spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoRisultati delle elezioni generali del Regno Unito del 2024: cinque punti chiave

    Risultati delle elezioni generali del Regno Unito del 2024: cinque punti chiave

    -

    Punti chiave, dalla vittoria di Starmer nel partito laburista alla caduta del partito conservatore, fino alla vittoria dei seggi del Reform.

    I britannici hanno ceduto al partito laburista di Keir Starmer quasi due terzi dei seggi della Camera dei Comuni, composta da 650 seggi, in quella che è stata descritta come un’elezione generale “storica” ​​dopo 14 anni di governo del partito conservatore.

    Ecco alcuni spunti chiave dai risultati delle elezioni di giovedì.

    1. La disfatta dei conservatori

    Il Partito conservatore, guidato dall’ex Primo Ministro Rishi Sunak, ha subito la peggiore sconfitta della sua storia.

    Il partito ha perso 250 seggi dalle ultime elezioni generali del 2019, dopo averne vinti 121 quest’anno. Undici ministri del governo conservatore sono stati detronizzati in queste elezioni.

    La quota di voti dei conservatori è crollata di 20 punti percentuali dal 2019, attestandosi al 24%, poiché i sostenitori si sono spostati in massa verso Reform UK, il partito di estrema destra guidato da Nigel Farage.

    Tra i conservatori di spicco che hanno perso i loro seggi ci sono l’ex primo ministro Liz Truss, la leader della Camera dei Comuni Penny Mordaunt e l’ex ministro del governo Sir Jacob Rees-Mogg.

    2. La febbre delle riforme prende piede, spingendo Farage al Parlamento

    Il partito di estrema destra Reform UK di Farage ha fatto breccia.

    Ha vinto quattro seggi, un risultato non da poco per un partito di nuova costituzione, ed è stato sostenuto dal 14 percento degli elettori in generale. Si tratta di un aumento di 12,3 punti percentuali rispetto alle ultime elezioni, quando era noto come Brexit Party.

    Il partito ha ottenuto consensi anche in alcuni seggi che non ha vinto, assicurandosi il secondo posto a Dover e Deal e il terzo a Folkestone e Hythe, Tunbridge Wells, Dartford e Sevenoaks, tra gli altri.

    L’ascesa del gruppo di estrema destra anti-immigrazione è motivo di grande preoccupazione per le minoranze etniche britanniche e le comunità emarginate. Diversi candidati riformisti sono stati sospesi prima delle elezioni perché sono stati scoperti ad aver fatto commenti razzisti online.

    Nel frattempo, le elezioni rappresentano un sogno che diventa realtà per Farage, che finalmente si candida alla Camera dei Comuni come membro del Parlamento, al suo ottavo tentativo.

    La sua circoscrizione, Clacton-on-Sea, ha rimosso il conservatore in carica Giles Watling, che aveva ricoperto il seggio dal 2017 con un margine considerevole. Farage ha ottenuto 21.225 voti contro i 12.820 di Watling.

    Il presidente di Reform UK, Richard Tice, ha vinto a Boston e Skegness nel Lincolnshire, mentre Rupert Lowe, ex presidente della squadra di calcio del Southampton, ha preso Great Yarmouth dal Partito Conservatore, che aveva detenuto la circoscrizione per tutti i 14 anni di governo del partito.

    Nessuno può dubitare della vittoria del Labour, in termini di numero di seggi conquistati. Ha fatto passi da gigante, come quando Tony Vaughan del partito ha preso Folkestone e Hythe, che i Tories avevano detenuto dal 1950. Le città di Londra e Westminster sono passate di mano al Labour per la prima volta.

    Ma la quota complessiva dei voti del partito di centro-sinistra è aumentata di meno di 2 punti percentuali.

    Nonostante abbia ottenuto il 64% dei seggi, il partito ha ottenuto solo il 34% dei voti effettivi.

    Nel 2019, quando il partito era guidato da Jeremy Corbyn, la cui scarsa popolarità era ritenuta la causa delle perdite del Labour, la quota di voti era solo leggermente inferiore, al 32%.

    Il voto di giovedì è stato rovinato dalla bassa affluenza. Il 60 percento degli elettori ha votato, in calo rispetto al 67 percento del 2019. Questa è la seconda affluenza più bassa, che di solito supera il 65 percento, per un’elezione generale dal 1885.

    “Per molti versi, questa sembra più un’elezione persa dai conservatori che una vinta dai laburisti”, ha scritto per la BBC John Curtice, professore di politica all’Università di Strathclyde.

    4. Gli indipendenti pro-Palestina sfidano il sistema. Cinque vincono, ma Galloway cade

    Cinque indipendenti filo-palestinesi hanno vinto seggi mentre la guerra di Israele contro Gaza è diventata una questione chiave per gli elettori del Regno Unito.

    Corbyn ha mantenuto il suo seggio di Islington North come candidato indipendente. Shockat Adam a Leicester South, Ayoub Khan a Birmingham Perry Barr, Adnan Hussain a Blackburn e Iqbal Mohamed a Dewsbury e Batley hanno tutti vinto seggi.

    “Questo è per la gente di Gaza”, ha detto Adam dopo essere stato annunciato come vincitore.

    Tutti questi contendenti hanno sconfitto i candidati laburisti in carica.

    Né i conservatori né i laburisti hanno chiesto un cessate il fuoco immediato. Entrambi sostengono quello che chiamano il “diritto all’autodifesa” di Israele, provocando malcontento tra gli elettori pro-Palestina e musulmani.

    D’altro canto, il leader del partito di sinistra Workers Party of Britain, George Galloway, ha perso il seggio di Rochdale che aveva vinto in un’elezione suppletiva a febbraio, facendo campagna contro la guerra di Gaza. È stato spodestato da Paul Waugh del Labour.

    5. I Lib Dem tornano alla ribalta

    Il partito Liberal Democrat di Ed Davey, di centro-sinistra, ha vinto 71 seggi, ben 63 in più rispetto al 2019.

    Dal 2010, quando i Liberal Democratici formarono una coalizione con il Partito Conservatore per consentire ai Tories di formare un governo, non avendo vinto la maggioranza dei seggi, la popolarità dei Lib Dem è diminuita. Quest’anno, tuttavia, gli elettori sembrano essere tornati a sostenerli.

    Il partito ha vinto alcuni seggi critici, tra cui Chichester, precedentemente occupato dal Segretario all’Istruzione conservatore Gillian Keegan. Il membro Lib Dem Jess Brown-Fuller ha vinto il seggio con una maggioranza di 12.146.

    Il partito ha anche vinto il seggio di Lewes in un guadagno nozionale dai conservatori dopo i cambiamenti di confine. James MacCleary ha vinto con il 50,6 percento dei voti, prendendo il seggio dall’ex ministro della Salute conservatore Maria Caulfield che ha vinto solo il 26,8 percento.

    Tutti gli occhi sono puntati su Starmer, ma anche sull’opposizione. I conservatori non sono abituati a stare nell’ombra e ora hanno nuovi avversari con cui confrontarsi.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts