Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Pensiero concreto: blocco di costruzione, ostacolo o entrambi?

Pensiero concreto: blocco di costruzione, ostacolo o entrambi?

0
60

Immagina: un'aula di scuola media rumorosa in cui un insegnante ha appena dato le istruzioni: "Tutti saltano e cambiano posto con il vicino".

La maggior parte degli studenti si alza, si sposta in un altro posto e si siede di nuovo. Ma un bambino sta davvero saltando. In realtà prenderà la sedia del suo vicino. Quel ragazzo potrebbe essere il clown di classe, ma potrebbe anche essere un pensatore concreto. Prende alla lettera le istruzioni dell'insegnante.

Il pensiero concreto è un ragionamento basato su ciò che puoi vedere, ascoltare, sentire ed esperienza nel qui e ora. A volte viene chiamato pensiero letterale, perché è il ragionamento che si concentra su oggetti fisici, esperienze immediate e interpretazioni esatte.

Pensiero concreto vs. astratto

Il pensiero concreto è talvolta descritto in termini di opposto: il pensiero astratto. Questa è la capacità di considerare concetti, fare generalizzazioni e pensare filosoficamente.

Il pensiero concreto è un primo passo necessario per comprendere le idee astratte. In primo luogo, osserviamo e consideriamo ciò che le nostre esperienze ci dicono e quindi possiamo generalizzare.

Pensiero concreto nelle diverse fasi della vita

Prima infanzia

Tutte le persone sperimentano un pensiero concreto. Secondo il noto psicologo Jean Piaget, neonati e bambini piccoli attraversano fasi prevedibili dello sviluppo cognitivo durante le quali passano gradualmente dal pensiero concreto a quello astratto.

Fin dai primi momenti, i bambini osservano costantemente i loro ambienti, imparando principalmente attraverso i loro cinque sensi.

Man mano che crescono, imparano che possono interagire con oggetti e persone, ottenendo risultati prevedibili: agita il sonaglio e si verifica un rumore. Lancia il cucchiaio sul pavimento e qualcuno lo raccoglie.

In questa fase iniziale dello sviluppo – dalla nascita all'età di circa 2 anni – neonati e bambini piccoli pensano in termini di ciò che possono osservare.

Ai bambini manca la permanenza degli oggetti: l'idea che un oggetto continui a esistere anche se non possiamo vederlo o ascoltarlo. Se la palla cade dietro il divano, verso un neonato o un bambino piccolo, lo è andato.

Man mano che i bambini maturano, iniziano a pensare simbolicamente. Un segnale manuale rappresenta l'idea di "più" o "latte". Imparano ad esprimere i loro desideri con le parole, che sono udibili simboli del pensiero.

A poco a poco, dall'età di 2 a 7 anni, iniziano a sviluppare la capacità di ragionare e prevedere.

Anni di scuola elementare

Da circa 7 anni fino a circa 11 anni, i bambini si affidano ancora fortemente al pensiero concreto, ma la loro capacità di capire perché gli altri agiscono nel modo in cui si espande. Gli psicologi infantili pensano che questa fase sia l'inizio del pensiero astratto.

Dall'età di 12 anni fino all'adolescenza, i bambini sviluppano gradualmente la capacità di analizzare, estrapolare, generalizzare ed empatizzare.

Adolescenza e età adulta

Man mano che maturiamo, acquisiamo esperienza. Siamo sempre più in grado di generalizzare sulle cose che abbiamo visto e ascoltato. Usiamo le nostre esperienze e osservazioni personali concrete per formulare ipotesi, per prevedere, considerare alternative e pianificare.

È a questo punto che la maggior parte delle persone diventa abile nel dedurre ciò che gli altri penseranno e sentiranno in una determinata situazione.

Condizioni che possono prevenire o ritardare il pensiero astratto

Alcune condizioni possono causare ritardi nello sviluppo del pensiero astratto. Le persone con queste condizioni possono fare affidamento sul pensiero concreto, limitando la loro capacità di pensare in modo astratto e forse influenzando il modo in cui socializzano. Alcune di queste condizioni includono:

  • disturbo dello spettro autistico
  • schizofrenia
  • demenza
  • trauma cranico, sia traumatico che medico

  • disabilità intellettuale

Alcuni studi hanno scoperto che alcune forme di pensiero astratto – quelle relative alla comprensione di metafore e altri tipi di linguaggio figurativo – potrebbero essere più difficili negli studenti con sindrome di Klinefelter, alcune disabilità intellettive e disturbi dello spettro autistico.

Questi studi non hanno rilevato o sottintendono che l'intelligenza fosse inferiore, ma solo che queste particolari abilità di ragionamento astratto rappresentavano una sfida.

