‘Senso di stanchezza’ mentre la Francia si prepara a scegliere il prossimo presidente

0
11

Secondo gli analisti, la dodicesima elezione presidenziale francese è una “storia predetta” o una ripetizione della resa dei conti tra Macron e Le Pen del 2017.

La gente del posto si trova nella piazza principale, accanto ai dodici manifesti ufficiali dei candidati alla presidenza, durante la visita del presidente francese e del partito liberale La Republique en Marche (LREM) candidato alla rielezione a Spezet, nella Francia occidentale [Ludovic Marin/AFP]

Parigi, Francia – Gli elettori in Francia si stanno preparando a votare per le elezioni presidenziali di domenica, le 12 della Quinta Repubblica dal 1958.

La campagna è stata oscurata dalla guerra Russia-Ucraina. Sul fronte interno, non ha prodotto una cattiva condotta debilitante come lo scandalo di appropriazione indebita del 2017 di Francois Fillon, il candidato di destra del partito Les Republicains.

Anche la polemica del governo di Emmanuel Macron sull’utilizzo della società di consulenza McKinsey – spinta dai media – non ha portato ad accendere una scintilla.

La corsa alle elezioni è stata caratterizzata da un misto di apatia e preoccupazione, a causa di quella che il docente di politica Pierre Bocquillon ha descritto come “una storia predetta” tra Macron e il leader di estrema destra Marine Le Pen.

Bocquillon, docente presso l’Università dell’East Anglia, ha affermato che l’appeal e il dinamismo di Macron sono peggiorati rispetto alle elezioni del 2017 quando ha annunciato la sua candidatura come nuovo arrivato.

“Macron ha fallito. In effetti, non ha davvero cercato di mobilitare la sua base di appoggio che è sul centrodestra”, ha detto.

“È ancora in testa ai sondaggi con un margine relativamente comodo come candidato alla continuità e alla stabilità in tempi incerti, ma anche il divario con Marine Le Pen si sta chiudendo poiché sembra recuperare parte del sostegno dell’altra estrema destra e candidato jolly Eric Zemmour.

C’è anche il fatto che i 12 candidati alla campagna non avevano un’unica visione, il che ha contribuito a creare un senso di stanchezza tra la popolazione francese di 48 milioni, ha affermato Jacques Reland, ricercatore senior presso il Global Policy Institute.

“La maggior parte dell’agenda dei candidati del 2022 è demagogica, non del tutto seria e, se eletta, sarebbe una catastrofe per la Francia e l’Europa”, ha affermato. “Hanno concentrato i loro attacchi su Macron sotto la linea ‘tutto tranne Macron’, piuttosto che una visione seria per il futuro della Francia”.

Invece, ogni candidato, incluso Macron, ha annunciato misure pratiche che potrebbero piacere agli elettori.

“Ma non c’è una visione dietro”, ha detto Reland, descrivendo le elezioni come “noiose per molti”.

“C’è una sorta di stanchezza nella popolazione francese”.

Lupo travestito da agnello

Mentre ci sono timori che l’astensione degli elettori possa essere maggiore in queste elezioni rispetto a qualsiasi altra precedente, ci sono alcuni, come il 24enne Gabriel, che sono ancora indecisi su chi votare.

“Sto ancora esitando tra due candidati”, ha detto l’addetto al commercio elettronico, in piedi fuori da una stazione di polizia. “Sono ancora giovane e mi sto interessando sempre di più alla politica. È un’ottima occasione per saperne di più sul Paese e sulla posta in gioco”.

L’ascesa dell’estrema destra – che si prevede prenderà un terzo dei voti complessivi – è stata spaventosa, ha aggiunto.

“Ecco perché dobbiamo votare domenica”.

Nessun presidente ha mai vinto a maggioranza assoluta. Il secondo turno delle elezioni si svolgerà il 24 aprile, dando ai due leader due settimane in più per la campagna.

Macron ha vinto le ultime elezioni con un comodo margine grazie alla strategia di formare uno “scudo repubblicano”, o un’ultima linea di difesa, contro Le Pen e i suoi ideali di estrema destra convincendo altri partiti a sostenerlo.

Questa volta, ha detto Bocquillon, intende fare lo stesso.

“Può essere una strategia di successo aggrapparsi al potere, ma è anche rischiosa”, ha detto Bocquillon. “In primo luogo, ci sono molte persone che rimangono indecise e molto probabilmente l’astensione sarà più alta del solito”.

Questa strategia lascia anche il posto all’ideologia di estrema destra che diventa sempre più presente nel discorso pubblico, ha aggiunto.

Secondo Reland, Macron e Le Pen sono alla pari nei sondaggi in due fasce di età: 25-34 e 50-64.

“Quello che fa paura è che Marine Le Pen sia ora percepita come un candidato serio e accettabile per molti”, ha detto. «Sembra la ragazza della porta accanto, che ti assisterà quando sei in vacanza. Ma lei è un lupo travestito da agnello».

C’è anche un forte senso da parte di alcune persone che vogliono tirare un calcio al tavolo per scuotere le cose e che dicono che forse è tempo di vedere cosa potrebbe fare Le Pen come presidente, ha aggiunto.

“C’è sicuramente uno slancio Le Pen”, ha detto Reland, dicendo che questo era motivo di preoccupazione più che sufficiente. “Il trentanove per cento delle persone pensa che sarebbe un grande presidente. Nel 2017, quel numero era al 27%. La vera campagna inizia l’11 aprile”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here