Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Non chiedere ai disabili "Cosa ti è successo?", Chiedici invece

Non chiedere ai disabili "Cosa ti è successo?", Chiedici invece

0
58

Un giovedì sera, il mio professore di pubblicità del libro di scuola di specializzazione e io ci siamo incontrati in un bar per parlare dei prossimi compiti e della vita dopo la scuola di specializzazione. Successivamente, ci siamo diretti in classe.

Salimmo insieme in un ascensore per raggiungere il secondo piano. Un'altra persona è salita sull'ascensore con noi. Diede un'occhiata alla mia canna di lavanda e chiese: "Che cosa è successo?"

Ho mormorato qualcosa sul fatto che ho una disabilità chiamata sindrome di Ehlers-Danlos e il mio professore è saltato dentro: "Non è una canna così carina? Adoro davvero il colore ". Poi ha cambiato argomento rapidamente e abbiamo parlato di come dovrei valutare i pacchetti di benefit quando decido di un'offerta di lavoro.

Quando uso la canna, ricevo sempre domande del genere. Un pomeriggio in una linea di checkout Target, era "Ti sei rotto il dito del piede?" Che pensavo fosse una domanda stranamente specifica considerando che non avevo stampelle o un cast.

Un'altra volta è stato, "A cosa serve quella cosa?"

Le persone con disabilità sono spesso viste prima di tutto dalle nostre disabilità, specialmente se sono visibili.

La sostenitrice della disabilità e fondatrice di Diverse Matters, Yasmin Sheikh, spiega che prima di iniziare a usare una sedia a rotelle, le persone le chiedevano cosa faceva per lavoro. "Le persone ora mi chiedono:" Lavori? "

"Come ti sentiresti se le persone (scegliessero) ti spingessero in giro senza chiedere, parlare per tuo conto o parlare con il tuo amico invece di te?" Chiede.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, circa il 15 percento delle persone in tutto il mondo avere una disabilità.

La disabilità è il più grande gruppo di minoranza, ma spesso non siamo riconosciuti come uno – non siamo inclusi in molte definizioni di diversità anche se portiamo cultura e prospettiva della disabilità in ogni comunità di cui facciamo parte.

"Quando parliamo di diversità, la disabilità viene raramente menzionata", afferma Yasmin. "È come se le persone con disabilità facessero parte di un (a) gruppo distinto di persone (che fanno) parte del mainstream e quindi non completamente compreso nella società".

Invece di chiedere alle persone disabili cosa ci è successo, le persone non disabili devono chiedersi: perché mi sto concentrando sulla disabilità di questa persona anziché sul quadro completo di chi sono?

La maggior parte dei media con cui interagiamo include persone disabili che ritraggono la disabilità solo in una luce limitante. "Beauty and the Beast", che è una storia a cui molti bambini vengono introdotti in giovane età, parla di come un arrogante principe viene maledetto per apparire come una bestia fino a quando qualcuno non si innamora di lui.

“Quale messaggio invia?” Chiede Yasmin. "Che se hai una sorta di deturpazione facciale, questo è associato alla punizione e al cattivo comportamento?"

Molte rappresentazioni mediatiche di altre disabilità sono impregnate di stereotipi e miti, che lanciano le persone disabili come cattivi o come oggetti di pietà. Tutta la storia dei personaggi disabili ruota attorno alla loro disabilità, come Will, il protagonista di "Me Before You" che preferirebbe porre fine alla sua vita piuttosto che vivere come un quadriplegico che usa una sedia a rotelle.

I film dei nostri giorni "tendono a considerare le persone disabili come oggetti di pietà e la loro disabilità consuma tutto", afferma Yasmin. La gente potrebbe spazzare via queste critiche, dicendo che questa è Hollywood e tutti sanno che questi film non sono una rappresentazione accurata della vita reale.

"Credo che questi messaggi piantino semi nelle nostre menti subconsce e coscienti", afferma. "Le mie interazioni con estranei riguardano in gran parte la sedia."

Fa alcuni esempi: hai una licenza per quella cosa? Non correre sulle dita dei piedi! Hai bisogno di aiuto? Stai bene?

Il problema potrebbe iniziare con il modo in cui i media descrivono la disabilità, ma tutti abbiamo la possibilità di riformulare il nostro pensiero. Possiamo cambiare il modo in cui vediamo la disabilità e quindi sostenere una rappresentazione dei media più accurata ed educare le persone che ci circondano.

Invece di chiederci della nostra disabilità e supporre che la nostra disabilità sia la cosa più importante su di noi, cerca le somiglianze. Trova una connessione tra noi due.

Chiedici le stesse cose che potresti chiedere a una persona non disabile: se si tratta di uno scambio insipido in un ascensore sul tempo o di un'interazione più personale a un evento di networking.

Non dare per scontato che non abbiamo nulla in comune solo perché sono disabilitato e tu non lo sei, o che non ho una vita piena al di fuori di essere un utente di canna.

Non chiedermi cosa mi è successo o perché ho il mio bastone.

Chiedimi dove ho preso il vestito che indosso con i libri arcobaleno dappertutto. Chiedimi quali altri colori mi sono tinto i capelli. Chiedimi cosa sto leggendo al momento. Chiedimi dove vivo. Chiedimi dei miei gatti (per favore, muoio dalla voglia di parlare di quanto siano carini). Chiedimi come è stata la mia giornata.

Le persone disabili sono proprio come te – e abbiamo così tanto da offrire.

Invece di guardare solo a come siamo diversi, connettiti con noi e scopri tutte le cose interessanti che abbiamo in comune.


Alaina Leary è redattrice, responsabile dei social media e scrittrice di Boston, nel Massachusetts. Attualmente è assistente alla redazione di Equally Wed Magazine e redattore di social media per il non profit We Need Diverse Books.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here