Muqtada al-Sadr pronto a vincere il voto in Iraq, secondo l’ex premier al-Maliki

0
11

I risultati iniziali in un contesto di bassa affluenza record suggeriscono che è improbabile che le lamentele che hanno spinto le persone in strada nel 2019 vengano affrontate.

I gruppi sciiti iracheni hanno dominato i governi e la formazione del governo dall’invasione guidata dagli Stati Uniti del 2003 che ha rovesciato il leader sunnita Saddam Hussein [File: Karim Kadim/AP]

Il partito del leader religioso musulmano sciita Muqtada al-Sadr è destinato a essere il più grande vincitore delle elezioni parlamentari irachene, aumentando il numero di seggi che detiene, secondo i primi risultati, funzionari e un portavoce del movimento sadrista.

L’ex primo ministro Nouri al-Maliki sembrava destinato ad avere la seconda vittoria più grande tra i partiti sciiti, i primi risultati hanno mostrato lunedì.

I gruppi sciiti iracheni hanno dominato i governi e la formazione del governo dall’invasione guidata dagli Stati Uniti del 2003 che ha rovesciato il leader sunnita Saddam Hussein e catapultato al potere la maggioranza sciita ei curdi.

Le elezioni di domenica si sono svolte con diversi mesi di anticipo, in risposta alle proteste di massa nel 2019 che hanno rovesciato un governo e hanno mostrato una rabbia diffusa contro i leader politici che, secondo molti iracheni, si sono arricchiti a spese del paese.

Ma un’affluenza record del 41% ha suggerito che un’elezione annunciata come un’opportunità per strappare il controllo all’élite al potere farebbe ben poco per sloggiare i partiti religiosi settari al potere dal 2003.

Un conteggio basato sui risultati iniziali di diverse province irachene più la capitale Baghdad, verificato da funzionari del governo locale, ha suggerito che al-Sadr ha vinto più di 70 seggi, che se confermato potrebbero dargli una notevole influenza nella formazione di un governo.

Un portavoce dell’ufficio di al-Sadr ha detto che il numero era di 73 posti. I notiziari locali hanno pubblicato la stessa cifra.

Un funzionario della commissione elettorale irachena ha detto che al-Sadr era arrivato per primo, ma non ha confermato immediatamente quanti seggi avesse vinto il suo partito.

I risultati iniziali hanno anche mostrato che i candidati pro-riforma emersi dalle proteste del 2019 avevano guadagnato diversi seggi nel parlamento di 329 membri.

I partiti sostenuti dall’Iran con legami con le milizie accusate di aver ucciso alcune delle quasi 600 persone morte nelle proteste hanno subito un duro colpo, conquistando meno seggi rispetto alle ultime elezioni del 2018, secondo i risultati iniziali e i funzionari locali.

Al-Sadr ha aumentato il suo potere sull’Iraq da quando è arrivato primo nelle elezioni del 2018 dove la sua coalizione ha vinto 54 seggi.

L’imprevedibile leader religioso populista è stato una figura dominante e spesso un sovrano nella politica irachena sin dall’invasione statunitense.

Si è opposto a tutte le interferenze straniere in Iraq, sia degli Stati Uniti, contro i quali ha combattuto una rivolta armata dopo il 2003, sia del vicino Iran, che ha criticato per il suo stretto coinvolgimento nella politica irachena.

Al-Sadr, tuttavia, è regolarmente in Iran, secondo funzionari a lui vicini, e ha chiesto il ritiro delle truppe statunitensi dall’Iraq, dove Washington mantiene una forza di circa 2.500 uomini in una continua lotta contro l’ISIS (ISIS).

Parlando da Baghdad, l’analista iracheno Ali Anbori ha affermato che la vittoria di al-Sadr non è stata una sorpresa.

“Muqtada ha lavorato molto per ottenere un vantaggio nelle elezioni. Essi [the Sadrists] hanno una buona macchina elettorale e usano tutti i mezzi per raggiungere i loro obiettivi”, ha detto Anbori ad Al Jazeera.

“Inoltre, Muqtada non è così lontano dall’Iran stesso. Alla fine, tutti i gruppi si siederanno insieme e formeranno un governo sotto l’ombrello del regime iraniano”, ha aggiunto.

“Muqtada è stato il principale attore politico in Iraq dal 2005”, ha detto Anbori, spiegando che nessun primo ministro iracheno ha preso quella posizione senza il tacito consenso di al-Sadr.

Anbori ha affermato tuttavia che “al-Sadr e il suo gruppo sono giocatori influenti accusati di corruzione”, non si aspettava che al-Sadr affrontasse le rimostranze della gente che li ha portati in piazza durante il movimento di protesta del 2019.

Nuova legge, stessi grandi partiti

Le elezioni in Iraq dal 2003 sono state seguite da lunghi negoziati che possono durare mesi e servire a distribuire le cariche di governo tra i partiti dominanti.

Il risultato di lunedì non dovrebbe alterare drasticamente l’equilibrio di potere in Iraq o nella regione più ampia.

Il voto di domenica si è svolto in base a una nuova legge presentata dal primo ministro Mustafa al-Kadhimi come un modo per allentare la morsa dei partiti politici consolidati e aprire la strada a candidati indipendenti e pro-riforma. Le circoscrizioni elettorali sono state ridotte e la pratica di assegnare seggi a liste di candidati sponsorizzate dai partiti è stata abbandonata.

Ma molti iracheni non credevano che il sistema potesse essere cambiato e hanno scelto di non votare.

La cifra ufficiale dell’affluenza alle urne di appena il 41% suggerisce che il voto non è riuscito a catturare l’immaginazione del pubblico, in particolare dei più giovani iracheni che hanno manifestato in grandi folle due anni fa.

“Non ho votato. Non ne vale la pena”, ha detto Hussein Sabah, 20 anni, all’agenzia di stampa Reuters nel porto meridionale dell’Iraq, Bassora. “Non c’è niente che possa giovare a me o ad altri. Vedo giovani laureati senza lavoro. Prima delle elezioni, [politicians] sono venuti tutti da loro. Dopo le elezioni, chi lo sa?”

Il predecessore di Al-Kadhimi, Adel Abdul Mahdi, si è dimesso dopo che le forze di sicurezza e gli uomini armati hanno ucciso centinaia di manifestanti nel 2019 in una repressione delle manifestazioni. Il nuovo primo ministro ha convocato il voto con mesi di anticipo per dimostrare che il governo stava rispondendo alle richieste di maggiore responsabilità.

In pratica, i partiti potenti si sono dimostrati i migliori in grado di mobilitare sostenitori e candidati in modo efficace, anche con le nuove regole.

L’Iraq ha tenuto cinque elezioni parlamentari dalla caduta di Saddam. La dilagante violenza settaria scatenata durante l’occupazione statunitense è diminuita e i combattenti dell’ISIL che hanno sequestrato un terzo del paese nel 2014 sono stati sconfitti nel 2017.

Ma molti iracheni dicono che le loro vite devono ancora migliorare. Le infrastrutture sono in rovina e l’assistenza sanitaria, l’istruzione e l’elettricità sono inadeguate.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here