Rischi di pensiero troppo concreto

Le persone il cui pensiero è molto concreto possono trovare alcune situazioni o compiti più difficili di conseguenza. Questi potrebbero includere:

  • Empatia. La capacità di comprendere ciò che gli altri sentono e di cui hanno bisogno richiede di essere in grado di guardare e interpretare espressioni facciali, linguaggio del corpo, parole, toni e comportamenti in un contesto sociale. Alcune persone che pensano concretamente potrebbero non leggere con precisione questi segnali sociali.
  • Creatività. I pensatori concreti possono avere difficoltà a risolvere i problemi o a creare cose in quanto potrebbero essere richiesti il ​​pensiero astratto e l'immaginazione.
  • Flessibilità. I pensatori concreti a volte si attengono a interpretazioni letterali e comportamenti rigidi, e questa mancanza di flessibilità può causare qualche conflitto con altre persone.

Come comunicare con un pensatore concreto

Se qualcuno nella tua vita ha una condizione che li rende inclini a pensare concretamente, puoi comunicare in modo più efficace con questi suggerimenti:

  • Evita i modi di dire, le metafore e le analogie. Una persona che pensa concretamente, ad esempio, potrebbe non comprendere espressioni come "la palla è nel tuo campo" o "non mettere tutte le uova nello stesso paniere".
  • Essere il più specifici possibile. È meglio dire: "Questo deve essere completato entro le 17:00. mercoledì "che dire" ho bisogno di questo al più presto ".
  • Usa fotografie o illustrazioni. Questi oggetti letterali possono aiutarti a spiegare.
  • Limita battute e sarcasmo. Queste forme di comunicazione possono essere difficili da spiegare perché spesso si basano su idee astratte e giocano sulle parole.
  • Anticipare le differenze nella capacità di confrontare, classificare e contrastare. Un pensatore concreto potrebbe raggruppare le cose in modi concreti: guardando le foto di una carriola, un rastrello e una zappa, un pensatore concreto potrebbe indicare una caratteristica condivisa invece di descrivere la funzione generale, "Hanno tutti maniglie di legno", piuttosto di "Puoi usarli tutti in giardino".

I vantaggi del pensiero concreto

I ricercatori hanno scoperto che addestrare le persone a pensare concretamente può effettivamente aiutare in alcune situazioni.

Per esempio, uno studio ha dimostrato che i primi soccorritori e altri i cui lavori comportano un'esposizione ripetuta al trauma hanno meno ricordi invadenti quando sono addestrati a usare il pensiero concreto durante eventi traumatici.

Durante un trauma, la tua capacità di far fronte può essere migliorata se sei stato addestrato a riflettere su ciò che sta realmente accadendo, a esaminare le cause concrete e a ripetere i passaggi che devi compiere per risolvere il problema o uscire dal pericolo.

Dopo un trauma, è stato dimostrato che pensare concretamente a queste stesse cose aiuta le persone a costruire la resilienza e ridurre il numero di ricordi invadenti.

In uno studio del 2011, alle persone depresse è stato chiesto di pensare a un recente evento sconvolgente. I ricercatori hanno incaricato i partecipanti allo studio di suddividere l'evento in dettagli concreti e considerare come questi dettagli hanno influenzato il risultato.

I partecipanti che hanno utilizzato questa strategia di pensiero concreto hanno successivamente ridotto i sintomi della depressione. I ricercatori hanno concluso che la formazione sul pensiero concreto ha contribuito a contrastare la tendenza depressiva a ruminare, preoccuparsi e giungere a conclusioni malsane e inaccurate.

Esercizi per migliorare il tuo pensiero concreto

Se ritieni che un pensiero più concreto possa aiutarti a rimuginare e a preoccuparti di meno, parla con un terapista degli esercizi che potresti fare per rafforzare le tue capacità di pensiero concreto.

Il terapeuta potrebbe collaborare con voi per sviluppare un processo passo-passo per esaminare i segnali di avvertimento, i dettagli sensoriali, le decisioni e le azioni specifiche che hanno avuto luogo durante un evento negativo.

Analizzando i dettagli concreti, puoi scoprire le opportunità per cambiare il risultato di eventi futuri. Di fronte a circostanze simili, è possibile attivare il processo di pensiero concreto per gestire meglio l'evento.

Il pensiero concreto può:

  • aiutarti a elaborare e imparare da esperienze traumatiche
  • ridurre i sintomi della depressione impedendoti di ipergeneralizzare

Il pensiero concreto può anche:

  • impedirti di comprendere alcune forme di comunicazione, come umorismo, ironia, modi di dire e linguaggio figurativo
  • limitare la tua capacità di entrare in empatia con gli altri

La linea di fondo

Il pensiero concreto è un tipo di ragionamento che si basa fortemente su ciò che osserviamo nel mondo fisico che ci circonda. A volte viene chiamato pensiero letterale.

I bambini piccoli pensano concretamente, ma quando maturano, di solito sviluppano la capacità di pensare in modo più astratto.

Pensare concretamente è uno dei tratti distintivi del disturbo dello spettro autistico, della demenza, della schizofrenia, delle lesioni cerebrali e di alcune disabilità intellettive.

Le persone il cui pensiero è solo concreto possono avere alcune difficoltà nelle situazioni sociali, ma il ragionamento concreto ha alcuni vantaggi. Potrebbe effettivamente aiutare alcune persone a far fronte a depressione e traumi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here