“Non ho più un paese”: è improbabile che i russi pacifisti fuggiti ritornino

0
19

Enormi ondate di russi se ne andarono dopo l’inizio della guerra in Ucraina. Molti provano ancora un senso di colpa per il conflitto.

Un pedone cammina davanti a un graffito anti-russo in una strada a Tbilisi, in Georgia
Un pedone cammina davanti a un graffito anti-russo in una strada a Tbilisi, in Georgia [File: Irakli Gedenidze/Reuters]

Evgeniy Kosgorov, 38 anni di Krasnodar, ha lasciato la Russia nel giugno 2022 con la moglie e un figlio di un mese in braccio.

Dopo l’invasione dell’Ucraina, ha visto la sua patria come uno stato malvagio destinato a seguire il percorso della Germania nazista, un paese senza futuro e con cui non voleva avere niente a che fare.

Ma anche a Tbilisi, capitale della Georgia e sua casa adottiva, la Russia continuava a perseguitarlo. Il suo passaporto e la sua lingua lo identificano come cittadino di uno stato aggressore, qualcuno che ha preferito andarsene piuttosto che affrontare il governo. È stato anche visto come qualcuno che non ha reagito quando la Russia stava diventando il paese che è adesso.

“Capisco perfettamente l’odio generale per i russi e per tutto ciò che è russo. Lo accetto e lo capisco perché quello che sta facendo la Russia è sbagliato”, ha detto Kosgorov ad Al Jazeera. “Ogni volta che voglio dire che è difficile per i russi che se ne sono andati, qualcosa dentro di me protesta, perché gli ucraini hanno più difficoltà di noi.”

Secondo le stime, fino a un milione dei circa 144 milioni di russi hanno lasciato il Paese nel 2022 e nel 2023, in quella che è stata la più grande fuga di cervelli dal crollo dell’Unione Sovietica.

In un nuovo studio, basato su diverse serie di interviste con quasi 10.000 esuli politici russi, i ricercatori russi Ivetta Sergeeva ed Emil Kamalov hanno scoperto che il 49% degli intervistati si sentiva fortemente in colpa per la guerra, mentre il 59% si sentiva fortemente responsabile per essa.

Come suggerisce la ricerca, la maggior parte dei russi se ne andò a causa della sua opposizione alla guerra in Ucraina e delle narrazioni sempre presenti che dipingevano la Russia come un paese nobile in lotta contro i “fascisti” ucraini. Si aspettavano inoltre ulteriori iniziative di mobilitazione dell’esercito, ulteriori repressioni interne e una potenziale crisi economica.

La ricerca è stata condotta a ondate, nel marzo 2022, settembre 2022 e nel maggio-luglio 2023. Il dipartimento di scienze politiche e sociali dell’Istituto universitario europeo di Firenze ha finanziato il lavoro preliminare.

“Non ho più un paese”

Molti hanno deciso di stabilirsi nei paesi dell’ex blocco sovietico, che continuano ad avere normative favorevoli per la vita e il lavoro dei russi. Paesi come Georgia, Armenia e Kazakistan hanno già avvertito gli effetti economici e demografici dell’afflusso massiccio di russi, compreso l’aumento dei prezzi. A molti locali ha riportato alla mente anche i ricordi del passato coloniale della Russia.

Ma come suggerisce lo studio, fuggire dalla Russia non è bastato per sfuggire alla sua lunga ombra, come ha scoperto Kosgorov.

Dopo alcuni mesi a Tbilisi, apre UGallery, un bar con spazio artistico dove ospita mostre a tema contro la guerra e organizza raccolte fondi per l’Ucraina. Ma ha lottato per trovare la pace.

Opera d'arte
Un dipinto dell’artista russo residente in Georgia Alex Garikovich, esposto in una mostra nella UGallery di Evgeniy Kosgorov nell’ottobre 2023 [Courtesy: Evgeniy Kosgorov]

“Non ho più un paese, non ho più una patria”, ha detto Kosgorov. “Questa è una cosa banale, semplice. Ma quello che voglio è sentire la terra sotto i piedi e capire cosa porterà il domani”.

