Netanyahu accusa l'ICC dell'antisemitismo nel perseguimento di sondaggi per crimini di guerra

0
59

GERUSALEMME – Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha accusato domenica il Tribunale penale internazionale di antisemitismo per il piano del suo procuratore capo di perseguire un'indagine per crimini di guerra nei territori palestinesi.

Il leader di destra, che sta combattendo per la sua vita politica nelle elezioni di marzo, ha fatto l'accusa con il sacro muro occidentale del giudaismo come sfondo durante una cerimonia a lume di candela che segna l'inizio della vacanza di Hanukkah di otto giorni.

"Nuovi editti vengono lanciati contro il popolo ebraico – editti antisemiti dalla Corte penale internazionale che ci dice che noi, ebrei in piedi qui vicino a questo muro … in questa città, in questo paese, non abbiamo il diritto di vivere qui e che così facendo, stiamo commettendo un crimine di guerra ", ha detto.

"Puro antisemitismo", ha detto Netanyahu, sollevando un argomento che potrebbe colpire un accordo con molti israeliani che credono che le critiche, in particolare in Europa, alle politiche israeliane nei confronti dei palestinesi abbiano le sue radici nel sentimento antiebraico.

Il procuratore capo della Corte penale internazionale con sede all'Aia, Fatou Bensouda, ha dichiarato venerdì che avvierà un'indagine completa su presunti crimini di guerra in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est, e nella Striscia di Gaza non appena sarà stata istituita la giurisdizione della corte.

Israele ha catturato quelle aree durante la guerra in Medio Oriente del 1967 e ha ritirato truppe e coloni dalla Striscia di Gaza nel 2005.

L'annuncio di Bensouda apre la possibilità di presentare accuse contro israeliani o palestinesi. I media israeliani, tuttavia, lo hanno ampiamente descritto come un tentativo di sottoporre i leader e gli ufficiali militari israeliani all'arresto e al processo se viaggiano all'estero.

Le accuse di Netanyahu sembravano incentrate su uno scenario in cui le attività di insediamento israeliano in Cisgiordania e Gerusalemme est, dove il Muro occidentale si trova all'interno della Città Vecchia murata, potevano essere considerate dalla corte come crimini di guerra.

I pubblici ministeri dell'ICC hanno dichiarato che un'indagine preliminare sulla Cisgiordania si è concentrata su "segnalate attività legate agli insediamenti impegnate dalle autorità israeliane".

I palestinesi e molti paesi considerano gli insediamenti illegali. Israele lo contesta, citando i bisogni di sicurezza e le connessioni bibliche e storiche con la terra.

I palestinesi hanno accolto con favore la decisione di Bensouda.

FOTO FILE: il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu osserva mentre presiede la riunione del gabinetto settimanale nel suo ufficio di Gerusalemme il 15 dicembre 2019. Gali Tibbon / Pool via REUTERS / File Photo

Netanyahu ha detto venerdì che la CPI non ha giurisdizione per indagare sugli eventi nei Territori Palestinesi, sostenendo che potrebbe esaminare solo le petizioni presentate da uno stato sovrano.

La CPI ha l'autorità per ascoltare casi di crimini di guerra, genocidio e crimini contro l'umanità commessi sul territorio dei 123 paesi che hanno aderito ad esso.

Israele non si è unito alla corte ma l'Autorità palestinese, che esercita un autogoverno limitato nella Cisgiordania occupata, lo ha fatto. La Striscia di Gaza è gestita dal rivale dell'AP, il gruppo islamista di Hamas.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here