Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Ritorno a scuola durante la pandemia di COVID-19: una guida per i...

Ritorno a scuola durante la pandemia di COVID-19: una guida per i genitori

0
20

Se i genitori avranno la possibilità di scegliere tra l’apprendimento di persona o a distanza questo autunno, ci saranno molti fattori da considerare prima di prendere una decisione.

Prendere decisioni come genitore può spesso essere stressante e confuso. Stiamo facendo la cosa giusta? Al momento, potresti essere in attesa di sapere quali sono i piani del tuo distretto scolastico per la riapertura o sei indeciso se rimandare indietro tuo figlio in autunno.

Sfortunatamente, come per tante decisioni genitoriali, non esiste una risposta “giusta” definitiva e ci sono molti fattori da considerare.

Vuoi bilanciare la salute di tuo figlio con le sue esigenze educative e sociali. Vuoi anche considerare come stai contribuendo al tasso di infezione nella tua comunità e la tua capacità di andare al lavoro.

La prima cosa da ricordare è che il COVID-19 è un nuovo virus. Scienziati e medici hanno avuto solo pochi mesi per iniziare a imparare come si comporta.

Ci sono pochi fatti definitivi. Tutto ciò che possiamo fare è cercare di prendere la decisione migliore per la nostra famiglia e la nostra comunità, sulla base delle informazioni che abbiamo finora a disposizione.

Tuttavia, è importante ricordare che la situazione probabilmente cambierà di nuovo nel corso dell’anno con l’evolversi della pandemia. La scelta di tornare o meno a scuola di persona dipenderà probabilmente dai tassi di infezione locali e dalle decisioni prese a livello distrettuale, regionale o statale.

Rischio di infezione

La prova

Un recente studio a Ginevra, in Svizzera, ha testato 2.766 persone per rilevare gli anticorpi del coronavirus nel sangue. Poiché gli anticorpi vengono prodotti per combattere una malattia, ciò indica che la persona è stata precedentemente infettata. Lo studio ha rilevato che i bambini sotto i 10 anni avevano una probabilità significativamente inferiore di avere anticorpi. Infatti, solo 1 bambino su 123 i bambini di età compresa tra 5 e 9 anni testati hanno avuto un risultato positivo.

Il suggerimento che i bambini hanno molte meno probabilità di contrarre la malattia rispetto agli adulti si riflette in un rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ad aprile. Dei 149.082 casi segnalati per i quali conoscevano l’età dei pazienti, meno del 2 percento erano bambini, anche se costituiscono il 22 per cento della popolazione degli Stati Uniti.

Sulla base delle informazioni attualmente disponibili, i ricercatori ritengono che i bambini abbiano meno probabilità di contrarre il coronavirus rispetto agli adulti. Vale la pena ricordare, tuttavia, che è possibile che vengano infettati più bambini di quelli rilevati. Questi studi riportano anche che i bambini hanno maggiori probabilità di essere asintomatici rispetto agli adulti.

Che ha contratto il virus

La prova

Se tuo figlio viene infettato, la buona notizia è che è molto improbabile che sia in pericolo. UN studio europeo di 582 bambini con un’età media di 5 anni ha concluso che COVID-19 è generalmente una malattia lieve nei bambini piccoli. UN studio nordamericano dei ricoveri in unità di terapia intensiva pediatrica ha rilevato che anche questi bambini avevano esiti ospedalieri migliori rispetto agli adulti.

Entrambi gli studi hanno rilevato che, come per gli adulti, un fattore di rischio per i bambini che soffrono più gravemente della malattia è se hanno condizioni mediche preesistenti. Questo è qualcosa da considerare seriamente se tuo figlio rientra in questa categoria e il tuo distretto scolastico offre lezioni faccia a faccia.

Come per tutte le informazioni che abbiamo su COVID-19, questi sono i primi risultati e idee e set di dati si sviluppano continuamente. Scienziati e professionisti medici non sono sicuri del motivo per cui i bambini sembrano sperimentare questo virus in modo così diverso rispetto agli adulti. Una teoria è che il rivestimento dei loro vasi sanguigni è in condizioni molto migliori.

Tuttavia, è importante ricordare che non conosciamo ancora gli effetti a lungo termine del COVID-19. Gran parte della malattia non è ancora stata compresa.

Rischio di infettare gli altri

La prova

Oltre a proteggere tuo figlio, è importante cercare di aiutare a rallentare la diffusione dell’infezione al resto della tua famiglia e alla comunità in generale. Se i bambini sembrano infettarsi meno spesso, possono ancora trasmettere il virus?

Finora sono stati condotti alcuni studi che hanno esaminato la trasmissione pediatrica. La maggior parte erano relativamente piccoli, concentrandosi su una manciata di casi confermati.

Tuttavia, un recente ampio studio condotto in Corea del Sud ha scoperto che i bambini di età inferiore ai 10 anni sembrano trasmettere il virus molto meno rispetto ai loro omologhi più anziani. I bambini e gli adolescenti di età compresa tra 10 e 19 anni sembrano trasmettere il virus alla stessa velocità degli adulti.

