Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Qual è la differenza tra una crisi tonica e una crisi atonica?

Qual è la differenza tra una crisi tonica e una crisi atonica?

0
63

Le convulsioni toniche causano rigidità nel corpo, mentre le convulsioni atoniche causano l’inerzia dei muscoli. Imparare i segni di entrambi può renderti più preparato ad aiutare le persone che li sperimentano.

Le convulsioni possono generalmente essere classificate come toniche o atoniche.

Una crisi tonica è ciò che la maggior parte delle persone associa alle convulsioni: il corpo si irrigidisce e sperimenta spasmi muscolari o sussulti. La persona cade a terra e forse perde anche conoscenza.

Al contrario, le crisi atoniche fanno sì che i muscoli del corpo si affloscino completamente, sebbene la caduta sia ancora una possibilità.

In entrambi i casi, l’evento è generalmente breve.

Sapere quale tipo di crisi sperimenta una persona può aiutare a determinare il giusto metodo di trattamento per prevenire futuri episodi epilettici.

Convulsioni toniche e atoniche: cause

Le crisi toniche possono colpire una parte o entrambi gli emisferi del cervello ed è più probabile che si verifichino quando una persona dorme. In genere, questo tipo di crisi colpisce entrambi i lati del corpo e può essere attivata senza preavviso. Se colpisce solo una parte del corpo, si parla di crisi tonica focale. Se colpisce tutto il corpo si tratta di una crisi tonica generalizzata.

Sebbene la causa principale delle crisi atoniche non sia completamente compresa, sappiamo che possono iniziare in una parte del cervello o colpire entrambi i lati del cervello. Se è interessata solo una parte del cervello, si parla di crisi atonica motoria focale. Se entrambe le parti sono colpite, si parla di crisi atonica ad esordio generalizzato.

Le crisi atoniche hanno maggiori probabilità di iniziare durante l’infanzia e sono spesso associate a sindromi come la sindrome di Lennox-Gastaut e la sindrome di Dravet.

Una persona che soffre di crisi toniche o atoniche potrebbe non ricevere molti avvertimenti in anticipo sull’arrivo di una crisi. Spesso, la preoccupazione più grande è che la persona cada e si faccia male alla testa mentre afferra.

Crisi toniche e atoniche: sintomi

I segnali fisici saranno il segno più importante che qualcuno sta vivendo un attacco.

Con le crisi toniche, una persona potrebbe improvvisamente irrigidirsi e quindi sperimentare movimenti energici. Subito dopo la fine della crisi, la persona potrebbe essere esausta e confusa. Se la persona si sveglia poco dopo e non è ferita, non è necessario il primo soccorso immediato.

Tuttavia, se è la prima volta che qualcuno sperimenta un attacco, dovrebbe cercare una valutazione medica, anche se in seguito si sente bene.

Per le crisi atoniche, i sintomi saranno leggermente diversi. Con questi eventi, una persona potrebbe indebolirsi. Altri segni includono:

  • palpebra cadente
  • testa che cade in avanti
  • potrebbe far cadere degli oggetti

Dopo una crisi atonica, la persona può essere completamente lucida o confusa. Inoltre, potrebbero essere in grado di riprendere le normali attività entro pochi minuti, anche se alcune persone potrebbero aver bisogno di riposo.

In entrambe le crisi, la preoccupazione più grande è che possano cadere e battere la testa. In entrambi i casi, le crisi sono generalmente brevi e non durano più di 15-20 secondi.

È stato utile?

Crisi toniche e atoniche: opzioni di trattamento

Ci sono varietà di metodi di trattamento sia per le crisi toniche che atoniche.

Detto questo, le persone che soffrono di crisi atoniche possono richiedere farmaci più specializzati che mirano alle specifiche condizioni sottostanti che contribuiscono a svilupparle, come la sindrome di Lennox-Gastaut.

Le persone con crisi atoniche possono anche ottenere un sollievo migliore attraverso determinate diete. Le opzioni più note includono la dieta chetogenica, una dieta Atkins modificata e una dieta a basso indice glicemico, tutte collegate alla gestione della frequenza delle crisi.

I cambiamenti nella dieta potrebbero non funzionare per tutti, quindi è importante consultare il medico prima di apportare modifiche alle proprie abitudini alimentari.

Inoltre, poiché molte persone affette da epilessia spesso sperimentano un sonno scarso – un noto fattore scatenante degli episodi – trattando questo problema può anche aiutare a ridurre la frequenza delle crisi.

In alcuni casi, qualcuno che soffre di crisi atoniche può richiedere la stimolazione del nervo vago da un dispositivo di impianto neurale o anche un intervento chirurgico noto come callosotomia per trattare la sua condizione.

Il trattamento chirurgico è solitamente riservato alle persone che hanno provato più farmaci per gestire le crisi epilettiche con scarso o nessun successo.

In definitiva, il giusto piano di trattamento dipenderà dal fatto che qualcuno stia vivendo convulsioni in entrambi i lati o in un’area del cervello, nonché da eventuali condizioni sottostanti che potrebbero contribuire a ciò.

Scopri di più sulla differenza tra epilessia e convulsioni qui.

Porta via

Sia le crisi toniche che quelle atoniche possono verificarsi con poco o nessun preavviso, e le crisi toniche sono più comuni mentre una persona dorme.

Mentre entrambe le crisi possono provocare cadute a causa della perdita di controllo muscolare, le crisi atoniche sono caratterizzate da una mancanza di tono muscolare mentre le crisi toniche sono classificate come rigidità muscolare estrema.

Entrambe le forme possono richiedere un piano di trattamento sfumato che tenga conto delle condizioni mediche sottostanti e potenzialmente di apportare modifiche alla dieta e allo stile di vita per ridurre la frequenza delle crisi future.