Dona i suoi ricavi alle ONG che sostengono i rifugiati ucraini e ha raccolto una vasta comunità di persone che la pensano allo stesso modo, ma sa che non tutti in Georgia accolgono gli arrivi russi; messaggi anti-russi possono essere trovati incisi sui muri di Tbilisi.

Ma Kosgorov non si lamenta, perché non si sente in diritto di farlo. Riconosce, tuttavia, che alcune delle critiche che gli esuli russi ricevono all’estero sono infondate.

Uno degli argomenti che sente spesso è che tutti dovrebbero tornare a casa e detronizzare il presidente Vladimir Putin con una rivoluzione di massa.

“Se si guarda alla storia, le proteste pacifiche raramente hanno fatto crollare le autocrazie, al contrario dei colpi di stato militari. Putin non scomparirà per il semplice fatto che tutti questi migranti partiti ritorneranno in Russia e insceneranno una protesta. La Russia avrebbe semplicemente più prigionieri politici”, ha detto Kosgorov.

Anche Sergey, un quarantenne di Mosca che ha chiesto di non rivelare il suo nome completo, a volte si sente in colpa e senza speranza. Ha lasciato la Russia nell’ottobre del 2022 con l’aiuto dei suoi amici, che gli hanno prestato i soldi per un biglietto aereo per Yerevan, la capitale dell’Armenia.

“Sicuramente sento la responsabilità personale per quello che sta succedendo. La Russia si è trasformata in una macchina per distruggere la vita delle persone. Sia all’estero che all’interno del paese”, ha detto Sergey. “E questo non è accaduto dall’oggi al domani, il 24 febbraio [2022].”

È riuscito a mantenere il suo lavoro e ora lavora a distanza da Yerevan pur sentendo che nulla nella sua vita è certo. Ciò che lo aiuta ad affrontare il suo stato emotivo è scrivere lettere ai prigionieri politici russi che conosceva a Mosca.

“Ci sono persone che stanno peggio di me, che sono state incarcerate ingiustamente sulla base di accuse inventate”, ha detto. “Sono tutti depressi. Non so quanti esuli russi prendano antidepressivi, ma io sì. C’è la consapevolezza che non ci sono prospettive chiare per noi e che dobbiamo prendere ogni giorno come viene”.

Secondo Margarita Zavadskaya, una politologa residente in Finlandia che studia gli esuli politici russi, l’ultima ondata migratoria dalla Russia differisce dai casi precedenti in quanto è più politicizzata. Le persone si fidano di più le une delle altre e formano comunità più forti, non hanno paura di parlare apertamente e si impegnano nell’attivismo, ha detto, il che le aiuta a riconquistare la dignità e uno scopo.

“Le persone si sentono depresse. Provano senso di colpa, vergogna, a volte rabbia. E stanno cercando di ritrovare se stessi e di reinventarsi nelle nuove circostanze”, ha detto ad Al Jazeera. “L’ironia della situazione è che il senso di colpa è di coloro che sono contro il regime e comprendono la portata della tragedia”.

A differenza delle precedenti ondate migratorie, i nuovi esuli volontari sono anche più privilegiati, se non finanziariamente, quando si tratta delle risorse che hanno a disposizione: conoscenza, istruzione e creatività. Possono sopravvivere e prosperare fuori dalla Russia, ha detto, ed è improbabile che tornino a casa.

Alla domanda se vorrebbero tornare in Russia, sia Evgeniy Kosgorov che Sergey hanno avuto il tempo di rispondere. Le loro risposte erano simili. Potrebbero tornare un giorno, quando la guerra sarà finita, se e quando la Russia pagherà i risarcimenti all’Ucraina e quando l’amministrazione Putin se ne sarà andata. Nessuno dei due crede che nessuno di questi eventi accadrà nel prossimo futuro.

La gente passa davanti a un graffito anti-russo dipinto su una barriera di costruzione in una strada a Tbilisi, Georgia, 15 febbraio 2023. REUTERS/Irakli Gedenidze
La gente passa davanti a un graffito anti-russo dipinto su una barriera di costruzione in una strada a Tbilisi, Georgia, [File: Irakli Gedenidze/Reuters]