Per gli studi più piccoli precedentemente pubblicati, una domanda importante potrebbe essere se questi studi abbiano avuto luogo in aree in cui indossare maschere era una pratica standard.

Non possiamo dire con certezza che i loro risultati riflettano la popolazione generale, ma questi pochi casi di studio suggeriscono che i bambini piccoli potrebbero avere meno probabilità di infettare gli altri con la malattia, anche quando sono a stretto contatto.

In un caso di studio, un bambino di 9 anni che ha contratto il COVID-19 e aveva la stessa carica virale di un adulto ha frequentato 3 scuole diverse prima della comparsa dei sintomi. Dopo che il suo test è risultato positivo, il tracciamento dei contatti ha identificato 172 persone – principalmente studenti e personale – che sono state esposte. Tutti i contatti tranne uno sono risultati negativi al COVID-19.

Uno studio australiano condotto nell’aprile 2020 ha esaminato 15 scuole, un misto di scuole primarie (elementari) e superiori. Ogni scuola aveva uno o due adulti o bambini risultati positivi al COVID-19. Tra quelle 18 persone che sono risultate positive, i ricercatori hanno identificato 863 persone con cui erano in stretto contatto, di cui solo due sono risultate positive.

In Irlanda, uno studio ha esaminato sei casi confermati nelle scuole: tre bambini e tre adulti. In totale queste persone avevano 1.155 contatti e non sono stati riscontrati ulteriori casi. Uno studio simile a Singapore ha esaminato tre bambini con il virus che frequentavano la scuola e non c’erano altre persone infette.

Una dimensione del campione più ampia è stata utilizzata in uno studio olandese che ha avuto 227 partecipanti provenienti da 54 famiglie. Hanno scoperto che il virus si è diffuso, ma principalmente tra gli adulti e dai genitori ai bambini.

Questo dato è interessante da tenere a mente quando si pensa alle scuole. Può essere che sia molto più importante per gli insegnanti mantenere le distanze gli uni dagli altri e dai loro studenti di quanto lo sia per i bambini mantenere le distanze gli uni dagli altri, almeno nelle scuole elementari.

Considerazioni per i genitori

Potresti aver già ricevuto informazioni dalla scuola di tuo figlio che ti fanno sapere quali sono le opzioni per l’autunno, o forse il tuo distretto è ancora in un limbo. Ad ogni modo, non c’è una soluzione semplice da trovare. Preparati affinché la tua situazione cambi con l’evolversi della pandemia.

Mentre valuti le tue opzioni per prendere la decisione migliore per la tua famiglia, ecco alcune cose da considerare:

Posizione, posizione, posizione

I rischi associati al rimpatrio dei bambini a scuola sono maggiori nelle aree con un alto tasso di trasmissione comunitaria.

Il dottor William Hanage, professore associato di epidemiologia presso la Harvard TH Chan School of Public Health, ha questo consiglio per le aree con un basso numero di casi: “Penso che se si riesce a mantenere bassa la trasmissione della comunità è ragionevole pensare che le scuole possano riaprire, e penso che è ragionevole pensare che le epidemie all’interno delle scuole possano essere controllate abbastanza rapidamente. Una volta che la trasmissione della comunità diventa alta… allora ti trovi in ​​una situazione diversa”.

Rimani aggiornato con il tuo dipartimento sanitario locale in modo da sapere qual è la situazione nella tua zona. Ciò avrà un grande impatto sulla riapertura delle scuole e forse sulla tua decisione se inviare tuo figlio.

Apprendimento a distanza sarà tenuto a standard più elevati questo autunno

Il passaggio all’apprendimento online a marzo è stato improvviso. Insegnanti e presidi dovevano capire come farlo funzionare man mano che andavano avanti.

Da allora, hanno avuto il tempo di provare diverse app, ottenere feedback dagli studenti e pianificare in anticipo l’anno scolastico 2020-2021. Ciò dovrebbe significare che l’esperienza di apprendimento a distanza è di qualità superiore rispetto alla fine di marzo.

Quali misure di prevenzione sta adottando la tua scuola?

Se i bambini frequentano fisicamente la scuola, gli amministratori dovrebbero mettere in atto misure di sicurezza per ridurre il rischio di infezione.

Il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie ha una guida per le impostazioni educative. Questi includono l’uso di rivestimenti per il viso, come una maschera, ove possibile, che richiede il lavaggio regolare delle mani e la pulizia delle superfici che vengono toccate frequentemente.

In termini di distanza, il CDC raccomanda di stare a 6 piedi di distanza “quando possibile”, mentre l’American Academy of Pediatrics (AAP) ritiene che un minimo di 3 piedi possa essere quasi altrettanto efficace se gli studenti indossano rivestimenti per il viso e sono asintomatici.

Le maschere sono fondamentali are

Si ritiene che indossare una copertura per il viso come una maschera sia una delle misure più importanti per prevenire la diffusione di COVID-19.

Il dottor Rishi Desai, MPH, un medico pediatrico di malattie infettive rafforza il messaggio sulle maschere, dicendo. “Abbiamo bisogno che i bambini che possano indossare una maschera (di età superiore ai 3 anni) indossino una maschera e dobbiamo convincere le scuole a fare il possibile per aiutare a implementare il distanziamento sociale”.

Le linee guida della maschera AAP riconoscono che questa raccomandazione può variare in base all’età. I rivestimenti per il viso universali sono consigliati per le scuole medie e superiori. Ma per i bambini delle scuole elementari, li raccomandano “quando i danni (frequenti toccarsi il viso, ad esempio) non superano i benefici”.

Conosci la politica dei malati

Devi essere chiaro sulla politica della scuola di tuo figlio in materia di malattia. Cosa succede se uno studente o un membro del personale ha sintomi? L’intera scuola chiuderà o quella particolare classe dovrà isolarsi? Forse i numeri dei casi nella tua zona sono abbastanza bassi che solo la persona infetta verrà mandata a casa e avrà luogo il monitoraggio.

Rivolgiti alla scuola o al distretto di tuo figlio per scoprirlo. Questo può avere un impatto su quanto ti senti sicuro sarà l’ambiente e significa anche che non sarai colto di sorpresa se alla classe di tuo figlio viene improvvisamente detto di isolarsi.

Che età hai figli?

Il dottor Arnold Monto, professore di epidemiologia presso la School of Public Health dell’Università del Michigan, indica gli esempi di alcuni paesi scandinavi che hanno iniziato a riaprire le scuole rimandando prima i bambini più piccoli, seguiti da gruppi di bambini più grandi.

Poiché i bambini più piccoli sembrano essere il rischio più basso di infezione, Monto afferma che questo è un buon approccio per riaprirsi gradualmente. Ciò significa che i numeri dei casi nella scuola e nella comunità locale possono essere monitorati da vicino in ogni fase del processo e i piani possono cambiare se necessario.

Sulla base di questo, potresti sentirti più a tuo agio con il tuo bambino dell’asilo che torna a scuola prima di tua figlia.

Considera come verranno finanziate le misure di sicurezza

Oltre a una solida politica di sicurezza, le scuole avranno bisogno dei mezzi per realizzarlo.

La dott.ssa Margaret Aldrich, specialista in pediatria presso l’ospedale pediatrico di Montefiore, afferma: “Vorrei essere sicuro che tutte le scuole abbiano accesso alle risorse necessarie per attuare le raccomandazioni di sicurezza nel tempo rimanente fino all’apertura prevista della scuola. Non basta avere un buon piano, dobbiamo essere sicuri che il piano possa essere attuato”.

Sfortunatamente, il finanziamento dell’istruzione è una preoccupazione per il personale scolastico nel migliore dei casi e l’implementazione delle linee guida CDC ha un costo. Anche in questo caso, il tuo distretto locale dovrebbe chiarirti quali misure possono e prenderanno.

Considera la tua situazione familiare

Aldrich ci ricorda che “non esiste una situazione a rischio zero quando si tratta di COVID-19, esiste solo la mitigazione del rischio”. Monto è d’accordo, dicendo che i genitori “stanno correndo un rischio… dovrebbero continuare a praticare controlli appropriati in casa e questo ha particolare rilevanza se fanno parte di una famiglia multigenerazionale”.

Inoltre, nelle case in cui gli adulti lavorano fuori casa e non possono svolgere il proprio lavoro da remoto, o se non hanno accesso alle risorse necessarie per il lavoro a distanza, le famiglie possono sentirsi obbligate a mandare i propri figli a scuola.

Considera le esigenze specifiche di tuo figlio

Gran parte della decisione alla fine si ridurrà a ciò che ritieni sia meglio per tuo figlio. Tuo figlio ha avuto successo con l’apprendimento a distanza la scorsa primavera? Tuo figlio riceve a scuola servizi che non può ricevere a casa? Quali sono le considerazioni sociali ed emotive per il tuo bambino unico? Tuo figlio è ad alto rischio di regressione scolastica se non va a scuola?

Sommario

Qualunque cosa tu decida di fare per la frequenza scolastica, continua a proteggere la tua famiglia e la tua comunità allontanandoti socialmente il più possibile. Indossa una maschera facciale nei luoghi pubblici e assicurati che tu e i tuoi figli vi lavate le mani accuratamente e frequentemente.

Il fatto che tuo figlio possa tornare all’apprendimento faccia a faccia dipenderà dai numeri dei casi locali, dai consigli scolastici e dalla tua valutazione individuale dei rischi. Non è una decisione facile, ma sappi che non sei solo perché migliaia di famiglie in tutto il paese sono sulla stessa barca, cercando solo di fare del loro meglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here