“Passate, andate”, dice Lukashenko ai richiedenti asilo vicino al confine dell’UE

0
24

Il leader bielorusso fa la sua prima apparizione pubblica vicino al confine caotico da quando è scoppiata la crisi.

Il 26 novembre 2021 il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko visita un centro per richiedenti asilo e rifugiati che tentano di entrare nell’UE, vicino al confine di Bruzgi, al confine tra Bielorussia e Polonia. [Maxim Guchek/BELTA/AFP/ Belarus OUT]

Senza una fine in vista per la crisi durata settimane alla frontiera orientale dell’Unione Europea, il leader bielorusso Alexander Lukashenko ha detto agli speranzosi richiedenti asilo che il suo paese non avrebbe impedito loro di tentare di attraversare il blocco.

Rivolgendosi a un gruppo venerdì, la sua prima apparizione pubblica al confine dall’inizio della crisi, Lukashenko ha incontrato richiedenti asilo e rifugiati in un magazzino trasformato in un rifugio e ha detto loro che erano liberi di andare a ovest o tornare a casa come volevano.

Un’adolescente irachena ha detto a Lukashenko che non poteva tornare a casa e sperava di proseguire per l’Europa.

“Non solo speriamo”, ha risposto Lukashenko. “Lavoreremo insieme al tuo sogno.”

Lukashenko ha detto che nessuno sarebbe stato costretto.

“Se vuoi andare verso ovest, non ti tratteremo, ti soffocheremo, non ti picchieremo”, ha detto mentre centinaia di persone applaudivano. “Tocca a voi. Vai oltre. Andare.”

Ha aggiunto: “Non ti tratteremo in nessuna circostanza, ti legheremo le mani e ti caricheremo sugli aerei per rimandarti a casa se non lo desideri”.

Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko visita un centro per richiedenti asilo e rifugiati vicino al confine di Bruzgi, al confine tra Bielorussia e Polonia [Maxim Guchek/Belta/AFP]

Migliaia di rifugiati e richiedenti asilo sono bloccati tra Bielorussia e Polonia, in quella che l’UE ha definito una crisi che Minsk ha progettato distribuendo visti bielorussi in Medio Oriente, facendoli volare e spingendoli oltre il confine.

Lukashenko ha affermato che è stata l’UE a provocare deliberatamente una crisi umanitaria che doveva essere risolta.

Venerdì ha detto ai richiedenti asilo che non avrebbe giocato alla politica con il loro destino.

“Guerra ibrida”

La Polonia e altre nazioni dell’UE hanno sostenuto che la crisi fa parte di una “guerra ibrida” che Minsk sta conducendo in rappresaglia per le sanzioni dell’UE imposte in risposta alla repressione delle proteste di Lukashenko contro la sua contestata rielezione lo scorso anno ed è progettata per destabilizzare il blocco.

L’UE ha concordato nuove sanzioni in risposta alla crisi dei confini, che secondo i diplomatici a Bruxelles dovrebbero essere approvate e adottate all’inizio di dicembre.

Lettonia, Lituania e Polonia hanno schierato migliaia di guardie di frontiera, soldati e polizia per sigillare il confine e respingere le persone che tentano di attraversare dalla Bielorussia.

Venerdì, la Lituania ha dichiarato che potrebbe chiudere i suoi valichi di frontiera se altri tentassero di attraversare la Bielorussia con i camion.

La Bielorussia ha iniziato a far volare a casa alcune persone.

Venerdì, due aerei hanno riportato centinaia di iracheni dalla Bielorussia a Erbil, capitale della regione autonoma curda dell’Iraq.

Altri due voli erano previsti il ​​26 e 27 novembre, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa TASS.

Varsavia ha affermato che il rimpatrio di rifugiati e richiedenti asilo ha segnato un cambio di tattica piuttosto che un autentico tentativo di distensione e il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, in visita nelle capitali europee questa settimana per raccogliere sostegno per una risposta dura, ha aumentato la possibilità di ulteriori sanzioni in caso di escalation della crisi.

Polonia e Lituania hanno continuato a segnalare tentativi di attraversamento da parte di persone sempre più disperate con l’inizio delle condizioni invernali. Le autorità polacche hanno anche riferito di disordini in uno dei centri di detenzione allestiti per rifugiati e richiedenti asilo che si sono fatti strada nel paese.

La questione ha esacerbato il conflitto tra la Russia, che è il principale sostenitore della Bielorussia, e l’UE, i cui legami sono ai minimi post-guerra fredda dall’annessione della Crimea da parte di Mosca dall’Ucraina nel 2014.

Il presidente russo Vladimir Putin, che ha aiutato Lukashenko a superare le proteste di piazza di massa dopo le elezioni dello scorso anno, ha anche sostenuto Minsk nel suo più recente scontro con l’UE.

Nel frattempo, crescono i timori umanitari, con la morte segnalata di almeno una dozzina di rifugiati e richiedenti asilo nelle ultime settimane. Il numero reale di vittime è ampiamente riconosciuto come più alto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here