Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Panoramica sull’ipotiroidismo postprocedurale

Panoramica sull’ipotiroidismo postprocedurale

0
30

L’ipotiroidismo postprocedurale si verifica quando la tiroide non produce abbastanza ormoni tiroidei a seguito di una procedura medica, come un intervento chirurgico per rimuovere tutta o parte della ghiandola tiroidea.

L’ipotiroidismo postprocedurale è noto anche come ipotiroidismo postoperatorio.

Le procedure per rimuovere la ghiandola tiroidea trattano condizioni come gozzo, noduli tiroidei o cancro alla tiroide.

L’ipotiroidismo che si sviluppa dopo una procedura medica è curabile con la terapia sostitutiva dell’ormone tiroideo. Rivediamo i sintomi, le cause, la diagnosi e il trattamento dell’ipotiroidismo postprocedurale.

Quali sono i sintomi dell’ipotiroidismo postprocedurale?

La tiroide è una piccola ghiandola che si trova davanti alla trachea. Rilascia ormoni che aiutano il tuo corpo a utilizzare l’energia.

È possibile sviluppare problemi alla ghiandola tiroidea, anche quando produce troppo ormone (ipertiroidismo) o non abbastanza (ipotiroidismo). Puoi anche sviluppare cancro o noduli sulla ghiandola tiroidea.

I sintomi dell’ipotiroidismo postprocedurale sono gli stessi dell’ipotiroidismo tradizionale. Questi includono:

  • affaticamento (bassa energia)
  • aumento di peso
  • stipsi
  • sentire freddo
  • frequenza cardiaca più lenta
  • debolezza muscolare
  • dolore e rigidità alle articolazioni
  • pelle secca
  • depressione

Quali sono le cause dell’ipotiroidismo postprocedurale?

Per trattare alcuni problemi della tiroide, il medico può raccomandare una procedura medica per rimuovere o distruggere tutta o parte della ghiandola tiroidea.

Le procedure mediche per il trattamento dei problemi della tiroide includono:

  • rimozione completa della ghiandola tiroidea (tiroidectomia)
  • asportazione parziale della ghiandola tiroidea (emitiroidectomia o lobectomia)
  • ablazione della tiroide con iodio radioattivo

L’ipotiroidismo postprocedurale si verifica sempre dopo la tiroidectomia poiché la tiroide è l’unico organo in grado di produrre ormoni tiroidei.

L’ipotiroidismo postprocedurale può verificarsi dopo emitiroidectomia o ablazione della tiroide. In questi casi, l’ipotiroidismo può essere temporaneo o permanente. L’ipotiroidismo può svilupparsi mesi o anni dopo l’emitiroidectomia.

In uno studio del 2017 su 335 persone trattate con rimozione parziale della ghiandola tiroidea, circa il 64% delle persone ha manifestato ipotiroidismo postprocedurale. Per circa il 34% delle persone coinvolte nello studio, l’ipotiroidismo era temporaneo e si risolveva spontaneamente.

Maggiore è la quantità di tessuto tiroideo rimosso, maggiore è la probabilità che si sviluppi un ipotiroidismo postprocedurale.

Potenziali complicanze dell’ipotiroidismo postprocedurale

Gli ormoni tiroidei influenzano quasi ogni funzione del corpo. Se non trattato, l’ipotiroidismo postprocedurale può causare gravi complicazioni con:

  • temperatura corporea
  • peso
  • la salute del cuore
  • salute dei reni
  • debolezza muscolare
  • fertilità

L’ipotiroidismo grave può portare a una condizione pericolosa per la vita chiamata crisi di mixedema. I sintomi della crisi di mixedema includono:

  • bassa temperatura corporea (ipotermia)
  • ipertensione
  • frequenza cardiaca bassa
  • diminuzione della respirazione
  • shock
  • rigonfiamento
  • coma
  • convulsioni

Come viene diagnosticato l’ipotiroidismo postprocedurale?

Dopo l’intervento chirurgico o l’ablazione della tiroide, il medico monitorerà regolarmente i livelli di ormone tiroideo.

La diagnosi di ipotiroidismo viene eseguita con esami del sangue che misurano i livelli dell’ormone stimolante la tiroide (TSH) e della tiroxina (T4). Un livello elevato di TSH e un livello basso di T4 potrebbero significare che soffri di ipotiroidismo.

Quando richiedere assistenza medica

Il medico monitorerà i livelli della tiroide dopo una procedura tiroidea. È importante non mancare agli appuntamenti di follow-up per assicurarsi che i livelli di ormone tiroideo rientrino nell’intervallo tipico.

Se hai subito di recente un intervento chirurgico alla tiroide o un’ablazione radioattiva e inizi a notare sintomi di ipotiroidismo, come affaticamento e aumento di peso, parla con il tuo medico della possibilità di sottoporti al test per l’ipotiroidismo.

Trattamento postprocedurale dell’ipotiroidismo

L’ipotiroidismo è una condizione permanente dopo la tiroidectomia. Il trattamento prevede l’assunzione di un ormone sintetico chiamato levotiroxina (Levoxyl, Synthroid). Se hai subito una tiroidectomia, inizierai a prendere il farmaco il giorno dopo l’intervento.

Potrebbero essere necessarie diverse settimane per iniziare a sentirsi meglio. Tu e il tuo medico lavorerete insieme per capire la migliore dose del farmaco che affronta i vostri sintomi.

Dopo la tiroidectomia, dovrai assumere questo farmaco per il resto della tua vita. Il medico monitorerà regolarmente i livelli di TSH e adeguerà la dose del farmaco secondo necessità.

Alcuni, ma non tutti, i casi di ipotiroidismo postprocedurale causati da emitiroidectomia o ablazione della tiroide sono temporanei e possono scomparire spontaneamente nel tempo. Nel frattempo dovrai prendere la levotiroxina.

L’ipotiroidismo postprocedurale è prevenibile?

Non è sempre possibile prevenire l’ipotiroidismo postprocedurale.

Tuttavia, sottoporsi al test per l’ipotiroidismo dopo l’intervento chirurgico alla tiroide e assumere tutti i farmaci prescritti può aiutare a prevenire sintomi e complicanze.

Vivere con l’ipotiroidismo postprocedurale

Una volta che i farmaci ripristinano i livelli ormonali, è probabile che i sintomi dell’ipotiroidismo postprocedurale scompaiano o almeno diventino più gestibili.

Se soffri di ipotiroidismo postprocedurale, ciò non influirà sulla qualità della tua vita, ma dovrai assumere il farmaco per la tiroide in modo permanente.

Porta via

L’ipotiroidismo postprocedurale si verifica dopo procedure mediche per rimuovere parte dell’intera tiroide. Puoi gestirlo con i farmaci. Se stai subendo un intervento chirurgico alla tiroide, parla con il tuo medico del rischio di ipotiroidismo postprocedurale.

Dopo la procedura, è importante consultare il medico per tutti i test di laboratorio consigliati per garantire che i livelli della tiroide rientrino nell’intervallo tipico.