbi oltre al disturbo ossessivo compulsivo possono anche farti ossessionare troppo dalla pulizia.

"Coloro che soffrono di ansia cronica possono scoprire di essere eccessivamente preoccupati dell'igiene personale e di controllare frequentemente uno specchio per assicurarsi che il loro aspetto sia" perfetto "", afferma Manly. "Alcuni malati di ansia diventano molto ansiosi per l'abbigliamento e l'aspetto e possono cambiare abbigliamento più volte prima di uscire di casa".

Per me, sono diventato un po 'troppo ossessionato dall'igiene quando sono stato aggredito sessualmente. Successivamente – e ogni volta che sono stato attivato dai ricordi dell'assalto – mi sono lavato eccessivamente, spesso con acqua calda, al punto in cui la mia pelle sarebbe stata ruvida e dolorante.

Anni dopo, ho appreso che questo era un sintomo del disturbo post-traumatico da stress (PTSD) e una risposta comune all'assalto sessuale.

"Sebbene molto diverso dal disturbo ossessivo compulsivo, alcuni casi di PTSD possono comportare comportamenti ripetitivi che sono spesso creati inconsciamente per ridurre lo stress e l'ansia del PTSD", spiega Manly.

Questo può includere lavarti vigorosamente dopo esperienze traumatiche, come aggressioni sessuali. "Gli obiettivi finali di tali comportamenti sono ridurre il senso di violazione e" sporcizia "e aumentare il senso di sicurezza".

Nel mio caso, la necessità di lavarmi era angosciante. Ma allo stesso tempo, non l'ho visto davvero come un sintomo di malattia mentale o addirittura una cosa negativa in sé – l'igiene è una cosa buona, giusto?

E quella mentalità mi ha impedito di ottenere aiuto, così come mi ha impedito di ottenere aiuto quando stavo faticando a lavarmi i denti. Mi sentivo come preoccupato per la pulizia non era un problema – e al momento, ho faticato a fare i conti con quanto estrema fosse la mia ossessione.

Fortunatamente, parlando con gli altri e avendo un grande terapista, sono stato in grado di ottenere aiuto e trovare la guarigione. Ma ciò ha richiesto la comprensione della mia ossessione per l'igiene come sintomo di una malattia mentale.

Cosa fare quando la malattia mentale influisce sul rapporto con l'igiene

La maggior parte delle persone si sente un po 'troppo pigra per fare la doccia una volta ogni tanto. La maggior parte di noi a volte si sente un po '"disgustosa" e decide di lavarsi più vigorosamente del solito. Quindi, come fai a sapere che è "abbastanza male" per te avere bisogno di aiuto?

In generale, dovresti chiedere aiuto se un problema ti rende difficile il funzionamento. Se fai fatica a praticare l'igiene anche quando sai che dovresti, o se ritieni di lavarti eccessivamente, potresti aver bisogno di aiuto.

La terapia è un ottimo punto di partenza. Potresti vergognarti, come ho fatto io, di dire al tuo terapeuta che fai fatica a praticare una buona igiene. Ricorda che questo è un sintomo abbastanza comune di malattia mentale e il tuo terapeuta probabilmente ha già aiutato le persone nei tuoi panni – e sono lì per aiutarti, non per giudicarti per il tuo stato mentale.

Per quanto riguarda il lavaggio eccessivo, Manly afferma che la radice dell'ansia deve essere affrontata per affrontare il problema. Anche questo richiede spesso una terapia.

"Per ridurre il livello di lavaggio in combinazione con la terapia, l'individuo può anche sforzarsi di ridurre l'ansia imparando a usare tecniche di respirazione calmanti, brevi meditazioni e mantra positivi", afferma Manly. "Strumenti come questi possono essere utilizzati per calmare la mente e il corpo in quanto incoraggiano l'autosufficienza e l'autocontrollo."

Indipendentemente dagli strumenti di auto-cura che ti aiutano, è importante ricordare a te stesso che l'igiene morale non aiuta nessuno.

Sì, dovremmo tutti praticare l'igiene per il bene della salute pubblica e personale. Ma se la tua salute mentale sta rendendo difficile prendersi cura di te, non dovresti vergognarti di chiedere aiuto.


Sian Ferguson è uno scrittore e giornalista freelance di Grahamstown, in Sudafrica. La loro scrittura copre questioni relative alla giustizia sociale e alla salute. Puoi contattarli su cinguettio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here